Marco Maiuro

Ricercatore a tempo determinato
L-ANT/03 ( Storia romana )
Corso di laurea non definito
Scienze dell'Antichità
Telefono (+39) 06 49911
Visualizza programmi a.a. 2018-2019  a.a. 2017-2018
Ricevimento

Si avvisano gli studenti che il ricevimento nel semestre autunnale dell'anno accademico 17/18 si terrà il mercoledì dalle 15.30 alle 17, a partire dal giorno 2 ottobre 2017.

Programma Esame Storia Romana, Mod. B
Ven 19 Gen 2018 Dom 19 Gen 2020

Nel corso delle lezioni tenute nella seconda metà del semestre autunnale 17/8 (Parte B del corso integrato Nonnis/Maiuro, laurea triennale) ci siamo soffermati su alcuni problemi di storia politica e sociale della tarda repubblica, avendo per guida e fonte principale Cicerone e alcune sue orazioni, specialmente nel periodo 64-62.

I temi analizzati sono stati:

-       Il valore storiografico delle orazioni e la complessa relazione tra oratoria e verità storica

-       Cicerone in quanto homo novus, Cicerone in quanto membro ed esponente dell’elite di origine municipale

-       Cicerone e i problemi dell’Italia e la sua azione politica e il suo pensiero negli anni che vanno dalla pretura all’anno successivo al suo consolato

-       Il problema della distribuzione di terra, con speciale riferimento al proletariato urbano e ai diritti degli abitanti dell’Italia

-       Il problema del debito privato e delle possibili relazioni tra la congiura di Catilina e l’indebitamento dei ceti possidenti italici

-       Il problema della cittadinanza e dell’estensione della civitas a tutta l’Italia, inclusa la Transpadana

-       Il concetto di Italia, come viene articolato dalle origini sino al 49

-       La maturazione in Cicerone della presa di coscienza della rilevanza dei ceti possidenti italici quali bastioni della difesa dell’ordine repubblicano

 

Gli studenti che vorranno approfondire, potranno leggere con profitto:

E. Narducci, Cicerone, la parola e la politica, Roma-Bari 2008;

Ed. Bispham, From Asculum to Actium, Oxford 2007;

A. Lintott, Cicero as evidence, Oxford 2010;

E. Lepore, Il Princeps ciceroniano, Napoli 1955;

K. Kumaniecki, Cicerone e la crisi della Repubblica romana, Roma 1972.

I saggi contenuti nella Cambridge Ancient History, (2nd ed.), vol. 8, Cambridge 1989 sono tutti eccellenti introduzioni al periodo storico in questione.

Ai fini dell’esame, tengo a ribadire che non è richiesta la lettura di alcun saggio qui sopra elencato.

 

È invece richiesta la lettura integrale delle orazioni lette in classe (anche in traduzione in lingua moderna): de lege agraria, oratio secunda; in Catilinam, oratio secunda; pro Archia poeta. Delle medesime orazioni si richiede la lettura in Latino (lettura, traduzione e commento) dei seguenti passi:

de leg. agr., 2.1-5, 9-15, 30-60, 65-100;

in Catil. 2.5, 17-26;

pro Arch. 1-12.

 

Si richiede altresì la lettura, traduzione e commento dei testi in Latino e in Greco riportati negli handouts:

1.     Cicerone, la sua identità municipale e il rapporto tra oratoria e verità

2.     Cicerone candidatus e i ceti e gruppi di pressione politica

3.     La pro Sulla

4.     Il problema del debito e la soluzione cesariana

5.     Le leges de ciuitate (Iulia, Plautia Papiria, Pompeia Strabonis), la lex Mucia e la lex Papia. L’orazionepro Balbo e i passi paralleli allapro Archia.

Italiano
Curriculum non presente

Inglese
Curriculum non presente

Nessuna pubblicazione disponibile.

Sono presenti 5 dispense. Visualizza

Nessun appello di esame disponibile.