Storia, teorie e tecniche della danza MODULO DRAMMATURGIA DEL BALLETTO NARRATIVO (6 CFU) - inizio corso 7 marzo 2022 ore 17-19.30

Storia, teorie e tecniche della danza MODULO DRAMMATURGIA DEL BALLETTO NARRATIVO (6 CFU)
a.a.: 2021-22 - anno di corso: 1
Settore L-ART/05 - CFU 12 - Semestre II - Codice 105993265
N.B.:Il modulo "Drammaturgia del balletto narrativo" di 6 CFU va integrato con quello del prof. Di Bernardi per completare i 12 cfu di Storia. Teorie e tecniche della danza, I anno.
Orario Lezioni
Lunedì orario 17-19.30 (RM103 Aula A - Vetreria Sciarra Provincia di Roma)
Venerdì 17-19.30 (RM103 Aula B- Vetreria Sciarra Provincia di Roma)
Chi fosse impossibilitato a seguire le lezioni in presenza, potrà accedere in streaming, spedendo una mail di richiesta alla docente, alla quale sarà risposto inviando, con congruo anticipo, il link relativo.
Per il ricevimento, concordare con la docente inviando una mail
 
 Inizio lezioni: 
lunedì 7 marzo orario 17-19.30, Aula A - Vetreria Sciarra Provincia di Roma
 
Programma
Il corso intende investigare il complesso sistema drammaturgico del ballo teatrale, a partire dalla sua origine alla fine del Quattrocento sino a tutto l’Ottocento, tramite l’analisi e lo studio di alcune esperienze spettacolari di particolare rilevanza, investigando i vari media (danza, musica, scrittura, scene, costumi…) che concorrono alla sua realizzazione e le plurime fonti utili al suo studio. Verranno altresì affrontati temi quali il mutuo prestito e l’intreccio di temi, trame e ispirazioni con le arti vicine (quali le coeve drammaturgie melodrammatiche e del teatro di prosa, il sistema letterario, le correnti figurative), l’aspetto censorio, i sistemi produttivi, la recezione, la critica di danza, l’influsso degli scritti pratici-teorici sulla danza e delle teorie estetiche e teatrologiche. Particolare attenzione verrà poi data all’individuazione degli stili, delle caratteristiche tecniche e delle prassi della danza dell’epoca.
Obiettivi
Il corso vuole sviluppare negli studenti, oltre alle conoscenze di base, teoriche e storiche, sulla materia, l’attenzione agli strumenti metodologici e la consapevolezza dei molteplici approcci di studio e ricerca possibili, anche tramite lo sviluppo di percorsi di studio e ricerca, individuali e/o di gruppo, eventualmente finalizzati alla produzione di uno scritto originale che potrà essere oggetto dell’esame finale.
 
Valutazione
- Prova orale
Descrizione valutazione
L'esame finale è orale. Consigliata la stesura di una tesina, da concordare con il docente. 
Testi
Ornella Di Tondo, Storia della Danza e del Balletto. I.Dall’Antichità al Seicento, in Di Tondo, Ornella, Pappacena, Flavia, Pontremoli, Alessandro, Storia della Danza e del Balletto, Roma, Gremese, 2019, e in volume separato (I vol.), pp. 1-12, 39-128, I-XIII
Flavia Pappacena, Storia della danza e del balletto, II. Il Settecento e l’Ottocento, Roma Gremese, 2019, in Di Tondo, Ornella, Pappacena, Flavia, Pontremoli, Alessandro, Storia della Danza e del Balletto, Roma, Gremese, 2019, e in volume separato (II vol.), pp.
Due saggi a scelta tra i seguenti (per quelli non open source, saranno fornite dispense per gli iscritti al corso):
 Flavia Pappacena, Dal libretto di balletto alle note per la messa in scena, in «Acting Archives Review», anno III, numero 6, novembre 2013, pp. 1-25. https://actingarchives.it/images/Reviews/6/03.pdf;

Elena Cervellati, Da Giselle (Parigi, 1841) a Gisella (Bologna, 1843). Traduzione e ricezione di un capolavoro in una città italiana dell'Ottocento, in L'Italia e la danza. Storie e rappresentazioni, stili e tecniche tra teatro, tradizioni popolari e società, ROMA, Aracne, 2008, pp. 161-176 http://amsacta.unibo.it/2356/1/Da_Giselle__Parigi%2C_1841__a_Gisella__Bologna%2C_1843.pdf

Elena Cervellati, Il dito di Polimnia. Il libretto per balletto tra parola scritta e corpo danzante, in Danza e teatro. Storie, poetiche, pratiche e prospettive di ricerca, Atti del convegno di studi dedicato a Silvana Sinisi ed Eugenia Casini Ropa (Università di Bologna, 24-25 settembre 2009), Acireale-Roma, Bonanno Editore, 2011, pp. 125-134.
Alessandro Pontremoli, I Balli di Sfessaniadi Jacques Callot, in Idem, L’arte del ballare. Danza, cultura e società a corte fra XV e XVII secolo, Bari, Edizioni di Pagina, 2021, pp. 119-139.
Roberta Albano, Rosa Cafiero, Shakespeare in ballo: Macbethdi Armando Vestris e Wenzel Robert von Gallemberg (4 ottobre 1818), in Paologiovanni Maione, Maria Venuso (cur.), Danza e balloa Napoli: un dialogo con l’Europa (1806-1861), Atti del convegno Internazionale Airdanza - Fondazione Pietà de’ Turchini/Centro di Musica Antica, Napoli, 9-11 novembre 2017, Napoli, Edizione dei Turchini, 2021, pp. 123-155.
Laura Aimo, Dicotomie o sinergie? Gasparo Angiolini e l’originalità della danza, in Alessandro Pontremoli, Patrizia Veroli (cur.), Passi tracce percorsi. Scritti sulla danza italiana in omaggio a José Sasportes, Roma, Aracne, 2010, pp. 71 - 82
Ornella Di Tondo,“La censura nei balli teatrali nella Roma pontificia dell’Ottocento”, in Pontremoli, Alessandro ePoesio, Giannandrea (cur.), L’Italia e la danza. Storie e rappresentazioni, stili e tecniche tra teatro, tradizioni popolari e società, Atti del Convegno Internazionale (AIRDanza-EADH, Roma, 13-15 ottobre 2006),Roma, Aracne, 2008, pp.177-194.
Ornella Di Tondo,“La Silfide italiana o della contrastata ricezione del balletto ‘oltremontano’”, in Falcone, Francesca (cur.), La danza tra il pubblico e il privato. Studi in memoria di Nadia Scafidi, Atti della giornata di studiAIRDanza,2009, Roma, Aracne, 2013, pp. 31-61.
Ornella Di Tondo, Satira, contraffazione e parodia del balloteatrale nella Napoli dell’Ottocento, in Paologiovanni Maione, Maria Venuso (cur.), Danza e balloa Napoli: un dialogo con l’Europa (1806-1861), Atti del convegno Internazionale Airdanza - Fondazione Pietà de’ Turchini/Centro di Musica Antica, Napoli, 9-11 novembre 2017, Napoli, Edizione dei Turchini, 2021, pp. 311-338.
Ornella Di Tondo,«Io disperatamente amo, ed indarno»: la Mirra da Vittorio Alfieri a Salvatore Viganò, inSasportes, José e Veroli, Patrizia (cur.), Ritorno a Viganò, Atti del convegno di studi, Venezia,
Teatro alla Fenice, 26-28 giugno 2014, Roma, Aracne, 2017, pp. 197-231.
Ornella Di Tondo,“Diabolus in chorea: Il Faust di Goethe nella versione di Jules Perrot (1848) e nelle riproduzioni di Domenico Ronzani (Milano, 1848-49; Venezia, 1850-51)”, in Veroli, Patrizia, con la collaborazione di Scarpulla, Mattia (cur.), Il libretto di Ballo. Riflessioni storiche e teoriche in omaggio ad Alberto Testa, Collana di AIRDanza n. 1, Roma, Massimiliano Piretti Editore, 2017, pp. 37-56.
Ornella Di Tondo,“Italian Opera Staging manuals(Disposizioni sceniche) and Ballet. An example: Arrigo Boito’s Mefistofele(1877)”, in Michael Malkiewicz e Jörg Rothkamm (a cura di), Die Beziehung von Musik und Choreographie im Ballet, Bericht vom Internationalen Symposium Hochschule für Musik und Theater, Leipzig, 23-25 marzo 2006), Berlin, Vorwerk 8, 2007, pp. 163-175.
Ornella Di Tondo,“Madamigella de La Vallière, Appunti coreografici di Gioacchino Coluzzi (1878). La Distribuzione della scena e le indicazioni drammaturgiche, mimiche e scenotecniche del ballo”, Chorégraphie, n.s., n. 2, a. I, 2004, pp. 43-92.
Ornella Di Tondo, Arlecchino: un italiano in Europa tra Lambranzi e Le Roussau, in Fabio Mollica (a cura di) Aspetti della cultura di danza nell’Europa del Settecento, Atti del ConvegnoBologna e la cultura europea di danza nel Settecento (Bologna, 2-4 giugno 2000), Bologna, I Libri della Società di Danza, III, 2001, pp. 57-77.
 
Gli studenti NON frequentanti dovranno aggiungere un libro a scelta fra i seguenti:
Ornella Di Tondo, La censura sui balli teatrali nella Roma dell’Ottocento, Novara, UTET, 2008.
Susan L. Foster, Coreografia e narrazione. Corpo, danza e società dalla pantomima a Giselle, Roma, Dino Audino Editore, 2003.

 

Data inizio: 
Lunedì, 7 Febbraio, 2022
Data fine: 
Lunedì, 31 Ottobre, 2022

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma