LAUREA MAGISTRALE
Archeologia del vicino oriente antico I A
a.a.: 2020/2021 - anno di corso: 2
Settore L-OR/05 - CFU 6 - Semestre II - Codice 1035812
Note insegnamento:
Cdl associati Visualizza
Programma

Insediamento e mobilità umana nella Babilonia, nell’Assiria e nell’Arabia orientale durante il II e il I millennio a.C.

Il corso è incentrato sulla ricostruzione archeologica, storica ed estetica dell’insediamento e della mobilità umana in Babilonia, in Assiria e in Arabia orientale tra la fine del III millennio a.C. e la fine del I millennio a.C. In questo arco temporale alcune trasformazioni culturali, politiche ed artistiche segnalano il formarsi di grandi stati territoriali che si fonderanno su alleanze tribali e su relazioni diplomatiche prima di imporre una visione esclusiva e universale del potere. Il riconoscimento archeologico, epigrafico e figurativo degli arabi delle paludi, dei nomadi del deserto, dei pastori degli altipiani e dei pescatori adattati alla coste marine è il tema di questo corso che – al contempo – mostra come la compresenza di queste diverse culture abbia formato la dimensione cosmopolita della Babilonia rendendola capace non solo di resistere all’invincibile nemico, ma di restare nella storia, nella storiografia e nell’arte del Vicino Oriente antico ‘al centro del potere’.

Programma inglese

Settlement and human mobility in Babylon, Assyria and Eastern Arabia during the 2nd and the 1st millennium BC.

The course focuses on the archaeological, historical and aesthetic reconstruction of the settlement and human mobility in Babylon, Assyria and eastern Arabia between the end of the third millennium BC and the end of the first millennium B.C. In this time, cultural, political and figurative transformations defined large territorial states based first on tribal alliances and diplomatic relations and than to exclusive and universal vision of power. The archaeological, epigraphic and figurative recognition of the Arabs of the swamps, the nomads of the desert, the shepherds of the highlands and fishermen adapted to the sea coasts is the theme of the course that – at the same time – shows how the coexistence of these different cultures has formed the cosmopolitan dimension of Babylon making it able not only to resist at the invincible enemy, but to remain in the history, in the historiography and art of the ancient Near East at the ‘center of power’.

Obiettivi
n.d.
Valutazione
- Prova orale
Descrizione valutazione

Testi

Testi consigliati

Liverani, M.
2013  Immaginare Babele. Due secoli di studi sulla città orientale antica, Laterza, Roma – Bari.

Matthiae, P.
1996  I grandi imperi, Electa, Milano.

Potts, D. T.
1997   Mesopotamian Civilization: Material Foundation: Cornel University Press.

Ramazzotti, M.
2021   Eridu, Enki e l’ordine del mondo, Le Monnier Università / Strumenti Mondadori Education, Milano.


Letture per approfondimento

Bahrani, Z.
2008  The Babylonian Visual Image. In The Babylonian World, edited by G. Leick, 155 – 170. London: Routledge.

Biga, M. G.
2011  Babylon and Beyond Babylon in the First Half of the 2nd Millennium BC. Mesopotamia 46: 35 – 40.


Biga, M. G., Ramazzotti, M.
2007  I giardini dell’Eden. Giardini e giochi d’acqua nel vicino oriente: miti, storia, tecnologia, in Di Pasquale, G. e Paolucci, F. (a cura di), Il giardino antico da Babilonia a Roma. Scienza, arte e natura, Sillabe, Livorno 2007, pp. 22 – 43.

Lippolis, C., Biaggio P., Monopoli B.
2011  “Babylon’s Urban Layout and Territory from Above”, Mesopotamia XLVI, 1 – 9.

Laursen, S., Steinkeller, P.
2017  Babylonia, the Gulf Region and the Indus Archaeological and Textual Evidence for Contact in the Third and Early Second Millennia BC, Mesopotamian Civilizations 20, Eisenbrauns.

Matthiae, P.
1994  Il sovrano e l’opera. Arte e potere nella Mesopotamia antica. Laterza: Roma – Bari.

Pettinato, G.
1988  Babilonia. Centro dell’universo. Rusconi: Milano.

Ramazzotti, M.
2007  NU.GIRI12: il Giardiniere di Babilonia, in «Automata. Rivista di Natura, Scienza, e Tecnica del Mondo Antico. Journal of Nature, Science and Technologies in the Ancient World», 2, L’Erma di Bretschneider, Roma 2007, pp. 7-20.

Glassner, J-J.
2019  Le Devin historien en Mésopotamie,
Ancient Magic and Divination 16, Brill: Leiden – Boston.


* other texts and contributions will be indicated during the course

Note
n.d.
Orario Lezioni
Martedì 11.00 - 13.00 (Aula A dip.ISO)
Mercoledì 11.00 - 13.00 (Aula A dip.ISO)
Inizio lezioni: Martedì 9 Marzo 2021

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma