LAUREA MAGISTRALE
Docente: Dario Cecchi
Aesthetics
a.a.: 2020/2021 - anno di corso: 2
Settore M-FIL/04 - CFU 6 - Semestre I - Codice 1044820
Note insegnamento:
Dispense: E' presente 1 dispensa associata all'insegnamento. Visualizza
Cdl associati Visualizza
Programma
L’arte come dispositivo: ripensare l’oggetto artistico con e a partire da John Dewey
 
A partire dalla seconda metà del Novecento, si è sviluppato un vasto movimento teorico e critico, teso a rimettere in questione lo statuto, la funzione e la fruizione dell’opera d’arte. Esemplare di tale tendenza è l’idea che l’opera d’arte sia una “opera aperta” (Eco), la quale non si presenta come un oggetto finito, ma predispone il pubblico a completarne e renderne effettiva l’esperienza. La sperimentazione artistica nei diversi campi (street art, video e narrativa tra gli altri) ha ampiamente oltrepassato i confini di questa pur avanzata concezione teorica dell’opera. Allo stesso tempo, molti filosofi (Desideri, Montani, Nanay, Schaeffer, Velotti) diversi filosofici hanno incentrato la loro teoria estetica verso il tema di come l’esperienza estetica sia capace di orientare l’intensità e la qualità dell’attenzione. Attraverso la riflessione estetica di John Dewey e di alcuni tra i suoi prosecutori più o meno diretti (Iser, Mead, Noë), si mostrerà come l’arte possa essere ripensata come un “dispositivo” capace di collegare in modi creativi percezione, pensiero e abitudini, così da elaborare forme inedite di attenzione. 
Programma inglese
Art as Device: The Art Object Reconsidered, with and after John Dewey
 
Since the second half of 20th century, a wide wave, both theoretical and critical, developed, aiming at reconsidering the status, function and fruition of the work of art. The idea that the work of art is an “open work” (Eco) epitomizes this trend: the artwork is not presented as accomplished object, and rather prepares the public to complete its own experience, making it effective. Though advanced, this theoretical conception of the work has been largely overcome by art experimentation in its different fields (street art, video, and narrative among others). Meanwhile, several philosophers (Desideri, Montani, Nanay, Schaeffer, Velotti) have focused their aesthetic theories on the issue of how aesthetic experience is able to orient the intensity and quality of attention. Through John Dewey’s reflection on aesthetics, as well as some of his more or less direct followers (Iser, Mead, Noë) it will be shown how far art can be reconsidered as a “device” capable of connecting in creative ways perception, thought and habits, elaborating original forms of attention.
Obiettivi
Fatta salva una serie di obiettivi di fondo (conoscenza e comprensione della disciplina; capacità di applicare conoscenza e comprensione; capacità critica e di giudizio; capacità di comunicare quanto si è appreso; capacità di proseguire lo studio in modo autonomo), il corso si propone di raggiungere più specificamente i seguenti ulteriori obiettivi: acquisizione di nozioni chiave e temi portanti dell’estetica, in particolare dell’estetica contemporanea; sviluppo di: capacità di lettura critica e contestualizzazione storico-teorica approfondita di testi filosofici e dei loro rapporti con la teoria, la critica e la pratica dell’arte; padronanza di un lessico filosofico altamente specializzato in forma scritta e orale; sviluppo della capacità argomentativa personale, ad esempio attraverso lo sviluppo di tesine di carattere teorico o critico su temi o studi di caso specifici; capacità di corretto utilizzo e applicazione della letteratura critica.

Given for granted some basic and indispensable goals (knowledge and understanding in the field of studies; ability to apply knowledge and understanding; capability of critical analysis; communication skills on that which has been learned; capacity to undertake further studies with some autonomy), the course intends to attain the following specific objectives: knowledge of key notions and central topics of aesthetics, peculiarly of contemporary aesthetics; improvement of: capacity of critical reading and in-depth historical-theoretical framing of philosophical texts, as well as their relations to the theory, criticism, and practice of art; mastery of a highly specialized philosophical terminology in oral and written communication, e.g. by developing short dissertations on theoretical or critical issues, such as special topics or case studies; improvement of argumentative skills; ability of proper utilizing and applying secondary literature.
Valutazione
- Prova orale
Descrizione valutazione
Rich text editor, valutazione_m, press ALT 0 for help. Esame orale; Oral exam
Testi
ITA Opere di John Dewey:
 
- Arte come esperienza, Aesthetica, Palermo, capp. 1-6
- Pensiero affettivo, Unicopli, Milano
- Esperienza, natura e arte ed Educazione e arte, Mimesis. Milano
 
Opere di altri autori:
 
- W. Iser, L’atto della lettura, il Mulino, capp. 5-6
- B. Nanay, Aesthetics as Philosophy of Perception, Oxford University Press, Oxford, capp. 1-2
- G.H. Mead, The Nature of Aesthetic Experience, “Ethics” 36 1926 (disponibile in rete)

Works of John Dewey:
 
- Art as Experience, in Later Works of John Dewey, Vol. 10, chaps. 1-6
- Affective Thought, in Later Works of John Dewey, Vol. 2
- Experience, Nature and Art, in Later Works of John Dewey, Vol. 1 (chap. 9 of Experience and Nature)
- Education and Art, in Later Works of John Dewey, Vol. 2
 
ENG Works of other authors:
 
- W. Iser, The Act of Reading, Johns Hopkins University Press, chaps. 5-6
- B. Nanay, Aesthetics as Philosophy of Perception, Oxford University Press, Oxford, capp. 1-2
- G.H. Mead, The Nature of Aesthetic Experience, “Ethics” 36 1926 (available online)

Bibliografia critica / Critical Bibliography

D. Cecchi, Devices in Experimentation: The Work of Art in a Pragmatist Perspective, between Somaesthetics and Techno-aesthetics, “Aisthesis”, 12 2009 (disponibile in rete/available online)
F. Desideri, La percezione riflessa, Cortina, Milano
R. Dreon, Fuori della torre d’avorio, Marietti, Milano
E. Garroni, Estetica: uno sguardo-attraverso, Castelvecchi, Roma
G. Matteucci, Il sensibile rimosso, Mimesis, Milano
P. Montani, Tecnologie della sensibilità, Cortina, Milano
A. Noë, Strange Tools: Art and Human Nature, Hill and Yang, New York
J.-M. Schaeffer, L’expérience esthétique, Gallimard, Paris
L. Russo (a cura di/ed.), Esperienza estetica: a partire da John Dewey, Aesthetica, Palermo (disponibile in rete/available online)
R. Shusterman, Pragmatist Aesthetics, Rowman & Littlefield, Lanham
Note
Per gli studenti che seguono a distanza il link di Google Meet è il seguente: meet.google.com/wbm-jqsy-nas

For the students who attend the class online, here it is the link of Google Meet: meet.google.com/wbm-jqsy-nas
Orario Lezioni
Martedì 16.30 - 18.30 (RM052 Aula XI M.M. Olivetti - PIANO TERRA)
Venerdì' 16.30 - 18.30 (RM052 Aula XI M.M. Olivetti - PIANO TERRA)
Inizio lezioni: Martedì 6 Ottobre 2020

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma