Come scrivere il saggio finale (Italian version, for now)

1. In Generale
    L'esame di Theoretical Philosophy si supera preparando e discutendo un saggio su un argomento attinente il corso. Il saggio deve essere di 10/12 pagine (interlinea 1,5, dimensioni carattere 12, margini normali) per 12 CFU. (Si prega di usare word o un programma di scrittura compatibile con word.) Il saggio può essere scritto in italiano o in inglese, a scelta dello studente e senza che la scelta dell'inglese influisca sul voto. L'intento che mi ha guidato nello scegliere questa modalità di esame e' di farvi familiarizzare con la e farvi esercitare nella scrittura filosofia.
 
2. La procedura

  Già durante il corso e comunque al momento dell'elaborazione del saggio, seguiremo questa procedura.

   2.1 La scelta

    La scelta dell'argomento tocca allo studente. Questa e' una parte importante dell'esercizio: mettere bene a fuoco i propri interessi. Io approverò  o respingerò o correggerò tale scelta. L'argomento deve essere in stretta relazione con i temi affrontati nel corso.

  2.2 Elaborazione e valutazione

  Lo studente deve quindi procedere ad una prima stesura, che e' importante sia già accurata: non un semplice abbozzo, ma un tentativo onesto di dare una versione compiuta e chiara delle proprie idee. Molto semplicemente, non sono in grado di leggere e correggere utilmente testi soltanto abbozzati, e li rinvierò subito all'autore. Io correggerò questa prima versione, che avrò ricevuto e rispedirò per email. Lo studente farà una seconda versione, definitiva, tenendo conto delle mie osservazioni. Io valuterò il saggio in questa seconda versione. Non c'è una seconda correzione. In sede di verbalizzazione discuteremo il lavoro, i suoi meriti e demeriti.

  2.3 I tempi

  E' importante che tutto questo avvenga con tempestività. Gli studenti dovrebbero sbrigarsi non solo a scegliere un buon argomento ma anche a preparare la prima, accurata, versione del saggio - idealmente ciò dovrebbe avvenire già durante la parte conclusiva del corso. Se molti saggi mi arrivano insieme, mi ci può volere del tempo per leggerli e correggerli. La versione definitiva del saggio mi dovrebbe arrivare almeno una settimana prima dell'appello. Considerate che tutta la procedura prende almeno un mese. Prenotatevi all'appello che volete dopo avere spedito la seconda versione, ma è di aiuto se mi dite per email quando volete fare l'esame.

 
3. Osservazioni Generali

 3.1 E' un saggio di filosofia

  Il punto di tutto questo esercizio e' l'addestramento alla teoria e alla scrittura filosofica. Quindi e' importante che lo studente abbia ben presente che si tratta di un impegno analitico, non descrittivo o narrativo. Nel saggio deve essere individuato un problema filosofico, deve essere proposta o ricostruita un'argomentazione filosofica che lo riguarda, se ne deve proporre una valutazione e una critica. Ne deve essere presentata la struttura, individuati i passi logici. Ovviamente, tutto questo può essere fatto in riferimento a uno o più dei testi discussi nel corso. Ma e' importante che lo studente non scambi l'uso delle idee di filosofi in un contesto filosofico-teorico con il loro esame in un contesto storico-filosofico.

  3.2 Cosa conta

  Sono importanti, e tenute in gran conto, la chiarezza degli scopi e della struttura del saggio, che devono essere brevemente presentati all'inizio del testo. E' importante la correttezza dei singoli passaggi logici e la pertinenza dell'argomentazione nel suo complesso. E' meno importante, ma e' sempre benvenuta, l'originalità. Mi aspetto però che gli studenti esprimano con chiarezza, e sostengano con buone ragioni, il loro punto di vista sul problema o l'argomentazione analizzati. E' anche essenziale che tutte le fonti utilizzate per il lavoro - libri, articoli - siano citate accuratamente. Se in generale ci si ispira ad una certa discussione dell'argomento su cui si scrive, si deve riconoscere esplicitamente quale è la propria fonte di ispirazione.

3.3Come deve essere scritto il saggio

Con ordine e con chiarezza, fin dalla prima stesura. Il testo deve essere suddiviso in paragrafi e sottoparagrafi, titolati - come quello che state leggendo. All'inizio del testo devono essere indicati il nome e il cognome dell'autore, il suo anno di corso (I, II, III). Si devono formulare chiaramente, all'inizio, gli intenti del saggio e, alla fine, le conclusioni raggiunte. Questo deve essere fatto fin dalla prima stesura, proprio per consentirmi di capire e valutare meglio il vostro lavoro. Rispedirò agli autori i lavori che si discostano troppo da queste indicazioni.

Data inizio: 
Mercoledì, 17 Novembre, 2021
Data fine: 
Giovedì, 17 Novembre, 2022

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma