Marcello Muste

Associato
M-FIL/01 ( Filosofia teoretica )
Filosofia 26669 ( LM-78 )
Filosofia
Dipartimento di Filosofia - Stanza 207
Visualizza programmi a.a. 2018-2019  a.a. 2017-2018
Ricevimento

Stanza 207 - Lunedì ore 16,30-18

Appello straordinario di venerdì 14 dicembre 2018
lun 10 Dic 2018 Sab 15 Giu 2019

L'appello straordinario di venerdì 14 dicembre 2018 è fissato per le ore 9 presso la mia stanza 207 al secondo piano di Villa Mirafiori.

Si seguirà l'ordine di prenotazione e non quello di arrivo.

Inizio corso e orari di lezione
Mer 19 Set 2018 Gio 19 Set 2019

Il corso del primo semestre per la Laurea Magistrale inizierà lunedì 8 ottobre.

Le lezioni si svolgeranno il lunedì dalle 14,30 alle 16,30 e il giovedì dalle 10,30 alle 12,30 sempre in Aula 2.

Con l'inizio delle lezioni, cioè dall'8 ottobre, il ricevimento si terrà il lunedì dalle 16,30 alle 18.

Trovate l'indicazione dettagliata dei programmi sul sito della Facoltà, alla voce "frequentare".

Per qualsiasi dubbio non esitate a contattarmi al ricevimento o sulla posta elettronica.

 

Programma

Il marxismo in Italia: Labriola e Gramsci.

Il corso propone una considerazione storica del marxismo italiano e la lettura di due saggi di Antonio Labriola sul materialismo storico e di alcune parti dei Quaderni del carcere di Antonio Gramsci.
La prima parte del corso è dedicata a una introduzione generale, di carattere storico e teorico, al problema del marxismo italiano, con particolare riferimento alla prima conoscenza dei testi di Marx ed Engels e alle principali edizioni e traduzioni.
La seconda parte del corso si sofferma sulla prima formazione di Antonio Labriola alla scuola dello hegelismo napoletano, quindi propone una lettura dei tre saggi sul materialismo storico e un’analisi del quarto saggio incompiuto e dei documenti dell’ultimo periodo della sua vita.
L’ultima parte del corso propone una interpretazione di alcune parti dei Quaderni del carcere di Gramsci, in particolare delle tre serie degli “Appunti di filosofia” e delle pagine dei Quaderni 10 e 11 dove emerge la determinazione di una filosofia della praxis.

Testi consigliati

Parte generale: 
M. Mustè, Marxismo e filosofia della praxis. Da Labriola a Gramsci, Viella, Roma 2018.

Parte monografica: 
A. Labriola, Del materialismo storico. Dilucidazione preliminare
A. Labriola, Discorrendo di socialismo e di filosofia
A. Gramsci, Quaderni del carcere, Einaudi, Torino 1975 (le parti che costituiranno oggetto di esame saranno indicate dal docente nel corso delle lezioni).


per non frequentanti

Oltre i testi indicati per gli studenti frequentanti, i non frequentanti aggiungeranno lo studio del seguente libro: G. Vacca, Modernità alternative. Il Novecento di Antonio Gramsci, Einaudi, Torino 2017.

Tesi di laurea
Sab 23 Dic 2017 lun 23 Dic 2019

Alla voce "dispense" trovate un file pdf (che potete scaricare) che contiene alcuni criteri per l'assegnazione delle tesi di laurea, sia triennali sia magistrali, e alcune regole  basilari (sullo stile, sulle tecniche di citazione ecc.) per la composizione dei vostri lavori.

Italiano

Cenni biografici.
Marcello Mustè è nato a Roma, dove ha condotto gli studi universitari, laureandosi in Filosofia alla Sapienza nel 1984 con una tesi su Marx, seguita da Mario Reale e Nicolao Merker. Dal 1984 al 1987 è stato borsista dell'Istituto Italiano per gli Studi Storici di Napoli, dove ha poi svolto per molti anni attività didattica e di ricerca, collaborando con Gennaro Sasso. Dal 1985 al 1987, è stato redattore della “nuova serie” della “Rivista trimestrale”, pubblicandovi dodici articoli. Nel 1991 ha conseguito il titolo di dottore di ricerca alla Sapienza. Dal 1997 al 2005 ha lavorato alla "Fondazione Giovanni Gentile per gli Studi Filosofici" dell'Università "La Sapienza" in qualità di “Segretario e Curatore dell'archivio e della biblioteca di Gentile”. E' stato professore a contratto di Storia della filosofia dal 2001 al 2007, assegnista di ricerca di Filosofia morale (2005-2006), ricercatore di Filosofia teoretica dal 2007 e attualmente è professore associato di Filosofia teoretica. Nel 2017 ha conseguito l'abilitazione di prima fascia nel settore di Filosofia teoretica.
Dal 2012 al 2016 ha insegnato Ermeneutica filosofica, in qualità di Visiting Professor, alla Pontificia Università Antonianum.
 
Impegno scientifico e accademico.
È membro del Consiglio scientifico della Fondazione Gramsci Onlus.
Ha collaborato con l'Enciclopedia Italiana, in particolare ai volumi: Il contributo italiano alla storia del pensiero. Filosofia (ottava appendice), Enciclopedia machiavelliana e Croce e Gentile. La cultura italiana e l'Europa.
Fa parte, dal 2007, del Collegio dei docenti del Dottorato di ricerca in Filosofia.
È membro della Commissione didattica del corso di laurea e della Giunta di Dipartimento.
Ha diretto la rivista "Novecento" dal 1991 al 1999. 
Fa parte del Comitato scientifico di alcune riviste: "Annali della Fondazione Gramsci", “La Cultura”, “Filosofia italiana”, “Lo Sguardo”, “Azimuth”, “Filosofia.it”.
Scrive su diverse riviste scientifiche, tra le quali, con maggiore continuità: "Giornale critico della filosofia italiana", "La Cultura", "Studi storici".
Nel 2016 è stato nominato dal Ministero dei beni culturali Segretario del Comitato nazionale per il bicentenario della nascita di Bertrando Spaventa.
 
Aree di interesse.
1) Filosofia italiana. Ha scritto saggi e monografie sulla storia dell’idealismo italiano – occupandosi di autori come Bertrando Spaventa, Benedetto Croce, Giovanni Gentile, Adolfo Omodeo, Carlo Antoni, Luigi Scaravelli, Enrico De Negri, Guido Calogero, Ernesto De Martino, Eugenio Garin –, sul marxismo italiano – da Antonio Labriola ad Antonio Gramsci –, sulla cultura cattolica del Novecento – Franco Rodano, Felice Balbo, Giuseppe De Luca, Augusto Del Noce – e sulla filosofia italiana dell’Ottocento – Vincenzo Gioberti, Antonio Rosmini, Giuseppe Ferrari, Giacomo Leopardi, Francesco De Sanctis.
2) Teoria e storia della storiografia. Oltre le più note ricerche sulla storiografia italiana dell'Ottocento e del Novecento, ha studiato la storiografia francese delle “Annales”, dedicando una monografia all’opera di Marc Bloch. Nell'ambito della filosofia e della teoria della storia, ha scritto i due libri su La storia (Carocci, 2005) e Tra filosofia e storiografia (Aracne, 2011), quindi il saggio su Storia, metodo, verità (apparso originariamente in "La Cultura" e ristampato nel 2014, per un volume internazionale, dall’editore Unicopli), fino alle più recenti indagini sulla microstoria e sulla storiografia di Carlo Ginzburg. 
3) Filosofia tedesca da Hegel a Nietzsche. A partire dagli studi su Marx, a cui ha dedicato la tesi di laurea e alcuni scritti successivi, ha approfondito lo sviluppo della filosofia tedesca tra Hegel e Nietzsche. A due temi hegeliani – la filosofia della storia e il concetto di “vita” – ha dedicato gli studi (i primi due capitoli) che si leggono nel volume Tra filosofia e storiografia. A Nietzsche ha dedicato una serie di corsi universitari e di relative dispense.
 
Metodi e indirizzi di ricerca.
Ha condotto l’indagine teoretica in stretta relazione con gli studi di storia della filosofia e di storia della storiografia, in generale nell’ambito della storia delle idee, adottando un metodo storico-critico che spesso privilegia l’uso di fonti archivistiche e di documentazione inedita.
Cerca pertanto di coniugare una rigorosa analisi strutturale delle opere filosofiche con la ricerca storica sulle fonti e sugli effetti, con particolare riguardo ai processi di lungo periodo della filosofia italiana moderna e contemporanea (idealismo, storicismo, riforma della dialettica, filosofia della praxis, ecc.).
 


Inglese

Marcello Mustè was born in Rome, where he led his university studies. From 1984 to 1987 he was at the “Istituto Italiano per gli Studi Storici” in Naples, where he spent many years in research activities. From 1985 to 1987, he was editor of the "new series" of the "Rivista trimestrale". In 1991 he obtained the Ph.D. degree at Sapienza. From 1997 to 2005 he worked at the "Fondazione Giovanni Gentile per gli Studi Filosofici" as "Secretary and Editor of Gentile’s Archive and Library". He was professor of History of Philosophy from 2001 to 2007, fellow of Moral Philosophy (2005-2006), researcher of Theoretical Philosophy since 2007 and he is currently associate professor of Theoretical Philosophy. From 2012 to 2016 he was professor of Philosophical Hermeneutics, as Visiting Professor, at the Pontifical University Antonianum.

He is a member of the Scientific Council of the “Gramsci Onlus Foundation”.
He collaborated with the Enciclopedia Italiana, in particular with the books: "Il contributo italiano alla storia del pensiero. Filosofia" (eighth appendix), "Enciclopedia Machiavelliana" and "Croce e Gentile. La cultura italiana e l’Europa".
Since 2007 he has been a member of the Faculty Board of the PhD program in Philosophy.
He is a member of the Didactic Commission for the degree course and the Department Board.
He directed the review "Novecento" from 1991 to 1999.
He is part of the Scientific Committee of some rewies: "Annali della Fondazione Gramsci ", "La Cultura", "Filosofia Italiana", "Lo Sguardo", "Azimuth", "Filosofia.it".
He writes in several scientific reviews, among which: "Giornale critico della filosofia italiana ", "La Cultura", "Studi storici".
In 2016 he was nominated as Secretary of the National Committee for the bicentenary of the birth of Bertrando Spaventa. In the context of this activity he is curating the complete edition of Spaventa's Correspondance and the project for the National Edition of his works.

He conducts the theoretical investigation in relationship with the studies of the history of philosophy and history of historiography, in general in the history of ideas, adopting a historical-critical method, with a large use of archival sources and unpublished documentation .

His recent studies are addressed to the philosophy of Italian Marxism and in particular to the work of Antonio Gramsci, to whom he has dedicated specific research, also in relation to the publication of the National Edition of the works, promoted by the Fondazione Gramsci Onlus and in press for the Enciclopedia Italiana. The book "Marxism and philosophy of praxis: from Labriola to Gramsci" (Viella 2018) proposes a reconstruction of the whole development of Italian Marxism between the end of the nineteenth century and the middle of the nineteenth century.

He has written essays and books on the history of Italian idealism - Bertrando Spaventa, Benedetto Croce, Giovanni Gentile, Adolfo Omodeo, Carlo Antoni, Luigi Scaravelli, Enrico De Negri, Guido Calogero, Ernesto De Martino, Eugenio Garin -, on Italian Marxism - from Antonio Labriola to Antonio Gramsci -, on the Catholic culture in the twentieth century - Franco Rodano, Felice Balbo, Giuseppe De Luca, Augusto Del Noce - and on the nineteenth-century Italian philosophy - Vincenzo Gioberti, Antonio Rosmini, Giuseppe Ferrari, Giacomo Leopardi , Francesco De Sanctis.

Besides the research on Italian historiography of the nineteenth and twentieth centuries, he studied the French historiography of the "Annales", dedicating a book to the work of Marc Bloch. In the field of philosophy and theory of history, he wrote two books on “La storia” (Carocci, 2005) and “Tra filosofia e storiografia” (Aracne, 2011), and the essay on "History, Method, Truth" (originally appeared in "La Cultura" and reprinted in 2014, for an international book Unicopli), until the most recent studies on the micro-history and historiography of Carlo Ginzburg.

Starting from his studies on Marx, he has deepened the development of the German philosophy between Hegel and Nietzsche.


Sono presenti 2 pubblicazioni. Visualizza

E' presente 1 dispensa. Visualizza

· Venerdì 14 dicembre 2018 (Appello straordinario)
· Lunedì 21 gennaio 2019
· Lunedì 11 febbraio 2019
· Lunedì 18 febbraio 2019
· Venerdì 12 aprile 2019 (Appello straordinario)
· Lunedì 10 giugno 2019
· Lunedì 1 luglio 2019
· Lunedìì 15 luglio 2019
· Lunedì 9 settembre 2019
· Lunedì 23 settembre 2019
· Venerdì 13 dicembre 2019 (Appello straordinario)
. Lunedì 20 gennaio 2020