LAUREA MAGISTRALE
Scienza dell'informazione
a.a.: 2021/2022 - anno di corso: 1
Settore M-STO/08 - CFU 6 - Semestre II - Codice 1041857
Note insegnamento:
Cdl associati Visualizza
Programma
All’interno del vasto campo della Scienza dell’informazione, il corso intende approfondire metodi e pratiche relativi all'Information Retrieval, all’organizzazione della conoscenza e alle modalità di ricerca dei documenti. L’obiettivo è fornire agli studenti le conoscenze teoriche di base per comprendere le caratteristiche degli strumenti impiegati nell’organizzazione dei contenuti negli OPAC, nei database bibliografici, nel Web e nelle biblioteche digitali.
Il corso è suddiviso nei nuclei tematici di seguito elencati:
• Information retrieval tradizionale e applicazione delle sue modalità di ricerca negli OPAC;
• Misure bibliometriche e in particolare l’analisi citazionale come strategia per la ricerca bibliografica attraverso le citazioni;
• Biblioteche digitali di tipo tradizionale e innovativo e funzionalità per la ricerca. I metadati: Dublin Core e MAG di ICCU per la Biblioteca digitale italiana.
• Organizzazione dei contenuti nel Web e reperimento delle informazioni sulla base di una conduzione di tipo semantico (Semantic Web); il linguaggio per la descrizione delle  entità nel Web (RDF), le ontologie come strumenti per la mappatura dei concetti nella realizzazione di portali culturali e per l’interoperabilità semantica dei sistemi per la fruizione del patrimonio culturale; il linguaggio OWL.
• Introduzione a Linked open data in ambito bibliotecario.
Programma inglese
Within the framework of Information Science, the course examines the basic concepts, the methodologies and  practices of the knowledge organization and of the research of documents and information. The course presents the following topics:
. Traditional Information Retrieval and the use of its functionalities for research in OPACs.
. Bibliometrics and citation analysis as a strategy for bibliographical research by way of citations.
. Digital libraries, traditional and innovative. Research functionalities; Metadata: Dublin Core and ICCU MAG.
. The organization of knowledge and information in the Web and the development of the Semantic Web; the data model RDF; ontologies as tools for the concepts mapping and for the semantic interoperability of the systems; OWL language.
. Introduction to Linked open data in the bibliographic field.


Obiettivi
Gli studenti apprenderanno le teorie e le metodologie attinenti alla Scienza dell’informazione, che riguardano l’organizzazione, l’interpretazione e la disseminazione delle conoscenze registrate nei documenti, anche in ambiente digitale, al fine di permetterne la fruizione. Gli obiettivi principali attesi riguardano la conoscenza dei metodi e degli strumenti per la ricerca delle informazioni bibliografiche e degli oggetti digitali in rete.
La maggior parte delle lezioni frontali sarà dedicata alla presentazione dei contenuti della disciplina, privilegiando l'analisi teorico-critica degli argomenti proposti, e a sviluppare le capacità critiche degli studenti. Una porzione delle ore di lezione sarà dedicata ad esercitazioni in aula, tenute dalla docente.

Obiettivi specifici:
A. Conoscenza e capacità di comprensione.
- Acquisire conoscenze relative alle tecniche dell’Information retrieval tradizionale e all'applicazione delle modalità di ricerca dell’I.R. agli OPAC: in particolare il Relevance ranking.
- Acquisire conoscenze sui fondamenti della Bibliometria e in particolare sull’analisi citazionale come strategia per la ricerca bibliografica attraverso le citazioni.
- Conoscere le più significative biblioteche digitali di tipo tradizionale e innovativo, le funzionalità per la ricerca e le problematiche legate al diritto d’autore. Conoscere i metadati Dublin Core e MAG di ICCU, come strumenti per la descrizione degli oggetti digitali e per il loro recupero.
- Conoscere le nozioni di base per la comprensione della trasformazione del Web tradizionale nel Web a conduzione semantica (Semantic Web). Il data model RDF per la descrizione delle entità nel Web, gli elementi fondamentali del linguaggio OWL, e le ontologie come strumenti per l’interoperabilità semantica.
B. Capacità di applicare conoscenza e comprensione.
- Al livello pratico, alla fine del percorso formativo gli studenti saranno in grado, per quanto riguarda l'Information Retrieval, di utilizzare in modo più consapevole le funzionalità degli OPAC di ultima generazione e delle banche dati bibliografiche; per quanto riguarda l'analisi citazionale, di fare ricerche bibliografiche attraverso le citazioni utilizzando Web of Science; per quanto riguarda il Semantic Web, di orientarsi nell’uso del data model RDF, e delle ontologie come strumenti per l’organizzazione della conoscenza. Durante il corso lo studente entrerà in contatto con la letteratura scientifica internazionale del settore in lingua inglese.

Valutazione
- Prova orale
Descrizione valutazione
Rich text editor, valutazione_m, press ALT 0 for help. La prova è collocata al termine dell'insegnamento e tende a valutare l'acquisizione delle conoscenze previste dagli obiettivi formativi attraverso la discussione di alcuni dei temi trattati durante le lezioni. Nella valutazione del candidato si terrà conto in primo luogo della frequenza e della partecipazione attiva durante le lezioni. Per superare l'esame occorre conseguire un voto non inferiore a 18/30 dimostrando di aver acquisito una conoscenza sufficiente degli argomenti. Per conseguire un punteggio pari a 30/30, lo studente deve invece dimostrare di aver acquisito una conoscenza eccellente degli argomenti trattati durante il corso, e per ricevere anche la lode deve dimostrare di essere in grado di raccordarli in modo logico e coerente.
Testi
Il programma d’esame è costituito da una parte generale e da una parte a scelta.

Parte generale:
•1 Tefko Sarácevic. Information Science, in: Encyclopedia of Library and Information Science. Third Edition, editors M. J. Bates, M. Niles Maack. New York, Taylor & Francis, 2009, pp. 2570-2586. http://comminfo.rutgers.edu/~tefko/SaracevicInformationScienceELIS2009.pdf
• 2 Maria Teresa Biagetti. Genesi, specificità e contenuti della Scienza dell'informazione. “Nuovi Annali della Scuola speciale per Archivisti e Bibliotecari”, 2014, pp. 171-186.
• 3 Maria Teresa Biagetti. Nuove funzionalità degli OPAC e relevance ranking. "Bollettino AIB", 50, n. 4, 2010, pp. 339-356. http://bollettino.aib.it/article/view/5340/5103
I testi ai punti 1-3 della Parte generale (per tutti) sono sostituiti con il volume di Maria Teresa Biagetti,  La Scienza dell'informazione. Identità ed esperienze, Milano, Franco Angeli, 2022, Parte I, cap. 1, e Parte II, cap. 1, 2, 3, 4 e 5.
• 4 Maria Teresa Biagetti. Le biblioteche digitali. Tipologie, funzionalità e modelli di sviluppo. Con scritti di Roberto Raieli, Antonella Iacono, Antonella Trombone e Simona Turbanti, Milano, Franco Angeli, 2019, solo le pp. 43-118.
• 5 Paul G. Weston, Lucia Sardo. Metadati, Roma, AIB, 2017, p. 1-33; 39-85; 114-123.

Parte specifica a scelta tra Parte A e Parte B:

Parte A:
• 1 Nicola De Bellis, Introduzione alla Bibliometria. Dalla teoria alla pratica. Roma, Associazione italiana biblioteche (AIB), 2014, soltanto le pp. 37-77.
• 2 Maria Teresa Biagetti, Valutare la ricerca nelle scienze umane e sociali. Potenzialità e limiti della Library Catalog Analysis, Milano, Editrice Bibliografica, 2017. Le seguenti parti: Cap. I, § 1.1 e 1.2 soltanto le pp. 11-32.

Parte B:
• 1 Alessandro Oltramari [et alii]. Il ruolo dell'ontologia nella disambiguazione del significato. Numero su: Semantic Web, "Networks. Rivista di filosofia dell'intelligenza artificiale e scienze cognitive. A journal of the philosophy of artificial intelligence and cognitive sciences", 2003, n. 2, pp. 14-24.
• 2 Maria Teresa Biagetti. Le ontologie come strumenti per l'organizzazione della conoscenza in rete. "AIDA Informazioni", 28, 2010, n. 1/2, pp. 9-31. Volume monografico su Le ontologie, a cura di Maria Teresa Biagetti. http://tinyurl.com/o464862
• 3 Tim Berners-Lee 2006: http://www.w3.org/DesignIssues/LinkedData.html
• 4 Mauro Guerrini, Tiziana Possemato. Linked Data: un nuovo alfabeto del web semantico. “JLIS.it” vol. 4, n.1, 2013 https://www.jlis.it/index.php/jlis/article/view/256/255
 

Gli studenti che non riusciranno a frequentare le lezioni con continuità sono tenuti a prendere contatto con la docente.

Ulteriori informazioni e materiali didattici si potranno consultare sulla piattaforma Moodle: elearning2.uniroma1.it o sul sito personale della docente: https://sites.google.com/a/uniroma1.it/mariateresabiagetti/insegnamenti

Tutti gli articoli e i saggi che non sono in rete, e i libri di M. T. Biagetti, Valutare la ricerca nella scienze umane e sociali, e Le biblioteche digitali, sono reperibili presso la biblioteca del Dipartimento di Lettere e culture moderne, primo piano dell’edificio della Facoltà di Lettere e Filosofia (Città universitaria), o in altre biblioteche romane. Il volumetto di Weston-Sardo è acquistabile anche come e-Book dal sito AIB.
Note
n.d.
Orario Lezioni
Martedì 9.00 - 11.00 (CU003 Aula E - II PIANO)
Giovedì 11.00 - 13.00 (CU003 Aula E - II PIANO)
Inizio lezioni: Martedì 8 Marzo 2022

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma