LAUREA
Etica II B
a.a.: 2021/2022 - anno di corso: 2
Settore M-FIL/03 - CFU 6 - Semestre II - Codice 1026730
Note insegnamento:
Cdl associati Visualizza
Programma
Le etiche sentimentaliste e della cura

L’idea che la moralità umana si radichi nella dimensione sentimentale e affettiva della natura umana (più che nella ragione umana) è al centro di una tradizione di pensiero filosofico che unisce la modernità alla contemporaneità. Il corso intende introdurre questa tradizione nelle sue grandi linee e vedere come essa sia stata declinata in modo particolare nella teorizzazione tardonovecentesca dell’etica della cura. Una teorizzazione che si radica, almeno inizialmente, nella riflessione sul maschile e sul femminile e che vede nel volume di C. Gilligan, Con voce di donna, una prima e importante formulazione.
Il corso di articolerà in una parte introduttiva sul sentimentalismo in morale, basata sul volume di E. Lecaldano, Prima lezione di filosofia morale, per proseguire con l’analisi di due importanti volumi dedicati alla teorizzazione dell’etica della cura: il volume di Gilligan e quello di V. Held, Etica femminista.
Programma inglese
Sentimentalist approaches to ethics and care ethics.

The idea that human morality is rooted in the sentimental and affective dimension of human nature (more than in the reason) is the core tenet of a long philosophical tradition which goes from modernity to contemporaneity. In the course, this philosophical tradition will be presented in its principal lines. The course will also present a specific understanding of the core tenet of this tradition as it has been developed, toward the end of the XX century, by care ethics theorists. This is a theorization which is, at least initially, connected with a reflection on the “feminine” and the “masculine”, as it is showed in C.Gilligan’s volume, In a different voice.
Obiettivi
Fatta salva una serie di obiettivi di fondo (conoscenza e comprensione della disciplina; capacità di applicare conoscenza e comprensione; capacità critica e di giudizio; capacità di comunicare quanto si è appreso; capacità di proseguire lo studio in modo autonomo), il corso si propone di raggiungere più specificamente i seguenti ulteriori obiettivi: l’acquisizione e la padronanza della terminologia e dei metodi riguardanti l’analisi dei problemi, le modalità argomentative e l’approccio ai testi che caratterizzano la ricerca filosofica in morale; lo sviluppo di capacità di lettura critica di testi classici della disciplina, lo sviluppo di capacità argomentative personali.
Valutazione
- Prova orale
Descrizione valutazione
Esame orale. Nel corso dell’interrogazione di circa 30 minuti lo studente dovrà dimostrare 1. di conoscere il contenuto dei testi trattati; 2. di saperlo restituire in modo chiaro, padroneggiando in modo corretto il lessico specialistico utilizzato dai vari autori/autrici, 3. di saper individuare gli snodi teorici più rilevanti e saperli discutere criticamente;  4. di saper elaborare autonomamente un’argomentazione relativa ai contenuti trattati. Il soddisfacimento dei punti 1 e 2 è condizione necessaria al superamento dell’esame.
Testi
TESTI ADOTTATI:

E. Lecaldano, Prima lezione di filosofia morale, Laterza, Roma-Bari, 2010.
C.. Gilligan, Con voce di donna. Etica e formazione della personalità, Feltrinelli, Milano, 1987.
V. Held, Etica femminista, Feltrinelli, Milano, 1997.


BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO:

C. Botti, Cura e differenza. Ripensare l’etica. LED edizoni, Milano, 2018.



Note
n.d.
Orario Lezioni

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma