LAUREA
Fondamenti di intercultura-slava
a.a.: 2021/2022 - anno di corso: 1
Settore L-LIN/21 - CFU 6 - Semestre I+II - Codice 10592744
Note insegnamento:
Dispense: Sono presenti 2 dispense associate all'insegnamento. Visualizza
Cdl associati Visualizza
Programma

Il corso propone una visione panoramica e trasversale della Civiltà Slava nel suo rapporto con l’Europa nei vari aspetti: culturale, religioso, letterario, socio-politico. Include le seguenti tematiche: “Slavia Latina” e “Slavia Ortodoxa”, problematiche identitarie dei singoli Paesi slavi dalle origini all’età della globalizzazione, multiculturalismo nell’area slava, messianesimi slavi a confronto con la storiografia europea, costruzione e strumentalizzazione della memoria storica, la Russia e gli Slavi, la Russia e l’Europa, concetti geoculturali (Centro-Est europeo, Mitteleuropa, Eurasia), creazione del concetto dell’Est europeo nell’immaginario culturale occidentale. Costruzione di una sintetica storia trasversale della Civiltà Slava in un suo continuo dialogo, confronto e spesso scontro con l’Europa nei vari aspetti: culturale, religioso, letterario, socio-politico. L’obiettivo finale è la rivisitazione dell’identità europea stessa grazie alla storia culturale del suo limes orientale che definisce oggi la dialettica del “confine europeo” come categoria, più che politica, in primis culturale e filosofica.

Lezioni frontali dedicate 1) alla storia delle idee fondanti la Civiltà Europea dall'antichità ad oggi; 2) alla storia della Russia e del Mondo Slavo nei suoi momenti salienti dal Medioevo ai tempi nostri; 3) all'evoluzione religiosa del Mondo Slavo e al rapporto complesso tra il cristianesimo occidentale e quello orientale, tra la Civiltà di Roma e Civiltà di Costantinopoli; 4) al confronto tra la Slavia Romana e Slavia Orthodoxa; 5) alle problematiche identitarie della Russia e del Mondo Slavo; 6) alla storia delle Lingue Slave; 7) ai concetti di macroaree nell'Est europeo (Mitteleuropa, Centro-Est europeo, Intermarium, Eurasia); 8) ai problemi di democrazia e di totalitarismo nell'Est europeo; 9) ai problemi della narrazione storica e della memoria in Russia e nel Mondo Slavo; 10) alle problematiche culturali e socio-politiche della Russia e del Mondo Slavo oggi. Il nucleo tematico principale è la storia della cultura russa attorno alla quale si struttura il discorso sulla cultura ucraina e polacca a confronto. Il Mondo Slavo si studia in stretta correlazione con il Mondo Europeo. Principale metodo di studio è l'approccio comparativo. 
   
Il materiale è strutturato a) secondo il principio cronologico: 2) in base a blocchi tematici. Le lezioni si svolgono rigorosamente secondo il Programma che viene presentato agli studenti all'inizio del Corso. 
 
Programma inglese

The Course highlights an overall view of Slavic Civilization in its relationship with Europe taking into account all different aspects, be they cultural, religious, literary and socio-political. The Сourse covers the following issues: “Latin Slavia” as well as  “Orthodox Slavia”, including issues specific to the identity of each slavic country, from its very origins to the age of globalization and multiculturalism in the slavonic area, the coming of  slavic messianisms in the face of European storiography and instrumental use of historical memory, Russia and the Slavs, Russia and Europe, geocultural concepts (East-Central Europe, Mitteleuropa, Eurasia), within the western cultural image. The building of a synthetic cross-cultural history of Slavic Civilization in a continuous dialogue, confrontation, often clash with Europe in the various aspects of cultural, religious and socio-political issues is anyway now a must. The final aim is the reconstruction of the European identity itself just thanks to the cultural history of its eastern lime which becomes essential in order to clarify the “European Limes”, wich is not so much political, but rather cultural and philosophical.


Lectures addressing 1) the history of ideas underpinning European civilisation from the Ancient world 'til now; 2) the most significant events of the history of Russia and the Slavonic world from the Middle Agents 'til now; 3) the religious developments in the Slavonic world and the complex relations between Western and Eastern Christianity, between the civilisation of Rome and that of Byzantium; 4) the comparison of the Roman Slavonic tradition with the Orthodox Slavonic tradition; 5) identity issues in Russia and the Slavonic context more broadly; 6) the history of Slavonic languages; 7) the concepts of macro-regions in Eastern Europe (Mitteleuropa, Central-Eastern Europe, Intermarium, Eurasia); 8) problems related to democracy and totalitarianism in Eastern Europe; 9) issues related to historical narration and memory in Russian and the Slavonic world; 10) cultural and socio-political challenges of Russia and the Slavonic world today. The main focus will be on the history of Russian culture around which revolves the discussion on Ukrainian and Polish cultures. We will be approaching the Slavonic world in its close relations with the European world. This course adopts a comparative and interdisciplinary methodological approach.
 
The material is structured as follows: a) in chronological order; b) by thematic sections. The lectures will be following closely the programme outline which is handed out to students at the beginning of the course.
Obiettivi

Acquisizione di competenze  teoriche di base sui principali aspetti della mediazione linguistica interculturale, in prospettiva interdisciplinare. Introduzione generale alla storia e all’analisi delle culture slave nel loro rapporto con la civiltà europea.
L’obiettivofinale è la rivisitazione dell’identità europea stessa grazie alla storia culturale del suo limes orientale che definisce oggi la dialettica del “confine europeo” come categoria, più che politica, in primis culturale e filosofica.

Lettura dell’attualità attraverso la storia delle idee e dei paradigmi storico-culturali del passato.

 

Valutazione
- Prova orale
Descrizione valutazione
Rich text editor, valutazione_m, press ALT 0 for help.
L’Esame è costituito da due parti: Esonero (sessione invernale) e Prova Finale (sessione estiva e autunnale). L’Esonero non è obbligatorio, però facilita la preparazione della Prova Finale. L’Esonero corrisponde al materiale del 1° semestre, la Prova Finale corrisponde a quello del 2° semestre (nel caso del mancato Esonero, la Prova Finale ovviamente comprende il materiale di tutto il Corso). Nel caso di un Esonero fatto, il voto rappresenterà la media tra le due prove.
Sia per l’Esonero sia per la Prova Finale si chiede la preparazione di un argomento a scelta da elaborare autonomamente e portare all’esame in forma orale o scritta (se si sceglie la forma scritta, si prega di spedire il testo perlomeno una settimana prima dell’esame). Nella sessione estiva si raccomanda piuttosto la versione orale. 
Per facilitare il lavoro, nel Programma (che viene distribuito all'inizio del Corso) accanto a ogni lezione è indicata la fonte principale cui ricorrere per studiare il materiale. 
 
La Bibliografia è suddivisa tra Mediazione Russa e Mediazione Ucraina. Alcuni testi sono in comune. È possibile sostituire alcuni testi obbligatori (tranne i testi di Chabod, Graciotti 1988-1989 e Strada) con un testo scelto dall’elenco dei libri facoltativi. 
I non frequentanti, oltre alle fonti obbligatorie, devono preparare tre capitoli di Figes oppure di Groh (al posto di uno per i frequentanti). In alternativa: un libro in più scelto dall’elenco dei libri facoltativi. 
 
Testi
MEDIAZIONE RUSSA 
Testi obbligatori
1 Chabod F., Storia dell’idea d’Europa, Roma–Bari: Laterza, 2003. Dispense
2 Figes O., La danza di Natasha. Storia della cultura russa dal XVIII al XX secolo, Torino: Einaudi, 2004 (un capitolo a scelta per i frequentanti; tre capitoli per i non frequentanti). Biblioteca
3 Graciotti S., Le due Slavie: problemi di terminologia e problemi di idee, in “Ricerche Slavistiche”, XLV-XLVI (1998-1999). Dispense
4 Graciotti S., Mosca Terza Roma, in La Città e il Sacro, a cura di F.Cardini, Milano: Garzanti-Scheiwiller, 1994, pp. 243-268. Dispense
5 Groh D., La Russia e l’autocoscienza d’Europa. Saggio sulla storia intellettuale d’Europa, Milano: Einaudi, 1980 (un capitolo a scelta per i frequentanti; tre capitoli per i non frequentanti) Dispense
6 Kundera M., Occidente sequestrato, ovvero La tragedia dell’Europa Centrale, in “Nuovi Argomenti”, gennaio-marzo 1984 (9) .
Dispense
(ingl.);
in rete
7 Rupnik J. Evolving or revolving? Central Europe since 1989, in “Eurozine” (December 15, 2017; in ingl.); “Transit 50” (2017; in ted.)  . Dispense
(ingl.); in rete
8 Sgambati M., La cultura russa dell’Ottocento e l’Europa delle nazioni, in S. Redaelli (a cura di), L’Italia e l’Europa centro-Orientale – gli ultimi cento anni, Warszawa: Semper, 2009, pp. 7-17.  Dispense
9 Strada V., Europe. La Russia come frontiera, Venezia: Marsilio, 2014. Dispense
10 Thompson E.M., Imperial Knowledge. Russian Literature and Colonialism, Westport (Conn.) – London, 2000 [Part 2: Engendering Empire]. Dispense
(ingl.)
11 Toscano S., Cirillo e Metodio mediatori culturali (testo lezioni) Dispense
12 Materiali aggiuntivi delle lezioni delle Proff.sse:
L. Gebert:
– 1 Power Point (Pagina Docente Pachlovska – Gruppo FB); 
– B. Comrie, The Slavonic World, in “Lingua e Stile” (2001), XXXVI (3), pp. 431-442) (Dispense – Pagina Docente Pachlovska – Gruppo FB); 
O. Pachlovska:
– Dispense; 
– 4 Power Points (Pagina Docente Pachlovska – Gruppo FB); 
O. Ponomareva:
– 1 Power Point (Pagina Docente Pachlovska – Gruppo FB); 
C. Scandura:
– Martini M., Oltre il disgelo. La letteratura russa dopo l’URSS, Milano: Mondadori, 2002 (Biblioteca);
– Piretto G., 1961. Il sessantotto a Mosca, Bergamo: Moretti & Vitali, 1998 (1° ed.) (Biblioteca).
 
 
MEDIAZIONE UCRAINA 
Testi obbligatori
1 Brogi G., Pachlovska O., Taras Ševčenko. Dalle carceri zariste al Pantheon ucraino, Firenze: Le Monnier, 2015 (capitoli scelti). Dispense
2 Chabod F., Storia dell’idea d’Europa, Roma–Bari: Laterza, 2003. Dispense
3 Graciotti S., Le due Slavie: problemi di terminologia e problemi di idee, in “Ricerche Slavistiche”, XLV-XLVI (1998-1999). Dispense
4 Graziosi A., La fame e il suo uso. 1932-33, in Id., L’URSS di Lenin e Stalin. Storia dell’Unione Sovietica. 1917-1945, Bologna: il Mulino, 2007, pp. 331-362. Dispense
5 INTERNET ENCYCLOPEDIA OF UKRAINE 
In rete
6 Lami G., Ucraina 1921-1956, Milano: CUEM, 2008. Biblioteca
7 Pachlovska O., Civiltà letteraria ucraina, Roma: Carocci, 1998 (capitoli scelti). Dispense
8 Perri G., La ricca fontana. Una biografia dell'Ucraina moderna. Fonti storiche, fonti letterarie, Sesto Fiorentino (FI): Apice libri, 2015 (capitoli scelti).
9 Plokhy S., The Gates of Europe: A History of Ukraine, New York: Basic Books, 2015 (capitoli scelti).  Biblioteca
(in ingl.)
10 Snyder T., The Reconstruction of Nations: Poland, Ukraine, Lithuania, Belarus, 1569-1999, Yale University Press, 2004 (capitoli scelti; NB! Possibilità di studiare il testo in ucraino: chiedere alla Docente). Biblioteca
(in ingl.)
11 Szporluk R., The Western Dimension of the Making of Modern Ukraine, in “Eurozine”, 22.07.2005 . In rete
(in ingl.)
12 Vaccaro L. (a cura di), Storia religiosa dell’Ucraina (Atti del Convegno internazionale, XXV Settimana Europea, Fondazione Ambrosiana Paolo VI, Gazzada, Varese, Villa Cagnola, 2-6 settembre 2003), Milano: Centro Ambrosiano, 2007 (capitoli scelti). Biblioteca
 
Bibliografia generale (facoltativa):
Bellezza S.A. (a cura di), Atlante geopolitico dello spazio post-sovietico. Confini e conflitti, Brescia: La Scuola, 2014.
Bellezza S.A., Ucraina. Insorgere per la democrazia, Brescia: La Scuola, 2014.
Berlin I., Il riccio e la volpe e altri saggi, Milano: Adelphi, 1986 (titolo orig.: Russian Thinkers, London: Penguin Books, 1978).
Bianchini S., La questione jugoslava, Firenze: Giunti, 1996.
Brague R., ll futuro dell’Occidente. Nel modello romano la salvezza dell’Europa, Milano: Bompiani, 2005.
Brodskij I., Fuga da Bisanzio, Milano: Adelphi, 1977.
Brogi G., Pachlovska O., Taras Ševčenko. Dalle carceri zariste al Pantheon ucraino, Firenze: Le Monnier, 2015.
Caccamo D., Introduzione alla Storia dell’Europa orientale, Roma: Carocci, 2001.
Castellan G., Storia dei Balcani, XIV-XX secolo, Lecce: Argo, 1999.
Codevilla G., Chiesa e Impero in Russia: dalla Rus' di Kiev alla Federazione russa (pref. di S. Graciotti), Milano: Jaca Book, 2011. 
Codevilla G., Lo Zar e il Patriarca. I rapporti tra trono e altare in Russia dalle origini ai giorni nostri, Milano: La Casa di Matriona, 2008.
Conquest R., Raccolto di dolore. Collettivizzazione sovietica e carestia terroristica, Roma: Liberal edizioni, 2004. 
Davies N., Storia d’Europa, Milano: Mondadori, 2006.
Ferrari A., La foresta e la steppa. Il mito dell’Eurasia nella cultura russa, Sesto San Giovanni (MI): Mimesis, 2012.
Garzaniti M., Gli Slavi. Storia, cultura e lingue dalle origini ai giorni nostri, Roma: Carocci, 2013.
Gieysztor A., Storia della Polonia, Milano: Bompiani 1983.
Graciotti S. (a cura di), La nascita dell’Europa. Per una storia delle idee fra Italia e Polonia, Firenze: Olschki, 1995.
Graziosi A., L’URSS di Lenin e Stalin. Storia dell’Unione Sovietica. 1917-1945, Bologna: il Mulino, 2007.
Graziosi A., L’URSS dal trionfo al degrado. Storia dell’Unione Sovietica. 1945-1991, Bologna: il Mulino, 2008.
Groh D., La Russia e l’autocoscienza d’Europa. Saggio sulla storia intellettuale d’Europa, Torino: Einaudi, 1980.
Guida F., La Russia e l’Europa centro-orientale: 1815-1914, Roma: Carocci, 2003.
Huntington S., Lo scontro delle civiltà e il nuovo ordine mondiale, Milano: Garzanti, 2001.
A. Kappeler, La Russia. Storia di un impero multietnico, Roma: Edizioni Lavoro, 2005.
KÅ‚oczowski J., East Central Europe in the Historiography of the Countries of the Region, Lublin: Institute of East Central Europe, 1995.
Lami, G., La Questione Ucraina fra ‘800 e ‘900, Milano: CUEM, 2005.
Libardi M., Orlandi F., Mitteleuropa. Mito, letteratura, filosofia, Scurelle (TN): Silvy Edizioni, 2011. [Pagine iniziali: ].
Madonia C., Fra l’Orso russo e l’Aquila prussiana. La Polonia dalla Repubblica nobiliare alla IV Repubblica (1506-2006), Bologna: Clueb, 2013.
Magris C., Danubio, Milano: Garzanti, 1997 (3°).
Marinelli L., Fra Oriente europeo e Occidente slavo. Russia e Polonia, Roma: Lithos Editrice, 2008. 
Masaryk T.G., La nuova Europa. Il punto di vista slavo, Pordenone–Padova: Edizioni Studio Tesi, 1979.
Miłosz Cz., La mia Europa, Milano: Adelphi, 1985.
Ossola C. (a cura di), Europa: miti di identità, Venezia: Marsilio, 2001.
Pachlovska O., Civiltà letteraria ucraina, Roma: Carocci, 1998.
Picchio R., Slavia ortodossa e Slavia romana, in Id., Letteratura della Slavia ortodossa, Bari: Dedalo, 1991.
Riasanovsky N.V., Storia della Russia. Dalle origini ai giorni nostri (a cura di S. Romano), Milano: Bompiani, 2001 (9° ed.).
Riscassi A., Bandiera arancione la trionferà. Le rivoluzioni liberali nell’est europeo, Milano: Melampo, 2007. 
Snyder T., Terre di sangue. L'Europa nella morsa di Hitler e Stalin, Milano: Rizzoli, 2011. 
Valle R., Genealogia della russofobia. Custine, Donoso Cortés e il dispotismo russo, Roma: Lithos, 2012.
Wolff L., Inventing Eastern Europe. The Map of Civilization on the Mind of the Enlightenment, Stanford: Stanford University Press, 1994.  

Note

Questo corso richiede una iniziale conoscenza del quadro storico e culturale del Mondo Slavo accompagnata da una graduale acquisizione delle nozioni (storiche, culturali, letterarie, linguistiche) su un’area e/o un singolo Paese slavo. Il corso si concentrerà sulla cultura russa e su quella ucraina, offrendo allo stesso tempo una visione trasversale del Mondo Slavo come parte integrante del Mondo Europeo. È avvantaggiato quindi chi è a conoscenza (almeno in linee generali) della storia delle idee fondanti la civiltà europea, dal periodo antico fino ai giorni nostri. Un’attenzione alle problematiche dell’Europa di oggi potrà contribuire a una discussione sulle sfide inerenti alla costruzione del multiculturalismo europeo e di un modello democratico impegnato nel consolidamento di una cultura del dialogo.


This course requires a background understanding of the historical and cultural Slavonic context in general and a gradual acquisition of the historical, cultural, literary, linguistic knowledge of a region and/or country in particular. The course will mainly address Russian and Ukrainian culture, although a more general discussion on how the Slavonic world should be treated as part of European civilisation will be considered throughout the course. A background knowledge of the history of ideas underpinning European civilisation from the Ancient world ‘til now is an advantage. An understanding of contemporary European affairs may contribute to a broader discussion on the challenges coming from the creation of European multiculturalism and a democratic model aimed at consolidating a culture of dialogue.
Orario Lezioni
Mercoledì 15.00 - 17.00 (RM021 Aula 109 - I PIANO)
Inizio lezioni: Mercoledì 6 Ottobre 2021

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma