Camilla Miglio

Associato
L-LIN/13 ( Letteratura tedesca )
Lingue, Culture, Letterature, Traduzione 15941 ( L-11 )
Studi europei, americani e inter-culturali
sede centrale terzo piano stanza 21
Telefono +39 49913069
Visualizza programmi a.a. 2017-2018  a.a. 2016-2017
Ricevimento

 
Mercoledì sede centrale stanza 25 terzo piano ore 9-12

Inizio lezioni letteratura tedesca Magistrale 9 ottobre 2017 - Calendario!!!
Dom 01 Ott 2017 lun 01 Ott 2018

Le lezioni cominceranno il 9 ottobre secondo il seguente Calendario

Calendario attività del corso di letteratura tedesca per la Magistrale

Lectura Fausti

Ottobre

2, aula 203 (ex-poste), ore 13

Presentazione dei corsi alle matricole di Germanistica LM MED LCLT

Incontro generale

3, aula 110 (ex poste), ore 10.15

Presentazione del corso di laurea magistrale LM 37 Scienze linguistiche letterarie e della traduzione

Incontro generale

5, aula magna (ex poste), ore 15.30

Introduzione alla traduzione letteraria

Incontro generale

9, aula A (Vetrerie) ore 11-13

Introduzione metodologica al corso. Introduzione metodologica: Faust Opera Mondo (Franco Moretti); Opera mondo e risposta alla tradizione; lo schema domanda/risposta e riscrittura delle tradizioni (Hans Robert Jauss); Faust mito dell’Individualismo moderno (Ian Watt)

Corso

12, aula F (Vetrerie)

ore 13-15

 

Le grandi tradizioni e narrazioni che si riscrivono nel Faust.
- La narrazione dello scienziato/mago medievale-rinascimentale
- La narrazione della fanciulla sedotta e infanticida
- La critica all’attualità e al moderno
- Le narrazioni classiche

Corso

16, aula A (Vetrerie) ore 11-13

Le forme:
- Lirica
- Dramma
- Tragedia
- Commedia
- Fantasmagoria
- Opera

Corso

19, aula F

Lettura testi:
Prologo in cielo / Prologo in terra. La struttura del Faust ‘suggerita’ da Schiller

Corso

23, aula A (Vetrerie) ore 11-13

Nacht

Corso

26, aula F

Studierzimmer – il dramma dello scienziato e la scommessa col diavolo

Corso

Novembre

2, aula F

Irren e Tat, traduzione e errore

Corso

6, aula A (Vetrerie) ore 11-13

Irren e Streben

Corso

9, aula F

Faust e la falsa coscienza del sublime

Corso

13, aula A (Vetrerie) ore 11-13

Gretchenstoff

Incontro: Bello e sublime ;Faust e Gretchen – il sentimento del sublime e la sospensione del tempo Garten, Ein Gartenhäuschen, Wald und Höhle

Corso

16, Goethe-Institut, ore 18.00

Incontro e laboratorio con Thomas Hettche, lettura del romanzo Die Pfaueninsel

Laboratorio con lo scrittore presso il Goethe Institut

A cura della Dott. Stefania De Lucia

17, aula F

Faust in musica Schubert, Schumann

Ascolti musicali

20, aula A (Vetrerie) ore 11-13

La cucina della strega

Corso

23, aula F

Gretchen homo novus?

Scene finali Faust I

Corso

27 aula A (Vetrerie) ore 11-13

Faust e Dante: il prologo sule rive del Lete

Corso

28 novembre, Mattinata al

Goethe-Institut

 

L’apprendista stregone / Der Zauberlehrling

 

 

 

Incontro con docenti delle scuole, editori, illustratori e workshop al Goethe Institut

A cura della Dott. Stefania De Lucia e e della Prof. Miglio

30 novembre, sala riunioni 2 (Ex Poste) ore 15-17

 

ore 19 Casa di Goethe Via del Corso 32

Incontro con Werner Waas

 

 

 

Berlin trifft Rom | Roma incontra Berlino Luogo | Ort: Roma, Casa di Goethe MAURO COVACICH e/und NORA BOSSONG „di tutti gli spiriti che dicono di no, / il Beffardo è quello che mi dà meno fastidio“ | “Von allen Geistern, die verneinen / ist mir der Schalk am wenigsten zur Last.“ Goethe, Faust I - Mefistofele e il „Prologo in cielo” | Mephistopheles und der „Prolog im Himmel“ In cooperazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Berlino

 

Workshop sulla traduzione teatrale

A cura della Dott. Stefania De Lucia e e della Prof. Miglio

 

 

Lesung e incontro con autori.

Lettura Live e adattamento da Goethe, Faust, I

Dicembre

1, Goethe-Institut

Lettura scenica con Werner Waas

 

4, aula A (Vetrerie) ore 11-13

Antico e moderno: Helena e Faust

 

7, aula F

Fantasmagoria dell’antico

 

11, aula A (Vetrerie) ore 11-13

Il finale del Faust: sincretismo e scenografia operistica

 

14, aula F

Sintesi e questioni aperte; presentazione del seminario sulle traduzioni

 

Dicembre-gennaio

14, 21 dicembre

seconda e terza settimana di gennaio,

lunedì aula A e giovedì aula F vetrerie

 

Seminario di traduzione

Le traduzioni del Faust in Italia

Analisi di quattro traduzioni italiane dalla prima del 1835 (Scalvini), a quella di Maffei (1878), Allason (1950), fino a Fortini (1975); 6 incontri seminariali da 2 ore a partire da giovedì 14 dicembre, lunedì 21 dicembre, con altri 4 incontri nel gennaio 2018.

 

Seminario / workshop

A cura della Dott. Daria Biagi

 

 

tutte le info su moodle

https://elearning2.uniroma1.it/course/view.php?id=5383#section-2

Corso letteratura tedesca III per LCLT comincia nel secondo semestre... cominciate a iscrivervi in piattaforma e-leraning!
Dom 01 Ott 2017 lun 01 Ott 2018

Per gli studenti del terzo anno della triennale LCLT

Il corso di letteratura tedesca III si terrà nel secondo semestre

si prega in ogni caso di iscriversi alal piattaforma del coro in e-learning per eventuali attività preliminari e conferenze che possano iniziare già nel primo semestre

https://elearning2.uniroma1.it/course/view.php?id=5429

Docente: Camilla Miglio                                                  a.a.: 2017/2018 - anno di corso: 3

Settore L-LIN/13 - CFU 12 - Semestre II - Codice 1032149                     Note 

 

Programma

“Halbasien”. Territori mentali nella letteratura di lingua tedesca tra Otto e Novecento

 Partendo da una riflessione sull’idea di ‘Mitteleuropa’ come spazio di memoria culturale e utilizzando gli strumenti interdisciplinari della geocritica e della geopoetica, il corso esplora la rappresentazione e la memoria di luoghi non più esistenti sulle mappe geografiche ma vivi nelle testimonianze letterarie – in forma poetica, narrativa o saggistica – di un cospicuo numero di autori, tutti nati in territori diversi ma accomunati dalla scrittura letteraria in lingua tedesca. Si procederà a una mappatura di territori mentali che testimoniano l’ambiente e la natura polifonica della letteratura di lingua tedesca di autori nel lembo orientale d’Europa, in zone di cerniera e fusione, tensione e dialettica tra mondo germanico, slavo, balcanico, ebraico.

Programma inglese

"Halbasien". Mental territories in the German-language literature in the nineteenth and twentieth century

 Starting from a reflection on the idea of 'Central Europe' as a space of cultural memory and using interdisciplinary tools as geocriticism and geopoetics, the course explores the representation and memory of places no longer existing on geographical maps but still alive in literary evidence - in form of poetry, fiction or nonfiction - in the works of authors, all born in different territories but united by literary writing in German. It will undertake a mapping of mental territories that bear witness to the environment and the polyphonic nature of German-language literature from authors in the eastern part of Europe, in the hinge and melting zones, tension and dialectics between the Germanic, Slavic, Balkanic, Jewish world.

 

 

 

Obiettivi

Conseguimento di una consapevolezza storico-critica dei principali aspetti letterari e culturali, legati a forti cesure e traumi storici, nell'area di lingua tedesca nel corso del XX secolo. Approfondimento, con casi di studio, del ruolo della letteratura (poesia e narrativa) nel primo Novecento e nel secondo dopoguerra.

 

Modalità esame
Orale

 

 

 

 

Testi

Karl Emil Franzos, Halbasien (dispensa)

Joseph Roth, Fuga senza fine, Adelphi

Rose Ausländer, Poesie (poesie e saggi, dispensa)

Paul Celan, Poesie e discorsi (dispensa)

Elias Canetti, La lingua salvata, Adelphi

Gregor von Rezzori, Sulle mie tracce 

Marcel Beyer (dispensa)

Alfred Margul-Sperber (a cura di), Die Buche. Eine Anthologie deutschsprachiger (selezione, dispensa)

 Approfondimento interdisciplinare

Bruno Schulz, Le botteghe color cannella, Einaudi

Osip Mandel’stam, Poesie (selezione, dispensa)

Marina Cvetaeva, Poesie (selezione, dispensa)

Katja Petrowskaja, Forse Esther, Adelphi

Jurij Andruchowytsch, Andrzej Stasiuk, Mein Europa, Suhrkamp

 

Italiano

Camilla Miglio (Bari 1964)

Germanista e traduttrice, studiosa di letteratura tedesca  contemporanea, novecentesca e dell‘Età di Goethe con particolare attenzione alle fiabe e alla poesia. In ambito comparatistico si occupa di storia, teoria e poetica della traduzione. Ha studiato nelle Università di Bari e di Pisa. A Pisa ha conseguito il Dottorato di ricerca in germanistica nel 1997 (Coordinatore Luciano Zagari). Dal 1998 al 2001 ha insegnato e operato nel ruolo di ricercatrice all’Università di Pisa. Dal 2001 al 2010 all’Università “Orientale” di Napoli nel ruolo di professore Associato, dove ha insegnato anche Teoria e storia della traduzione. Dal 2010 insegna letteratura Tedesca e Traduzione Letteraria tedesco-italiano alla "Sapienza" di Roma. Nel 2013 ha conseguito l'idoneità da Professore ordinario.

E' stata membro del collegio di Dottorato in letterature comparate dell'Università di Napoli L'Orientale, attualmente fa parte del collegio di Dottorato in Scienze del testo dell'Università di Roma "Sapienza". E' stata membro della redazione di "Studi Tedeschi", consulente editoriale della Casa editrice Donzelli, attualmente membro del comitato scientifico della rivista "Semicerchio. Rivista di poesia comparata" e della casa editrice "Sapienza Università Editrice". E' nel Comitato Tecnico scientifico di Digilab.
È stata responsabile del progetto E.S.T. (Europa Spazio di Traduzione co-finanziato dall‘Unione Europea (Programma Cultura 2007-2013). È co-fondatrice del sito di studi sulla traduzione “Il Porto di Toledo” (http://www.lerotte.net/).

Tra le sue pubblicazioni studi su Herder, Novalis, Goethe, Brentano, Rilke, Benn, Bachmann, Kafka, Celan. Su Paul Celan  tre libri— Celan e Valéry. Poesia, traduzione di una distanza (ESI, Napoli 1997); Vita a fronte. Saggio su Paul Celan (Quodlibet, Macerata 2005); L‘opera e la vita. Paul Celan e gli studi comparatistici (L‘Orientale, Napoli 2008, curato con Irene Fantappiè). Su Ingeborg Bachmann la monografia La terra del morso. L'Italia ctonia di Ingeborg Bachmann, Quodlibet, Macerata 2012. Su teoria e storia della traduzione ha curato due volumi (Il demone a vela. Traduzione e riscrittura tra didattica e ricerca, L‘Orientale, Napoli 2006; Dello scrivere e del tradurre, L‘Orientale, Napoli 2007). Ha tradotto autori tedeschi del Romanticismo e del Novecento, tra cui i Fratelli Grimm, Clemens Brentano, A. Jacob Liebenskind, Franz Kafka, H. M. Enzensberger, Peter Waterhouse,  Ulrike Draesner, Ulf Stolterfoht, Navid Kermani, Lutz Seiler, Paul Celan, Rose Auslaender e D. Gruenbein in antologie.

Nel 2010 ha ricevuto il Bundesverdienstkreuz der Bundesrepublik Deutschland per il suo lavoro di mediazione della cultura tedesca in Italia. E nel 2005, il Premio Ladislao Mittner per la Germanistica del DAAD (Ministeri Cultura e Affari Esteri della Repubblica Federale di Germania). E' membro dell'Associazione italiana di germanistica (AIG, nel cui direttivo è stata dal 1999 al 2001) e dell'Associazione internazionale di letteratura comparata (AILC). Fa parte delle giurie scientifiche del Premio Nazionale di traduzione sotto l'alto patronato del Presidente della Repubblica (MIBAC_MAE), del premio di traduzione italo-tedesco (MIBAC_MAE / Ministeri della cultura e degli esteri tedeschi), del Premio Napoli. E' membro della commissione esperti dell'ANVUR per le riviste e i libri scientifici.

Coniugata, ha 3 figli e una figlia. 

STUDI 

• 1992-1997: Dottorato di Ricerca in Germanistica presso l’Università degli Studi di Pisa (coordinatore Luciano Zagari). Tesi di dottorato: Nomi in terra straniera. Celan e Valéry. Poesia e traduzione. 
• 1988: Laurea in Lingue e Letterature Straniere presso l’Università degli Studi di Bari (Tedesco-Inglese). Tesi di Laurea in Storia della critica letteraria: Metodo, Storia, Metastoria. La Kultur der Renaissance in Italien di Jakob Burckhardt 
• 1983: Maturità Classica, Liceo Ginnasio “Quinto Orazio Flacco”, Bari 
• 1983-1996: Soggiorni di studio all’estero - in Germania, Austria, Svizzera, Inghilterra, Francia, USA. 
 


Inglese

Camilla Miglio (Bari 1964)- PhD in German Studies (Un. of Pisa). Professor in German Studies and translator, scholar of contemporary and twentieth-century German literature  and of the Age of Goethe,  as well as of theory and history, sociology and poetics of translation. Since 2010 at the "Sapienza" University of Rome. Previously, for a decade, at the "Orientale" University of Naples. From 1998 to 2001 she taught and worked in the role of researcher at the University of Pisa. She was project manager E.S.T. (Europe as a Space of Translation (2007-2013), co-founded by the European Union (Culture Programme). She is co-founder of the translation studies platform "Il Porto di Toledo" (www.lerotte.net). She translated German writers of the Romantic and twentieth centuries, including The Brothers Grimm, Clemens Brentano, A. Jacob Liebenskind, Franz Kafka, H. M. Enzensberger, Peter Waterhouse,  Ulrike Draesner, Ulf Stolterfoht, Navid Kermani, Lutz Seiler, Paul Celan, Rose Auslaender  and D. Gruenbein in anthologies. She’s currently translating the Brothers Grimm’s Fairy Tales. Her publications include studies on Herder, Novalis, Goethe, Brentano, Rilke, Benn, Bachmann, Kafka, Celan. On Paul Celan Celan- three books: Celan e Valéry. Poesia, traduzione di una distanza, (ESI, Naples 1997), Vita a fronte. Saggio su Paul Celan (Quodlibet, Macerata 2005), L’Opera e la vita. Paul Celan e gli studi comparatistici (L‘Orientale, Naples 2008, edited with Irene Fantappiè). On theory and history of translation se has edited two volumes (Il demone a vela. Traduzione e riscrittura tra didattica e ricerca, L’Orientale, Naples 2006; Dello scrivere e del tradurre, L’Orientale, Naples 2007). 2010 she received the Bundesverdienstkreuz der Bundesrepublik Deutschland. And 2005, The Ladislao Mittner Award in German Studies, delivered by DAAD (Ministries of Culture and Foreign Affairs of the Federal Republic of Germany). Married, has 3 sons and a daughter. STUDIES 1992-1997: Ph.D. in German Studies at the University of Pisa. PhD thesis: Names in a foreign land. Celan and Valéry. Poetry and Translation (mention: excellent) 1989: Kleines Sprachdiplom, Goethe Institut in Monaco 1988: Degree in Languages and Literature at the University of Bari (German-English). Thesis in History of Literary Criticism: Method, Metahistory. The Kultur der Renaissance in Italien of Jakob Burckhardt (110 e lode) 1983: Maturitá classica, liceo Quinto Orazio Flacco, Bari (60/60) 1983-1996: Periods of study abroad - in Germany, Austria, Switzerland, England, France, USA. Member of the Jury of National Translation Prize, of the Deutsch-Italienischer Uebersetzerpreis, of the Premio Napoli. Member and previusly member of the board of the AIG (Associazione italiana di Germanistica) and AILC (International Association for Comparative Studies). Member of teh scientific Commitee of "Studi tedeschi" (2003-2010), "Semicerchio". Coodinator of the editorial Board of "Sapienza University Press" (Sector of the Humanities).


Sono presenti 2 pubblicazioni. Visualizza

Sono presenti 5 dispense. Visualizza