LAUREA
Docente: Ciro Lomuzio
Archeologia e storia dell'arte dell'India e dell'Asia centrale A
a.a.: 2021/2022 - anno di corso: 1
Settore L-OR/16 - CFU 6 - Semestre I - Codice 1055383
Note insegnamento:
Cdl associati Visualizza
Programma
Introduzione all’arte e all’architettura del Subcontinente indiano,
dall’età del Bronzo all’VIII secolo d.C.


Introduzione all’arte e all’architettura del Subcontinente indiano, dall’età del Bronzo all’VIII secolo d.C.
Civiltà della Valle dell’Indo (2600-1800 a.C. circa): l’urbanistica, l’architettura, le arti figurative, i sigilli.
La protostoria nel Deccan: megaliti e altre testimonianze archeologiche dell’età del Ferro.
I Maurya (320 – 185 a.C.). I resti di architettura monumentale; luoghi di culto rupestri; monumenti di committenza dinastica: le “colonne” di AÅ›oka , morfologia, significato simbolico, e il loro presunto rapporto con il buddhismo.
Le più antiche testimonianze architettoniche e artistiche del buddhismo (II sec. a.C. – I sec. d.C.): per l’analisi delle tematiche salienti del periodo indicato (lo stÅ«pa, il monastero, le arti figurative, la committenza) saranno presi in considerazione i più significativi siti dell’India centro-settentrionale (in particolare, Bharhut, Sanci) e alcuni tra i principali insediamenti rupestri buddhisti del Deccan occidentale (Bhaja, Bedsa e Karle).
Il periodo dei Kushana (I-III sec. d.C.). Analisi delle due tradizioni figurative di maggiore prestigio e impatto sui successivi sviluppi dell’iconografia buddhista - l’arte del Gandhāra e l’arte di Mathurā – e tematiche connesse: la formulazione dell’immagine antropomorfa del Buddha; la formulazione di un repertorio narrativo; l’assimilazione ed elaborazione di elementi figurativi e stilistici di origine occidentale; la componente dinastica kushana.
La regione degli Andhra: i siti buddhisti di Amaravati e Nagarjunakonda
Arti figurative e architettura religiosa nel periodo dei Gupta (IV-VI sec. d.C.): elaborazione del repertorio iconografico hindu e nuovi sviluppi dell’arte buddhista (le scuole di Mathura e Sarnath).
La genesi e le tipologie architettoniche del tempio hindu.
Il monastero rupestre di Ajanta.
Il santuario di Elephanta.
Dinastie meridionali, i Pallava e i Calukya(VI-VIII sec. d.C.): templi rupestri, monolitici e strutturali di Mamallapuram. Le origini del tempio hindu medievale: il tempio Rājasimheśvara di Kanchipuram.
Templi rupestri e strutturali dei Calukya.
Ellora: il tempio Kailasanatha.
Programma inglese
An introduction to the art and architecture of the Indian Subcontinent,
from the Bronze age to the 8th century.


Indus Valley Civilization (ca. 2600-1800 BCE): town planning, architecture, pictorial arts, seals.
Protohistory in the Deccan: megaliths and other findings of the Iron age horizon.
The Mauryas (320-185 BCE): monumental architecture; rock-cut cult places; dynastic art (Aśoka's pillars: morphology, symbolic meaning and their supposed relationship with Buddhism).
The earliest architectural and artistic evidence of Buddhism (II century BCE - I century CE): stūpas, monasteries, pictorial arts and patronage in major sites of northern and central India (Bharhut, Sanchi, Bhaja).
The Kushan period (I-III centuries CE). Profile of the two main and most influential Buddhist artistic traditions: Gandhāra and Mathurā; the Buddha's earliest anthropomorphic depictions; the creation of a narrative repertoire; assimilation and elaboration of artistic elements of Western originis; the Kushan dynastic component.
The Andhra region: Buddhist settlements in the Krishna basin (Amaravati and Nagarjunakonda).
Art and architecture under the Guptas (IV-VI centuries CE): the Hindu iconographic repertoire; the Hindu temple; Buddhist art of the Gupta epoch.
The Buddhist monastery of Ajanta.
A southern dynasty; the Pallavas (VI-VIII centuries CE): rock-cut temples, monolithic temples, and structural temples at Mamallapuram. The origins of the medieval Hindu temple: the Rajasimhesvara temple of Kanchipuram.
Ellora: the Kailasanatha Temple (Cave 16)
Obiettivi
n.d.
Valutazione
- Prova orale
Descrizione valutazione
Rich text editor, valutazione_m, press ALT 0 for help. La prova consiste in domande concernenti gli argomenti trattati nel corso: descrizione di un fenomeno artistico, di un sito archeologico, di uno specifico repertorio di materiali archeologici, e altre tematiche incluse nel programma. Oltre alla conoscenza dell'argomento specifico e alla capacità di esprimersi con proprietà di linguaggio, lo studente dovrà dimostrare di aver compreso la relazione tra le testimonianze archeologiche e il contesto storico, culturale e religioso di appartenenza.
Testi
Dispensa sulla protostoria.

S. Huntington, The Art of Ancient India, Buddhist, Hindu, Jain, New York – Tokyo 1985,
seguenti capitoli: 2, 3, 4, 5 (pp. 56-85), 6, 8 (pp. 126-130 [Royal Shrines], 150-162 [Mathura]),
9, 10, 12 (solo Ajanta), 13, 14, 15, 16.

Sull'arte del Gandhara: L. Giuliano, Una introduzione all'arte del Gandhara, Roma, Artemide, 2010, pp. 15-48.
Note
n.d.
Orario Lezioni
Martedì 11.00 - 13.00 (RM021 Aula 202 - II PIANO)
Mercoledì 11.00 - 13.00 (RM021 Aula 202 - II PIANO)
Inizio lezioni: Martedì 28 Settembre 2021

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma