Galateo degli studenti dal sito della Sapienza https://web.uniroma1.it/fac_medpsico/sites/default/files/galateo%20degli%20studenti.pdf

“Galateo” di studentesse e studenti
La Sapienza si è dotata di un codice etico che regola tutte le questioni che coinvolgono il rapporto fra tutte le componenti dell’Ateneo: docenti, personale tecnico amministrativo e bibliotecario, studentesse e studenti. Qui elenchiamo solo raccomandazioni non formali, di buon senso.
La fruizione della lezione è un diritto di chi frequenta l’università: è doveroso non disturbare la lezione per rispettare la libertà di chi la sta seguendo e il lavoro dei docenti.
È importante rispettare la puntualità alle lezioni, soprattutto perché arrivare in ritardo spesso significa perdersi il contenuto della lezione, e ancora di più in sede di esame. In quest'ultimo caso, è obbligatorio presentarsi puntuali nel luogo e all'ora della convocazione, onde consentire, nell'interesse di tutti, il rapido disbrigo delle formalità, la stesura del calendario d'esame definitivo, e il regolare svolgimento dell'esame. Durante gli esami orali, che sono pubblici e quindi aperti alla partecipazione di chiunque, è doveroso rimanere in rigoroso silenzio, per non deconcentrare chi sta sostenendo l’esame.
Durante un esame scritto o una prova in itinere è doveroso non copiare. In primo luogo, per rispetto verso gli altri studenti che invece rispettano le regole; non meno importante è il rispetto verso se stessi e verso la propria formazione. L’effettiva valutazione delle proprie conoscenze di una materia è una tappa fondamentale del percorso formativo. Infine anche i docenti meritano questo atto minimo di rispetto del loro lavoro.
Il rispetto reciproco tra studente e docente è fondamentale. Nelle situazioni che si condividono è doveroso mantenere un atteggiamento consono all’Istituzione nella quale lavoriamo, nei gesti, nei modi, e nel decoro personale. Altra forma di rispetto importante da parte dello studente nei confronti di se stesso e del docente è quella di non “provare” l’esame. Questo non perché uno studente non abbia diritto di partecipare a ciascuno degli appelli previsti durante l'anno, ma perché la partecipazione a un esame deve essere una scelta consapevole e responsabile, finalizzata alla valutazione delle proprie conoscenze.
È importante verificare frequentemente le informazioni riguardanti il corso ed in particolare gli esami, sia sulla pagina web del docente, sia su Infostud, segnalando eventuali difformità, in modo da poter rispettare le modalità d'esame indicate dal docente. Prima di richiedere informazioni a un docente (sui corsi, sugli esami, sull'orario di ricevimento), è necessario verificare che queste informazioni non siano facilmente reperibili sulla pagina web del docente.
Per le comunicazioni ai docenti o ad altro personale dell’università (ad esempio segreteria didattica, presidenza, ecc.) si deve usare solo la posta istituzionale. Innanzitutto perché questo è l’unico modo per essere certi che il docente possa adeguatamente tutelare il vostro diritto alla riservatezza. Un diritto sancito dalla legge.* Inoltre, spesso la posta personale non istituzionale non supera il vaglio dei filtri antispam delle caselle di posta istituzionali e viene cestinata. Nelle e-mail destinate ai docenti si prega di specificare il proprio nome, cognome, matricola e l’insegnamento a cui ci si riferisce, così da permettere al docente (che ha tanti altri studenti e in genere ha più di un corso d’insegnamento) di rispondere in maniera puntuale.
È opportuno tener presente che il personale dell’Università ha anche altri doveri oltre a quelli di rispondere direttamente alle richieste di studenti e docenti. Se il personale dedicasse tutto il suo tempo a rispondere a tali richieste, non ne potrebbe evadere alcuna. Il lavoro di “back- office” è altrettanto decisivo per risolvere i problemi.
Analogamente è opportuno tener presente che un docente universitario ha anche altri doveri, oltre ai carichi didattici. Doveri che gli impongono, ad esempio, di partecipare a diversi organi di governo dell'università, ai diversi livelli di articolazione. Si occupa della ricerca scientifica, partecipa a congressi scientifici, ha rapporti di collaborazione con altre istituzioni di ricerca, in Italia e all'estero. Un docente che dedicasse tutto il suo tempo alla didattica risulterebbe inadempiente e, ad esempio, non potrebbe accedere agli scatti stipendiali. Infine studenti e docenti sono persone e come tali, possono avere dei momenti di debolezza. La maggior parte delle incomprensioni tra docenti e studenti o fra studenti e personale tecnico amministrativo e bibliotecario ed in genere fra persone intelligenti, si risolve con un diretto chiarimento, confrontando le proprie istanze con il proprio interlocutore e mostrando una leale disponibilità a trovare un punto d'incontro.
 

Data inizio: 
Domenica, 3 Gennaio, 2021
Data fine: 
Venerdì, 3 Gennaio, 2025

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma