LAUREA
Docente: Luisa Valente
Storia della filosofia medievale I.II A
a.a.: 2021/2022 - anno di corso: 3
Settore M-FIL/08 - CFU 6 - Semestre II - Codice 1023526
Note insegnamento:
Cdl associati Visualizza
Programma
Introduzione alla Storia della filosofia medievale. L’idea del mondo come libro: il Didascalicon di Ugo di san Vittore.
Il corso si dividerà in due parti. Nella prima parte verrà presentata una sintesi della storia della filosofia medievale da Agostino al XIV secolo. Nella seconda parte ci si concentrerà sul pensiero del XII secolo e in particolare sulla figura di Ugo di san Vittore, del quale verrà letto e commentato in aula il Didascalicon. Il Didascalicon è una sorta di ‘mappatura’ del sapere o di programma completo per gli studi e per la vita di chi studia. Esso fornisce una rappresentazione tendenzialmente esaustiva degli ambiti, delle fonti, delle condizioni e dei metodi propri dello scibile, sia profano sia religioso. La prima parte articola il sapere secondo una famosa quadripartizione della filosofia in filosofia teoretica, pratica, meccanica e logica. Tutte queste branche, compresa la ‘filosofia meccanica’, secondo Ugo contribuiscono alla realizzazione del sapere nel suo insieme, che viene presentato come unico, unitario e completo. Il Didascalicon mira così a rendere i lettori partecipi di una concezione della conoscenza insieme esperienziale ed erudita, speculativa e spirituale. La bellezza del mondo infatti, secondo la concezione vittorina, è segno della sua origine da un ordine trascendente: conoscerlo vuol dire saperlo leggere anche come un libro le cui parole, ossia le realtà naturali che lo abitano, sono segno di altro da se stesse.
 
Programma inglese
Introduction to the History of Medieval Philosophy. The idea of the world as a book: Hugh of St Victor’s Didascalicon.
The course will be divided into two parts. In the first part a summary description of the history of medieval philosophy from Augustine to the 14th century will be presented. The second part will focus on twelfth-century thought and in particular on the figure of Hugh of St Victor, whose Didascalicon will be read and commented on in class. The Didascalicon is a kind of 'mapping' of knowledge or a complete program for studies and for the life of the scholar. It provides an exhaustive representation of the fields, sources, conditions and methods of knowledge, both secular and religious. The first part articulates knowledge according to a famous fourfold division of philosophy into theoretical, practical, mechanical and logical philosophy. According to Hugh, all these branches, including 'mechanical philosophy', contribute to the realisation of knowledge as a whole, which is presented as unique, unitary and complete. The Didascalicon thus aims to make readers participate in a conception of knowledge that is both experiential and erudite, speculative and spiritual. The beauty of the world, in fact, according to the Victorin conception, is a sign of its origin from a transcendent order: knowing the world means knowing how to read it also as a book whose words, i.e. the natural realities that inhabit it, are a sign of something other than themselves.
 
Obiettivi
In applicazione dei descrittori di Dublino, il corso 
- fornisce allo studente conoscenza e comprensione degli aspetti metodologici, critico-problematici e applicativi della Disciplina propone prospettive areali e settoriali nelle quali sono attivi o si possono attivare progetti di ricerca attinenti la Disciplina; mostra la variabilità dei campi di interesse entro i quali si possono applicare le competenze disciplinari (descrittore 1); 
- sviluppa l’autonoma capacità dello studente di porre in relazione quanto appreso con altri SSD: storici, letterari, artistici, dei beni culturali, economici, politici, storico-religiosi ecc. (descrittore 2); 
- mette lo studente in grado di utilizzare le conoscenze acquisite e il linguaggio specifico appreso per le cosiddette “competenze trasversali” (autonomia di giudizio, abilità comunicative, descrittori 3-5).
 
Valutazione
- Prova scritta
- Prova orale
- In itinere
Descrizione valutazione
Rich text editor, valutazione_m, press ALT 0 for help.
La valutazione sarà effettuata sulla base di una prova orale finale e, per gli studenti che lo richiederanno, su una prova scritta in itinere verso la metà del corso riguardante solo la parte generale. 
L'esame orale consisterà di due colloqui, svolti nello stesso giorno. Nel primo lo studente sarà interrogato sulla parte generale del programma, nella seconda sulla parte monografica. Il superamento della prima parte dell'esame è necessario per accedere alla seconda. Chi usufruirà della prova scritta in itinere sulla parte generale, all'esame orale sosterrà solo un colloquio sulla parte monografica e il voto preso nella prova scritta in itinere farà media con quello preso nel colloquio orale sulla parte monografica.
Per superare la prova orale lo studente dovrà dimostrare di: 1. conoscere il contenuto del testo trattato; 2. saperlo restituire in modo chiaro, padroneggiando in modo corretto il lessico specialistico utilizzato dai vari autori; 3. saper individuare gli snodi storico-teorici più rilevanti e saperli discutere criticamente; 4. saper elaborare autonomamente un’argomentazione relativa ai contenuti trattati. Il soddisfacimento dei punti 1 e 2 è condizione necessaria al superamento dell’esame. I voti superiori al 27 saranno attribuiti agli studenti la cui prova soddisfa tutti e quattro i punti indicati.
 
Testi
Parte generale:
- P. Porro - C. Esposito, Filosofia antica e medievale, Bari, Laterza 2008 (dal cap. IX in poi, compresi i ‘percorsi tematici’). Oppure P. Porro, C. Esposito, I mondi della filosofia. Volume 1. Dalle origini alla Scolastica, Bari, Laterza 2016 (dal cap. IX in poi).
- L. Valente, Il secolo delle scuole cittadine, in G. Cambiano, L. Fonnesu, M. Mori edd., Storia della filosofia occidentale / 2 Medioevo e Rinascimento, Bologna, il Mulino 2014, pp. 67-109.
- Un dossier di testi e altri materiali sulla parte generale del corso messi a disposizione, presentati e discussi durante le lezioni. 
 
Parte monografica:
- Ugo di san Vittore, Didascalicon, in Id., Didascalicon, I doni della promessa divina, L’essenza dell’amore, Discorso in lode del divino amore, Introduzione, traduzione e note a cura di Vincenzo Liccaro, Milano, Rusconi 1987, pp. 1-213
- Ugo di san Vittore. Atti del XLVII convegno storico internazionale, Todi, 10-12 ottobre 2010, Spoleto, CISAM 2011, articoli di: D. Poirel, pp. 33-65, e G. Cremascoli, pp. 339-357.
- M.-D. Chenu, Civilisation urbaine et théologie: L'École de Saint-Victor au XIIe siècle, in Annales. Histoire, Sciences Sociales, 29 (1974), pp. 1253-1263 (disponibile su Jstor).
- Un dossier di testi e altri materiali su Ugo di san Vittore messi a disposizione, presentati e discussi durante le lezioni.
 
NB 1: Chi lo desideri può studiare, in alternativa al manuale Porro-Esposito: E. Gilson, La filosofia nel medioevo dalle origini patristiche alla fine del XIV secolo, Firenze, La Nuova Italia 1973 ed edizioni successive. 
 
NB 2: Chi ha già studiato in precedenza l’uno o l’altro di questi manuali per un esame di Storia della filosofia medievale li potrà sostituire con una lettura da concordare con la docente.
 
NB 3: Gli studenti che volessero sostenere un esame da solo sei crediti possono limitarsi a seguire la prima parte del corso e porteranno all’esame solo il programma riguardante la ‘parte generale’.
.............
Bibliografia per approfondimento:
- Ivan Illich, In the Vineyard of the Text : A Commentary to Hugh's Didascalicon, Ia ed. Chicago 1993
- Patrice Sicard, Hugues de Saint-Victor et son école, Turnhout 1991
- Dominique Poirel, Ugo di san Vittore. Storie, scienza, contemplazione, Milano 1997
Note
n.d.
Orario Lezioni
Lunedì 11.30 - 13.30 (RM052 Aula V - PIANO TERRA)
Mercoledì 12.30 - 14.30 (RM052 Aula VIII - I PIANO)
Giovedì 14.30 - 17.30 (RM052 Aula XII - PIANO TERRA)
Inizio lezioni: Lunedì 28 Febbraio 2022

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma