LAUREA MAGISTRALE
Letteratura cinese B
a.a.: 2021/2022 - anno di corso: 1
Settore L-OR/21 - CFU 6 - Semestre II - Codice 1026814
Note insegnamento:
Cdl associati Visualizza
Programma

Il corso si svolgerà nel II semestre, avrà inizio a fine febbraio e si terrà in modalità mista. Sarà suddiviso nei seguenti moduli:

1) breve excursus sulla letteratura cinese classica: generi, correnti, temi;

2) la produzione letteraria del XVIII secolo, in particolare durante il regno dell’Imperatore Qianlong (r. 1736-1796);

3) studio monografico del romanzo Hongloumeng 紅樓夢 (Il sogno della camera rossa);

4) la letteratura del XIX secolo.

Programma inglese
The course will take place in the second semester, starting at the end of February. Class activities will be broadcasted and recorded. It will cover the following topics:

1) brief excursus on classical Chinese literature: genres, currents, themes;
2) the literary production of the eighteenth century, in particular during the reign of Emperor Qianlong (r. 1736-1796);
3) monographic study of the novel Hongloumeng 紅樓夢;
4) the literary production of the nineteenth century.
Obiettivi
A) OBIETTIVI GENERALI:
Obiettivo generale del corso è mettere gli studenti in grado di acquisire la conoscenza approfondita di un complesso di testi e fenomeni letterari rappresentativi dei secoli XVIII e XIX. Al termine del corso gli studenti dovrebbero dimostrare un elevato livello di comprensione di alcune tipologie testuali specifiche di questo periodo, sapendole contestualizzare nella cultura teorica e materiale di riferimento. Le attività laboratoriali svolte su estratti testuali in lingua originale vogliono essere occasione per un approfondimento di tipo critico-tematico e presentare agli studenti una o più fra le possibili metodologie di ricerca. Infine, il corso contribuirà a formare capacità di riflettere sulle questioni etiche emerse nei testi esaminati.

B) OBIETTIVI SPECIFICI
(strutturati 2° descrittori di Dublino):
A) Conoscenza e capacità di comprensione
L’insegnamento consentirà agli studenti di acquisire una conoscenza approfondita della storia letteraria cinese del periodo di riferimento. Gli studenti saranno in grado di dimostrare capacità di comprensione delle strutture formali e sostanziali di un ampio corpus di testi, che sapranno esaminare con senso critico e auto-riflessivo, collocandoli in contesti storici e culturali più ampi.
B) Capacità di applicare conoscenza e comprensione
Al termine del corso gli studenti dimostreranno elevate capacità di identificare e comprendere un ampio spettro di fonti primarie e secondarie; sapranno inoltre applicare approcci metodologici e critici complessi allo studio di testi letterari conosciuti, oppure nuovi o non familiari.

C) Autonomia di giudizio
A conclusione del corso gli studenti avranno maturato la capacità di interpretare autonomamente testi letterari complessi con approccio critico e autoriflessivo, identificando le questioni sociali ed etiche in essi contenute e rapportandole al contesto storico e culturale di riferimento. Dovranno essere inoltre in grado di riflettere sulle responsabilità sociali ed etiche collegate all’applicazione di determinate conoscenze e giudizi.
D) Abilità comunicative
A conclusione del corso gli studenti dovrebbero aver conseguito capacità di comunicare con chiarezza le conoscenze acquisite, essendo in grado di illustrare i processi che hanno condotto alla loro acquisizione.
E) Capacità di apprendimento
L’impegno sul piano teorico e metodologico realizzato durante il corso dovrebbe conferire agli studenti una buona padronanza metodologica e l’abilità di studiare in modo autonomo.
Valutazione
- Prova scritta
- Prova orale
Descrizione valutazione
 
 
Modalità di valutazione
La valutazione avviene alla fine del corso e si compone di due parti: uno scritto con domande a risposta aperta; una prova orale incentrata principalmente (ma non solo) sulla lettura e analisi dei brani antologici studiati in classe e sui saggi critici di approfondimento.
Il voto finale è espresso in trentesimi e terrà conto di:
a) per lo scritto con domande a risposta aperta: la padronanza dei contenuti acquisiti tramite la bibliografia d’esame; le abilità critiche e argomentative; la capacità di sapersi orientare tra le fonti secondarie e di saper fare rimandi coerenti ai testi letti e commentati in classe; la capacità di sintesi e di analisi di temi, concetti, generi, stili, movimenti.
In particolare:
Il raggiungimento di una visione organica dei temi affrontati a lezione congiuntamente ad una visione critica d’insieme, un’ottima padronanza espressiva e di linguaggio specifico (ad esempio con il riferimento a generi e opere in lingua originale), insieme a una comprovata conoscenza delle fonti primarie e secondarie saranno valutati con voti di eccellenza.
Una conoscenza mnemonica della materia, se corredata da buona capacità di sintesi e sufficiente capacità di analisi articolate in un linguaggio corretto – seppur non specifico -, porteranno a valutazioni discrete.
Una conoscenza lacunosa, seppur in parte corretta, e l’utilizzo di un linguaggio impreciso condurranno a voti che non supereranno la sufficienza.
Lacune formative, linguaggio inappropriato, mancanza di orientamento all'interno dei materiali bibliografici saranno considerati come insufficienti al superamento dell’esame.
b) nella lettura, analisi e commento degli estratti di fonti primarie esaminati nelle attività laboratoriali si valuteranno la precisione della pronuncia in termini di articolazione delle sillabe, dei toni e dell’andamento della frase; la correttezza della traduzione; la precisione e chiarezza dell’analisi testuale.
In particolare:
Una lettura pienamente corretta e scorrevole, corredata da un buon livello di comprensione analitica dei testi, contribuirà a orientare il voto verso il punteggio massimo.
Una lettura in parte non corretta, seppur piuttosto scorrevole, corredata da una buona capacità di analisi del testo, porterà a una valutazione discreta.
Una lettura discontinua, con lacune nella pronuncia dei caratteri e scarsa capacità di modulare la frase in funzione della sintassi e del senso, anche se corredata da buone capacità traduttive e analitiche, condurranno a voti poco distanti dalla sufficienza.
La sostanziale incapacità di leggere i testi verrà valutata negativamente.
Testi
Manuali e saggi di approfondimento:
1) Kang-I Sun Chang and Stephen Owen (eds.), The Cambridge History of Chinese Literature, Cambridge University Press, 2010, vol. II, pp. 245-298, 324-342, 413-455. (53+18+43=114 facciate in inglese)
2) Luo Yuming, A Concise History of Chinese Literature, translated with Annotations and an introduction by Ye Yang, Leiden-Boston, Brill,2011,pp. 793-837; 861-897 (44+36=80 facciate in inglese);
3) Benedetti Lavinia, Storia del giallo in Cina, Canterano, Aracne, 2017, pp. 222-296(“L’insidioso ribaltamento dei ruoli nella narrativa durante l’ultima dinastia imperiale”, e “Il romanzo di crimine cinese verso l’età moderna”)  
4) Terracina Giuseppe, “Alcune cose che il maestro non disse. Sei storie di Yuan Mei”, Cina, No. 25 (1995), pp. 49-60 (testo messo a disposizione dalla docente).
5) Lu Sheldon H., “Waking to Modernity: The Classical Tale in Late-Qing China New Literary History”,
Multicultural Essays Vol. 34, No. 4 (Autumn, 2003), pp. 745-760 (testo messo a disposizione dalla docente).
 
Letture obbligatorie:
1) Ji Xiaolan, Note scritte nello studio Yuewei, traduzione a cura di Edi Bozza, Bollati Borighieri, 1992.
2) Tsao Chan [Cao Xueqin], Il sogno della camera rossa, traduzione italiana a cura di Edoarda Masi, Milano, BUR, 2008.
3) Li Ruzhen, Destini dei fiori nello specchio. Romanzo cinese del XIX secolo, traduzione e cura di Donatella Guida, 2016;
4) Wu Jingzi, The Scholars, selezione di capitoli a cura della docente.
5) dispense elaborate dal docente con una selezione di passi in lingua originale provvisti di note lessicali e grammaticali.
Note
n.d.
Orario Lezioni
Martedì 17.00 - 19.00 (Aula 1 dip.ISO)
Giovedì 11.00 - 13.00 (Aula 1 dip.ISO)
Inizio lezioni: Lunedì 21 Febbraio 2022

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma