CORSO TRIENNALE SECONDO SEMESTRE

Essendomi stato segnalato ripetutamente un problema di visualizzazione del programma del corso di filosofia della religione triennale del secondo semestre, pubblico provvisoriamente qui i contenuti essenziali:
 
Fenomenologia, teologia, filosofia della religione: a partire da Heidegger
La fenomenologia (filosofica) della religione nasce dall’incontro fecondo tra filosofia della religione e metodo fenomenologico. La conferenza heideggeriana del 1927 su Fenomenologia e teologia ne rappresenta un momento decisivo nella costruzione di questo nuovo quadro teorico. In particolare, la determinazione del rapporto tra metodo fenomenologico e questione teologica sulla base della differenza ontologica riformula in modo del tutto originale la vexata quaestio della subordinazione versus autonomia reciproca tra fede e sapere. Il corso si propone di esaminare la portata, le implicazioni e le difficoltà del modello teorico heideggeriano, anche alla luce della diversa recezione di esso (produttiva o radicalmente critica) da parte di Rudolf Bultmann, Karl Löwith e Hans Jonas.
TESTI
M. Heidegger, Fenomenologia e teologia, in Id., Segnavia, Milano, Adelphi, pp. 5-34.
K. Löwith, Ontologia fenomenologica e teologia protestante, in Id., Ontologia fenomenologica e teologia protestante, Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane, 2001, pp. 111-151.
R. Bultmann, Nuovo Testamento e mitologia. Il problema della demitizzazione del messaggio neotestamentario, in Id., Nuovo Testamento e mitologia, Brescia, Queriniana, 2018, pp. 101-174.
H. Jonas, Heidegger e la teologia, Milano, Medusa, 2004.
A. Fabris (a cura di), Heidegger. Una guida, Carocci, in corso di pubblicazione, 3 capitoli (che saranno specificati durante il corso).
 
 
 
 
 
 

Data inizio: 
Mercoledì, 7 Settembre, 2022
Data fine: 
Lunedì, 12 Dicembre, 2022

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma