LAUREA
Estetica
a.a.: 2019/2020 - anno di corso: 1
Settore M-FIL/04 - CFU 6 - Semestre II - Codice 1022651
Note insegnamento: Estetica CANALE 2
Cdl associati Visualizza
Programma
Estetica analitica
Il corso si propone di affrontare il problema dell’ontologia dell’opera dell’arte, attraverso la riflessione di uno dei protagonisti dell’estetica analitica: Arthur Coleman Danto. La sua filosofia dell’arte verrà analizzata con particolare riferimento ad alcune nozioni chiave, quali: “indiscernibili”, “aboutness”, “embodiment”, “identificazione artistica”, “interpretazione costitutiva” e “mondo dell’arte”. In questo quadro teorico l’analisi della teoria di Danto permetterà di ripensare il rapporto tra arte e realtà all’interno della produzione artistica contemporanea. Il problema ontologico dell’opera d’arte verrà affrontato anche mettendo a confronto due ulteriori teorie: da un lato, la teoria dualista di Nicholas Wolterstorff, che distingue ontologicamente l’opera d’arte dalle sue “manifestazioni” o “esecuzioni”; dall’altro lato, quella di Joseph Margolis, che promuove un “realismo culturale” nel quale esistono soltanto le “manifestazioni” dell’opera. Attraverso il problema dello statuto ontologico dell’opera d’arte il corso si propone di delineare alcune questioni centrali dell’estetica analitica contemporanea, che permettano di restituire lo sfondo teorico e la complessità del dibattito in corso.
Programma inglese
Analytical Aesthetics
The course aims to address the problem of the ontology of the work of art, through the analysis of one of the major protagonists of the analytical aesthetics: Arthur Coleman Danto. His philosophy of art will be analyzed with special attention to some key notions, such as: “indiscernibility”, “aboutness”, “embodiment”, “artistic identification”, “constitutive interpretation” and “artworld”. In this theoretical framework, the analysis of Danto’s theory will allow to rethink the relationship between art and reality in the context of contemporary artistic production. The problem of the ontology of art will also be addressed by comparing two further theories: on the one hand, the dualistic theory of Nicholas Wolterstorff, which ontologically distinguishes the work of art from its “manifestations” or “executions”; on the other hand, that of Joseph Margolis, which promotes a “cultural realism” in which exist only the manifestations of the work. Through the problem of the ontology of art, the course aims to address some central issues of contemporary analytical aesthetics, that allow to outline the theoretical framework of the ongoing debate.

Obiettivi
Obiettivo del corso è fornire agli studenti gli strumenti concettuali di base per la comprensione delle fondamentali questioni dell’estetica e dell’arte. Gli studenti non soltanto affineranno e specializzeranno la loro conoscenza dei testi esaminati, ma svilupperanno anche la loro capacità di analizzare e commentare quegli stessi testi.

Valutazione
- Prova orale
Descrizione valutazione
L’esame prevede un colloquio orale che avrà la durata media di 30 minuti e verterà sui temi affrontati a lezione. Per superare tale prova lo studente dovrà dimostrare di: (1) conoscere le teorie fondamentali degli autori trattati; (2) saper leggere in modo approfondito e critico i testi analizzati durante il corso; (3) saper padroneggiare in modo adeguato il lessico tecnico specialistico dei vari autori trattati; (4) saper ricostruire con precisione e accuratezza gli snodi teorici più importanti, anche nella loro evoluzione diacronica; (5) saper argomentare in modo critico e originale a partire dai vari testi, temi e problemi trattati. Il pieno soddisfacimento dei punti 1 e 2 è condizione necessaria al superamento dell’esame. I voti superiori al 27 saranno attribuiti agli studenti le cui prove soddisfano tutti e cinque i punti indicati.

Testi
- Gli studenti frequentanti dovranno portare tutti i seguenti testi d'esame:
1)  A.C. Danto, La trasfigurazione del banale, Laterza, 2008 (parti da indicare).
2)  A.C. Danto, La destituzione filosofica dell'arte, Aesthetica, 2008 (parti da indicare).
3)  A.C. Danto, Dopo la fine dell'arte. L'arte contemporanea e il confine della storia, Bruno Mondadori, 2008 (soltanto pp. 202-230).
4)  N. Wolterstorff, Verso un'ontologia delle opere d'arte, in P. Kobau, G. Matteucci, S. Velotti (a cura di), Estetica e filosofia analitica, il Mulino, 2007, pp. 111-139.
5)  J. Margolis, La peculiarità ontologica delle opere d'arte, in P. Kobau, G. Matteucci, S. Velotti (a cura di), Estetica e filosofia analitica, il Mulino, 2007, pp. 141-150.
6)  J. Margolis, Ma allora, che cos'è un'opera d'arte? Lezioni di filosofia dell'arte, Mimesis, 2011, pp. 97-135.
 
- Gli studenti non frequentanti dovranno aggiungere ai precedenti testi d’esame la seguente bibliografia integrativa:
1)  L. Marchetti, Oggetti semi-opachi. Sulla filosofia dell’arte di Arthur C. Danto, AlboVersorio, Milano, 2009.

Note

Orario Lezioni
Mercoledì 13.30 - 15.30 (Aula XII - Villa Mirafiori - Piano terra (esterno))
Venerdì 13.30 - 15.30 (Aula XII - Villa Mirafiori - Piano terra (esterno))
Inizio lezioni 4 Marzo 2020