LAUREA
ANTROPOLOGIA FILOSOFICA
a.a.: 2021/2022 - anno di corso: 1
Settore M-FIL/03 - CFU 12 - Semestre I - Codice 1022593
Note insegnamento:
Cdl associati Visualizza
Programma
Titolo: Pensare in “tempi bui”.
La riflessione filosofica di Simone Weil e Hannah Arendt di fronte alla guerra, ai totalitarismi, al colonialismo. 
 
Il corso vuole proporre due itinerari paralleli e incrociati delle due principali filosofe del XX secolo: Simone Weil (1909-1943) e Hannah Arendt (1906-19759).  In particolare, non si intende solo mettere in prospettiva  le due pensatrici di origine ebraica riguardo alle loro riflessioni sulla guerra o sui  totalitarismi, ma anche mostrare come entrambe abbiano saputo individuare quel legame sotterraneo tra violenza e una certa tradizione culturale dell’Occidente che le ha portate a chiedersi  perché i presupposti di pacificazione, emancipazione, libertà e progresso, propri di quella, si sono deteriorati al punto di non impedire, se non addirittura generare, le barbarie scatenate in Europa con le due guerre, i totalitarismi e  colonialismi. Inoltre, si leggeranno queste autrici in modo da sottolineare quel contributo, per chi scrive essenziale, che le ha distinte per coraggio, autonomia, indipendenza intellettuale e quell’insegnamento di un’altra comprensione del mondo tesa alla “cura del mondo” (Arendt) stesso, di un altro modo di pensare, di scrivere, di giudicare per cui e di cui ne va anche e sempre della  propria vita. 
Programma inglese
Title: Thinking in “dark times”.
Simone Weil’s and Hannah Arendt’s philosophical reflection in the face of war, totalitarianism, and colonialism.
 
The course outlines the parallel and intertwined trajectories of two of the leading women philosophers of the 20th century: Simone Weil (1909-1943) and Hannah Arendt (1906-19759). It aims not just to provide a perspective on these two Jewish thinkers in relation to their reflections on war and totalitarianism, but also to show how they were able to identify the underlying connections between violence and a certain Western cultural tradition. This led them to investigate why the ideals of peace, emancipation, freedom, and liberty distinguishing this tradition deteriorated to the point of failing to prevent, if not of engendering, the barbarism that shook Europe in the form of two World Wars, totalitarian regimes, and colonialism. 
The two philosophers will further be examined in such a way as to highlight what the lecturer regards as their essential contribution, which makes them stand out in terms of intellectual courage, autonomy, and independence, and their teaching of a different way of understanding the world, based on the idea of “care for the world” (Arendt): a different way of thinking, writing, and evaluating things whereby one’s own life is also always at stake. 
 
Obiettivi
Obiettivi (IT): Acquisizione di alcune nozioni chiave dell’Antropologia filosofica; capacità di contestualizzazione teorica di testi filosofici e il loro inserimento nel dibattito contemporaneo. È inoltre richiesta una capacità di lettura critica, l’utilizzazione di un lessico filosofico specializzato e uno sviluppo argomentativo personale.
 
Objectives (IN) : the acquisition of various key concepts in Philosophical Anthropology; the ability to theoretically contextualise philosophical texts and their place in contemporary debate. In addition, students will be expected to display critical reading skills, to master specialist philosophical vocabulary, and develop their own arguments.
Valutazione
- Prova orale
Descrizione valutazione
Rich text editor, valutazione_m, press ALT 0 for help. Valutazione: L’esame consisterà in una prova orale di circa 40 minuti. Per superare le prove lo studente dovrà: 
a)     conoscere il contenuto dei testi studiati; 
b)    saperlo restituire in modo chiaro, padroneggiando in modo corretto il lessico specialistico del linguaggio filosofico e in particolare quello dei filosofi studiati
c)      mostrare di saper individuare gli snodi teorici più rilevanti, discutendoli criticamente; 
d)    saper sviluppare autonomamente un’argomentazione relativa ai contenuti trattati. 
 
Evaluation
The examination will consist in a spoken test of about 40 minutes. To pass the examination students must prove that they:
a) know the content of the set texts; 
b) are able to clearly discuss them, through a correct use of specialist philosophical terminology, particularly that used by the philosophers under discussion; 
c) are capable of identifying the most relevant theoretical points and of critically discussing them; 
d) are capable of independently developing an argument about the topics dealt with.
 
Testi
Hannah Arendt
–      Le origini del totalitarismo, tr. it. di A. Guadagnin, con una introduzione di A. Martinelli, con un saggio di S. Forti, Milano, Einaudi 1997, Parte terza:  Il totalitarismo (Le due introduzioni –  di Martinelli e di Forti – e pp. 423-656). 
 
–      Antologia. Pensiero, azione e critica nell’epoca dei totalitarismi, a cura di Paolo Costa, Milano, Feltrinelli 2006, oppure, Archivio Arendt 2, a cura di S. Forti, trad. it. P. Costa, Milano, 2003 Feltrielli. 
 
Simone Weil, 
–      Sulla guerra.  Scritti 1933-1943, tr. it. di D. Zazzi, Milano, Net, 2005,  poi Il saggiatore,  2017.
 
–      Sulla Germania Totalitaria, a cura di G. Gaeta, Milano, Adelphi 1990 e successive edizioni. 
Parte seconda: Riflessioni sulle origini dello hitlerismo (pp. 199-279)
 
–      La colonizzazione e il destino dell’Europa, a cura di O. Ombrosi, Genova-Milano, Marietti, 2009.
 
 
Le introduzioni e le post-fazioni sono da considerarsi come oggetto di studio.
 
Saggi obbligatori sulle autrici/ Set texts on the two philosophers:
 
1)    Marie Luise Knott, 
Hannah Arendt. Un ritratto controcorrente, ed. it. a cura di Laura Boella, Raffaello Cortina Editore, Milano, 2012 
Oppure 
 
Laura Boella, 
Hannah Arendt, Coll. Eredi, Milano, Feltrinelli 2020.
 
2)    Adriana  Cavarero,
Democrazia sorgiva. Note sul pensiero politico di Hannah Arendt, Milano, Raffaello Cortina 2019.
 
3)    Giancarlo Gaeta, 
           Leggere Simone Weil, Quodlibet, Macerta 2018.
 
4)    Orietta Ombrosi (a cura di), Ebraismo al “femminile”. Percorsi diversi di intellettuali ebree del Novecento, Giuntina, Firenze, 2017 (parti: Premessa, pp. 7-18; 23-51; 143-243)
 
 
Bibliografia consigliata/ Recommended reading:
 
Miguel Abensour,
            Hannah Arendt contro la filosofia politica?, trad. it di C. Dezzuto,  Jaca Book, Milano 2010.
 
Olivia Guardaldo (a cura di),
Il Novecento di Hannah Arendt: un lessico politico, Ombre Corte, Verona 2008.
 
Sylvie courtine-demamy 
          Trois femmes dans de sombres temps : Edith Stein, Hannah Arendt, Simone Weil : ou "Amor fati, amor mundi, Albin Michel, Paris 1999, 2002, poi  Librairie générale française, Paris, 2004  (in versione inglese), Three Women in Dark Times: Edith Stein, Hannah Arendt, Simone Weil, Cornell University Press, 2001.
 
Roberto Esposito,  
         L’origine della politica. Hannah Arendt o Simone Weil?,  Donzelli, Roma, 2014 (con una nuova introduzione).
 
 
Sul concetto di Totalitarismo: 
 
Simona Forti, Il totalitarismo, La Terza, 2005
 
Enzo Traverso, A ferro e fuoco, Bologna, Il Mulino 2008
–      Totalitarismo. Storia di un dibattito, Verona, Ombre Corte, 2015.
 
Note
n.d.
Orario Lezioni
Lunedì 16.30 - 19.30 (RM052 Aula VI - PIANO TERRA)
Martedì 16.30 - 17.30 (RM052 Aula VI - PIANO TERRA)
Mercoledì 12.30 - 14.30 (RM052 Aula V - PIANO TERRA)
Inizio lezioni: Martedì 12 Ottobre 2021

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma