LAUREA
DIPLOMATICA I
a.a.: 2021/2022 - anno di corso: 3
Settore M-STO/09 - CFU 6 - Semestre I - Codice 10589923
Note insegnamento:
Cdl associati Visualizza
Programma
Il modulo è concepito per la preparazione di primo livello di giovani storici dell'età medievale ed è suddiviso in due parti. Nella prima parte (21 ore) sarà trattata una una storia della pratica documentaria nell'Occidente medievale presentando in diacronia le tipologie più significative di 'documenti' come fonti per la storia dei secoli VI-XVI. La seconda parte servirà a introdurre gli studenti alla disciplina – alla sua storia e ai suoi metodi – direttamente attraverso esemplificazioni di esercizio di critica diplomatistica benché condotta, ovviamente, a livello di base (lettura, analisi, interpretazione del testo e della sua tradizione, datazione, questioni per una edizione) e su una selezione ragionata di documenti. I documenti esaminati, in riproduzione digitale, sono parte del materiale di studio.
All'inizio del corso sarà distribuito agli studenti un Syllabus dettagliato, con calendario delle lezioni, argomento e fonti trattate in ogni seduta.

Prerequisiti

Per il raggiungimento degli obiettivi dichiarati è necessario frequentare con continuità le lezioni. È indispensabile la conoscenza, tra le lingue antiche, almeno del latino e la buona conoscenza (capacità di lettura e comprensione) di almeno una lingua straniera moderna delle quattro principali in cui si esprime la ricerca internazionale in questo ambito: tedesco, francese, inglese, spagnolo.

Modalità di svolgimento

Nella prima parte il metodo di insegnamento consisterà principalmente in lezioni frontali. Nella seconda parte invece è previsto un maggiore coinvolgimento diretto degli studenti durante la lezione e lo svolgimento da parte loro di esercizi ed elaborati scritti



Programma inglese
n.d.
Obiettivi
n.d.
Valutazione
- Prova scritta e orale separate
Descrizione valutazione

Modalità di valutazione

La valutazione avverrà con una prova finale orale, nella quale sarà accertato il livello di conoscenza della storia della documentazione medievale e dei principi di base per la critica dei documenti attraverso l’analisi dei documenti esaminati nel corso. Il corso prevede anche una prova 'pratica': la consegna, prima dell'esame, dell'abstract di un saggio critico in lingua straniera scelto dallo studente entro una rosa di titoli proposti dalla docente; tale prova è obbligatoria, ma l'esito non concorre alla valutazione finale.

Testi

1. Harry Bresslau, Manuale di diplomatica per la Germania e l'Italia, Ministero per i beni culturali e ambientali, Ufficio Centrale per i beni archivistici, Roma, 1998 (Pubblicazioni degli archivi di Stato; Sussidi 10), soltanto i seguenti capitoli: cap. I (Nozioni fondamentali e definizioni), pp. 9-17; cap. II (Storia della diplomatica), pp. 18-47; cap. III (Partizione e classificazione dei documenti), da p. 48 fino a p. 70 (non è il termine del capitolo); cap. IV (Tradizione e riproduzione dei documenti), pp. 83-136; cap. V (Gli Archivi), pp. 137-167; cap. XVI (La datazione dei documenti), pp. 1015-1092.
2. Thomas Frenz, I documenti pontifici nel medioevo e nell'età moderna, ed. it. a cura di S. Pagano, Città del Vaticano, 1989 (e ristampe successive)
3. Armando Petrucci, Scrittura documentazione memoria. Dieci scritti e un inedito 1963-2009, con una premessa di Attilio Bartoli Langeli, Edizioni Anni, Roma, 2019, le seguenti parti o capitoli: "Premessa" (di A. Bartoli Langeli); cap. 1 (L'edizione delle fonti documentarie: un problema sempre aperto); cap. 2. Diplomatica vecchia e nuova; cap. 5. I documenti privati come fonte per lo studio dell'alfabetismo e della cultura scritta; cap. 6. L'illusione della storia autentica: le testimonianze documentarie; cap. 9 Fra conservazione e oblio: segni, tipi e modi della memoria scritta.

Per tutti gli studenti: si raccomanda la conoscenza della seguente opera: Paolo Cammarosano, Italia medievale. Struttura e geografia delle fonti scritte, Roma, NIS 1991 e successive ristampe o edizioni presso l'editore Carocci.

Avvertenze. 
1. L'elenco non esaurisce la bibliografia dell'esame. Ulteriore bibliografia sarà indicata e discussa a lezione. Registrata mano a mano con ogni dettaglio in un elenco, che sarà messo a disposizione degli studenti frequentanti, tale ulteriore bibliografia è da considerarsi parte integrante del programma d'esame, insieme ai facsmili digitali di documenti e ad altro materiale che sarà distribuito a lezione.
2. Per coloro che non potessero frequentare con assiduità le lezioni, si consiglia la lettura del seguente volume:
Olivier GUYOTJEANNIN, Jacques PYCKE, Benoît-Michel TOCK, Diplomatique médiévale, Turnhout, 1993, 3e éd. augmentée, 2006, 486 p. (L’atelier du médiéviste, 2).

Bibliografia di riferimento

Olivier GUYOTJEANNIN, Jacques PYCKE, Benoît-Michel TOCK, Diplomatique médiévale, Turnhout, 1993, 3e éd. augmentée, 2006, 486 p. (L’atelier du médiéviste, 2).

Note

Orario Lezioni
Lunedì 15.00 - 17.00 (CU003 Aula B ex Dip.to Storia Medievale III PIANO)
Martedì 15.00 - 17.00 (CU003 Aula B ex Dip.to Storia Medievale III PIANO)
Mercoledì 15.00 - 17.00 (CU003 Aula B ex Dip.to Storia Medievale III PIANO)
Inizio lezioni: Lunedì 11 Ottobre 2021

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma