Antonella Meniconi

Ordinario
SPS/03 ( Storia delle istituzioni politiche )
Lettere e Culture Moderne
Facoltá di Lettere e filosofia, I piano, stanza n. 82
Telefono 06 49693353
Visualizza programmi a.a. 2020-2021  a.a. 2019-2020
Ricevimento

Si prega di contattare la docente alla sua mail: antonella.meniconi@uniroma1.it e sarà possibile fissare un appuntamento sulla piattaforma Meet.
Tutte le pubblicazioni su IRIS: 
https://iris.uniroma1.it/simple-search?query=Antonella+Meniconi&location...

Storia dell'amministrazione pubblica - Lezioni
lun 01 Mar 2021 Mar 01 Mar 2022

Le lezioni avranno inizio mercoledì 10 marzo e si svolgeranno in modalità mista (in presenza e da remoto), secondo turnazioni definite dall'Ateneo.

Gli studenti che desiderano partecipare alle lezioni (in presenza o da remoto) sono invitati a iscriversi alla classe-virtuale creata su Google Classroom utilizzando il seguente codice del corso: expjjni 

L'iscrizione andrà a buon fine solo se verrà utilizzato l'indirizzo di posta istituzionale (@studenti.uniroma1.it). Contestualmente, gli studenti sono tenuti a scrivere alla docente (antonella.meniconi@uniroma1.it) per comunicare l'avvenuta iscrizione.

Coloro che seguiranno le lezioni da remoto potranno utilizzare il link che verrà comunicato loro dopo l'iscrizione alla classe stessa.

In caso di difficoltà, si invitano gli studenti a prendere contatto con la docente (antonella.meniconi@uniroma1.it).

Storia e fonti delle istituzioni politiche - Lezioni
lun 01 Mar 2021 Mar 01 Mar 2022
Le lezioni avranno inizio mercoledì 10 marzo e si svolgeranno in modalità mista (in presenza e da remoto), secondo turnazioni definite dall'Ateneo.
Gli studenti che desiderano partecipare alle lezioni (in presenza o da remoto) sono invitati a iscriversi alla classe-virtuale creata su Google Classroom utilizzando il seguente codice del corso: 5623rwg
L'iscrizione andrà a buon fine solo se verrà utilizzato l'indirizzo di posta istituzionale (@studenti.uniroma1.it). Contestualmente, gli studenti sono tenuti a scrivere alla docente (antonella.meniconi@uniroma1.it) per comunicare l'avvenuta iscrizione.
Coloro che seguiranno le lezioni da remoto potranno utilizzare il link che verrà comunicato loro dopo l'iscrizione alla classe stessa.
In caso di difficoltà, si invitano gli studenti a prendere contatto con la docente (antonella.meniconi@uniroma1.it).
 
Il corso è consigliato soprattutto per gli studenti che abbiano già sostenuto l'esame di Storia dell'amministrazione pubblica e può essere fruito dagli studenti che hanno inserito nel proprio piano di studi gli esami di Storia delle istituzioni giudiziarie e Storia e fonti delle istituzioni parlamentari (LM Archivistica e biblioteconomia), nonchè Storia delle istituzioni politiche (LM Scienze storiche).
Storia e fonti delle istituzioni contemporanee - Scuola di specializzazione in Beni archivistici e librari - Lezioni
lun 01 Mar 2021 Mar 01 Mar 2022
Le lezioni avranno inizio giovedì 11 marzo e si svolgeranno in modalità mista (in presenza e da remoto), secondo turnazioni definite dall'Ateneo.
 
Gli studenti che desiderano partecipare alle lezioni (in presenza o da remoto) sono invitati a iscriversi alla classe-virtuale creata su Google Classroom utilizzando il seguente codice del corso: qb2xvgk
 
L'iscrizione andrà a buon fine solo se verrà utilizzato l'indirizzo di posta istituzionale (@studenti.uniroma1.it). Contestualmente, gli studenti sono tenuti a scrivere alla docente (antonella.meniconi@uniroma1.it) per comunicare l'avvenuta iscrizione.
 
Coloro che seguiranno le lezioni da remoto potranno utilizzare il link che verrà comunicato loro dopo l'iscrizione alla classe stessa.
 
In caso di difficoltà, si invitano gli studenti a prendere contatto con la docente (antonella.meniconi@uniroma1.it).
Storia e fonti delle istituzioni contemporanee - Scuola di specializzazione in Beni archivistici e librari
lun 01 Feb 2021 lun 28 Feb 2022

Programma:

Il corso di Storia e fonti delle istituzioni contemporanee ha come obiettivo la ricerca storica nel campo della storia delle istituzioni. In particolare, nel primo modulo, sarà analizzata la storia dello Stato italiano e delle sue articolazioni (in particolare dell’amministrazione pubblica e delle istituzioni giudiziarie, l’individuazione delle sue fonti specifiche e la loro illustrazione), con uno sguardo alle principali esperienze europee. Lo scopo è quello di condurre gli studenti a ottenere un’adeguata confidenza con le fonti specifiche, sia bibliografiche che archivistiche. In questa prima parte si terranno anche seminari svolti da storici delle istituzioni e operatori delle fonti, che illustreranno metodologie e casi concreti di studio.

Nella seconda parte, si prevede, per gli studenti frequentanti, la redazione di una relazione seminariale, scritta e individuale, frutto di un lavoro diretto sulle fonti, che sarà discussa con la docente; la relazione presuppone la lettura di singoli saggi o testi brevi, che possono formare oggetto di accertamento orale, anche sotto forma di prova intermedia.

 

Testi di riferimento:

G. Melis, Storia dell’amministrazione italiana 1861-2018, Bologna, Il Mulino, ed. aggiornata 2020.

G. Melis, La macchina imperfetta.Immagine e realtà dello Stato fascista, Bologna, Il Mulino, 2018.

G. Melis, La storia delle istituzioni. Una chiave di lettura, Roma, Carocci, 2020.

G. Melis, La burocrazia, Bologna, Il Mulino, ried. 2015.

A. Meniconi, Storia della magistratura italiana, Bologna, Il Mulino, 2013.

Per l’assegnazione dei testi da preparare si prega di contattare la docente.

 

Orari delle lezioni:

II semestre: giovedì (Aula  C I piano) e venerdì (Aula I Studi europei III piano) ore 15-17.

Le lezioni si svolgeranno anche in modalità a distanza. Per avere il collegamento si prega di scrivere alla docente.

Inizio 11 marzo 2021

 

Avvisi II semestre
Ven 29 Gen 2021 Sab 29 Gen 2022

Per il ricevimento di persona o su Meet si prega di contattare la docente al suo indirizzo di posta elettronica per concordare un appuntamento.

 

Le lezioni si svolgono nel II semestre e hanno inizio nei giorni 10 o 11 marzo p.v. a seconda dell'orario del singolo corso.

 

Storia dell'amministrazione mercoledì ore 15-17 e venerdì ore 11-13

 

Storia e fonti delle istituzioni politiche mercoledì e giovedì ore 11-13

 

La docente terrà i corsi di Storia dell'amministrazione pubblica e di Storia e fonti delle istituzioni politiche.

Da quest'ultimo corso sono fruiti anche i corsi di Storia e fonti delle istituzioni parlamentari (LM Archivistica e biblioteconomia), Storia delle istituzioni giudiziarie (LM Archivistica e biblioteconomia) e Storia delle istituzioni poilitiche (LM Scienze storiche). 

Gli studenti che abbiano sostenuto già esami nello stesso settore disciplinare (Storia delle istituzioni politiche SPS/03), a esclusione di Storia dell'amministrazione pubblica, sono pregati di contattare la docente per un programma specifico. Anche gli studenti che hanno inserito nel piano di studi gli esami di Storia delle istituzioni giudiziarie e Storia e fonti delle istituzioni parlamentari sono pregati di contattare la docente per il programma, sempre scrivendo al suo indirizzo di posta elettronica: antonella.meniconi@uniroma1.it

 

La docente terrà anche il corso di Storia e fonti delle istituzioni contemporanee per la Scuola di specializzazione in Beni archivistici e librari nel II semestre, dall'11 marzo con orario: giovedì e venerdì ore 15-17. Per ulteriori informazioni si prega di consultare la pagina della Scuola.

 

Gli esami si svolgeranno in modalità telematica attraverso la piattaforma Google Meet, secondo quanto previsto dal DR 1026/2020 fino a nuovo avviso.

Per le date degli appelli si prega di consultare Infostud.

Alla chiusura delle prenotazioni, prima dell'inizio dell'esame gli studenti iscritti all'esame riceveranno tutte le indicazioni per il suo svolgimento con un messaggio inviato tramite Infostud all'indirizzo Sapienza di ciascuno.

Gli studenti che desiderino assistere alla sessione pubblica dell'appello, sono invitati a comunicare la loro intenzione scrivendo alla docente (antonella.meniconi@uniroma1.it) entro 2 giorni prima dell'appello stesso.

Italiano

Dal 2008 al 2021 professore associato di Storia delle istituzioni politiche (SPS/03) presso la Facoltà di lettere e filosofia della Sapienza Università di Roma.
Dal 4 gennaio 2021 è professore ordinario della stessa materia sempre presso la Facoltà di lettere e filosofia della Sapienza Università di Roma.
Attività didattica
Ha insegnato dall'a.a. 2007-2008 all'a.a. 2012-2013 Storia dell'amministrazione pubblica presso il corso di laurea in Scienze archivistiche e librarie e Storia delle istituzioni politiche presso il corso di laurea magistrale in Archivistica e biblioteconomia presso l'allora Scuola speciale per archivisti e bibliotecari (poi confluita nella facoltà di Lettere e filosofia).
Dall'a.a. 2013-2014 all'a.a. 2019-2020 ha insegnato Storia delle istituzioni giudiziarie e Storia e fonti delle istituzioni parlamentari presso il corso di laurea magistrale in Archivistica e biblioteconomia della facoltà di Lettere e filosofia.
Dall'a.a. 2020-2021 insegna Storia dell'amministrazione pubblica e Storia e fonti delle istituzioni politiche presso il corso di laurea magistrale in Archivistica e biblioteconomia della facoltà di Lettere e filosofia.
Dal 2008-2009 al 2016-2017, e dal 2020-2021 ha tenuto e tiene il corso di Storia e fonti delle istituzioni contemporanee presso la Scuola di specializzazione in beni archivistici e librari della stessa facoltà.
Dall'a.a. 2017-2018 all'a.a. 2019-2020 ha tenuto il corso di Storia delle istituzioni politiche presso il corso di laurea magistrale in Scienze storiche. Medioevo, età moderna, età contemporanea. Dall'a.a. 2020-2021 questo corso è mutuato sul corso di Storia e fonti delle istituzioni politiche.
Dal 2013 fa parte del Collegio dei docenti del Dottorato in Scienze documentarie,linguistiche e letterarie.
Dall'ottobre 2014 al dicembre 2017 è stata presidente del corso di laurea magistrale in Archivistica e biblioteconomia.
Dal 4 dicembre 2021 è direttrice della Scuola di specializzazione in beni archivistici e librari.
Negli anni 2014, 2016-2020 ha tenuto lezioni sulla storia della magistratura presso la Scuola superiore della magistratura (Villa di Castel Pulci, Firenze) ai magistrati ordinari in tirocinio (M.o.t.) e ai magistrati ordinari in servizio. È stata "esperto formatore" negli anni 2017-2019 per la storia della magistratura per la Scuola superiore della magistratura.
Dal 2016 è docente presso il corso di "Archivistica contemporanea" che si svolge all'Archivio centrale dello Stato, tenendo lezioni, anche introduttive, e formulando le valutazioni finali degli elaborati dei corsisti.
Nel 2019 ha tenuto il corso “Storia della magistratura italiana: metodi e contesti” presso la Cattedra Alessandro Galante Garrone, organizzato dal Dipartimento di Giurisprudenza e scienze politiche, economiche e sociali presso Università degli Studi del Piemonte Orientale per l’a.a. 2018-2019 ( 26-28 febbraio 2019).
 
Formazione
Laureata con lode in diritto amministrativo presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Roma La Sapienza nel 1991; dottore di ricerca in “Storia costituzionale e amministrativa dell’età contemporanea” nel 1998 all’Università di Camerino; post-dottorato presso l’Università di Siena dal 1999; assegno di ricerca presso la Scuola speciale archivisti e bibliotecari dell’Università di Roma La Sapienza dal 2003 al 2007.
 
Attività scientifica e di coordinamento scientifico
Dal 2012 è vicedirettore e componente del comitato scientifico della rivista “Le Carte e la Storia. Rivista di storia delle istituzioni”, diretta dal prof. Guido Melis ed edita da Il Mulino, rivista di fascia A per i settori disciplinari SPS/03 (Storia delle istituzioni politiche); MSTO/02 (Storia moderna); MSTO/04 (Storia contemporanea) e IUS/19 (Storia del diritto medievale e moderno), rivista cui ha collaborato dal 1995. Dal 2004 è componente del comitato direttivo della Società per gli studi di storia delle istituzioni.
Dal 2010 fa parte del comitato scientifico della rivista “Democrazia e diritto”. Dal 2012 collabora con la rivista “Rivista trimestrale di diritto pubblico (ed. Giuffrè). Dal 2013 è socio dell’Irpa (Istituto di ricerca sulla pubblica amministrazione) per cui si occupa della sezione storica.
I suoi campi di ricerca si sono concentrati, fino ad ora, sulla storia del Senato del Regno, dell’amministrazione pubblica, dell’avvocatura e della magistratura e del concetto di autonomia in Europa, nonché su alcuni profili biografici, in particolar modo, di giuristi, con attenzione al profilo della formazione giuridica. Ha pubblicato due volumi: La «maschia avvocatura». Istituzioni e professione forense in epoca fascista (1922-1943), (Bologna, Il Mulino, 2006) e Storia della magistratura italiana (Bologna, Il Mulino, 2012) e diversi saggi su riviste e volumi italiani e stranieri.
Ha partecipato e partecipa a diversi progetti interuniversitari di ricerca (Prin) e di Ateneo. Ha preso parte, inoltre, al progetto internazionale Ius Publicum Europaeum (resp. scientifici Proff. Sabino Cassese, Corte Costituzionale, Armin von Bogdandy, Max-Planck-Institut für ausländisches öffentliches Recht Heidelberg, e Peter M. Huber, Universität München), svolgendo una relazione in un seminario dedicato allo Ius publicum (2009) e trascorrendo un periodo di studio (2010), sempre presso il Max-Planck-Institut für ausländisches öffentliches Recht und Völkerrecht di Heidelberg.
Nel 2011 ha trascorso un soggiorno di studio presso il John D. Calandra Italian American Institute, Queens College of the City of New York University, dove, in particolare ha consultato la Biblioteca "Pietro Saraceno" per la ricerca sulla storia della magistratura italiana.
Dal 2014 partecipa al network europeo “Giuristi in rete. Circuiti culturali e istituzionali in Europa prima della Grande Guerra”, con la partecipazione di studiosi italiani e stranieri, che ha organizzato numerosi seminari a Parigi (Sciences Po, Bordeaux-Centre Aquitain d’histoire du droit e Milano (università Bocconi).
Dal 2014 fa parte del comitato scientifico della ricerca “L’ombra del potere. Gli uffici di diretta collaborazione nella storia delle amministrazioni europee”, promossa dall’Irpa (Istituto di ricerca sulla pubblica amministrazione), dall’Archivio centrale dello Stato, dall’Istituto centrale per gli archivi (Icar), dal Dipartimento della funzione pubblica e dalla Società per gli studi di storia delle istituzioni, diretta dai Proff. Guido Melis e Alessandro Natalini.
Dal 2014 partecipa al comitato scientifico del progetto "Per una storia delle classi dirigenti meridionali. Il caso irpino 1861-2014", in collaborazione con il Centro Guido Dorso di Avellino, con l’Archivio centrale dello Stato e con le istituzioni locali interessate, cui è seguita la pubblicazione del volume L’élite irpina. Centocinquanta biografie 1861-2016 (Napoli, 2019).
Dal 2015 al 2019 è stata componente del comitato Scientifico della collana editoriale "Istituzioni e fonti militari".
Dal 2016 fa parte del comitato scientifico della Commissione di storia dell'avvocatura del Consiglio nazionale forense.
Nel 2018 ha ricevuto l’incarico di coordinare una ricerca sul tema delle leggi razziali dal Consiglio superiore della magistratura (Csm), dal Consiglio nazionale forense (Cnf) e dall’Unione delle comunità ebraiche (Ucei), cui è seguita la pubblicazione del volume Razza e inGiustizia. Gli avvocati e i magistrati al tempo delle leggi antiebraiche (volume pubblicato nel 2018).
Da luglio 2018 fa parte del General Council dell’Italian Chapter dell’International Society of Public Law (ICON-S). 

Dal 2019 partecipa al Progetto sulla giustizia straordinaria e militare, coordinato da Maria Di Massa, presso l’Istoreto.

http://www.istoreto.it/ricerca/la-risposta-giudiziaria-ordinaria-e-milit...

 
Ha svolto relazioni in numerosi convegni, quali, tra i più recenti:
- convegno tenutosi presso la facoltà di Giurisprudenza dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli (11 maggio 2011) Lo stato-apparato e la costruzione dell'unità, con una relazione dal titolo La magistratura;
- convegno sul tema Il ruolo della Magistratura nel seminario di studi organizzato dall’Archivio di Stato di Roma (20 aprile 2012) Stato e Utopia in Roma capitale. Questione sociale, arte e anarchia;
- convegno organizzato dalla Corte di cassazione su Memoria storica e futuro digitale. Nascita dello Stato e storia della giustizia nelle raccolte della Biblioteca Centrale Giuridica, 19 febbraio 2013, ha tenuto una relazione su Inaugurazioni giudiziarie: tre discorsi ufficiali (ma non troppo);
- seminario Giustizia, politica, repressione durante il fascismo ha tenuto una relazione (organizzato nell’ambito del Prin 2009 “La giustizia penale e la politica. Modelli processuali, profili dottrinali, forme di responsabilità nell’esperienza giuridica italiana tra Otto e Novecento”) dal titolo La magistratura e la politica della giustizia durante il fascismo (20-21 settembre 2013) presso la facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Macerata (sede di Jesi);
- 2013-2014: presentazioni del libro Storia della magistratura italiana si sono tenute a Roma (Biblioteca del Senato della Repubblica-30 maggio 2013); a Milano (Scuola di Giurisprudenza dell’Università Luigi Bocconi, 16 ottobre 2013) nell’ambito del corso di Storia della codificazione tenuto dalla prof.ssa Annamaria Monti; Torino (Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea-17 ottobre 2013); Genova (nell’ambito delle “Lezioni sulla Legalità” organizzate dalla Regione Liguria e dall’Università-4 novembre 2013); Trento (Facoltà di Giurisprudenza, Università, 16 novembre 2013, nell’ambito del Corso di storia del pensiero giuridico tenuto dal prof. Diego Quaglioni); Sassari (Università-20 gennaio 2014); Verona (24 febbraio 2014), alla presenza dei principali studiosi della materia e di esperti magistrati e avvocati.
 - Il 10-11 aprile 2014 ha partecipato al Convegno internazionale su La Magistratura durante il fascismo, promosso dall’Anppia nazionale, con una relazione su L’ordinamento giudiziario tra continuità e rottura (Roma, 10-11 aprile).
- Il 19 novembre 2014 ha tenuto una relazione al convegno “Gli avvocati nella Resistenza. Figure, esperienze e testimonianze”, organizzato a Roma dal Consiglio nazionale forense, Commissione per la storia dell’avvocatura.
- Il 26 novembre 2015 ha tenuto un seminario presso il dottorato di Storia del diritto dell’Universidad Autónoma di Madrid su Per una storia della magistratura in Italia: dimensioni e metodi.
- Il 7 aprile 2016 relazione ""Le carte e la storia". Spunti per un riflessione su archivi e storia delle istituzioni al convegno" “Gli archivi italiani a cavallo dell'Unità come fonti per la storia istituzionale”, presso il Dipartimento di Scienze della formazione, dei beni culturali e del turismo dell’Università di Macerata.
- Il 5 aprile 2017 ha tenuto una relazione sul tema "Continuità e rottura come problema storico-politico" al convegno organizzato dall'ANPPIA e dal Master "Mario Galizia" presso la facoltà di Scienze politiche, dal titolo "Le istituzioni nella storia costituzionale repubblicana italiana: continuità o rottura?".
- Il 19 aprile 2017 Convegno su “Domenico Riccardo Peretti Griva: una spina dorsale”, dove si è occupata de “La breve esperienza come commissario per l’epurazione”, organizzato da diversi Istituti e Fondazioni (Torino).
- Il 18-20 maggio 2017, Convegno internazionale su “La guerra e lo Stato”, organizzato dal Centro Interuniversitario di Studi e Ricerche Storico-Militari e dalla Fondazione Ugo La Malfa, con una relazione su “La magistratura e la guerra”.
- Il 1° dicembre 2017, Convegno organizzato dall’Istituto storico della Resistenza di Torino dal titolo “La risposta della giustizia ordinaria e militare ai crimini nazifascisti tra impunità e denegata giustizia” in cui ha tenuto una relazione su “Tra fascismo e Repubblica. La magistratura italiana e le Corti Straordinarie d’Assise nelle carte d’archivio” (Torino).
- il 24 gennaio 2018 ha partecipato al convegno "La vera legalità – Dal ’38 ad ottant’anni dall’emanazione dei provvedimenti per la tutela della razza", organizzato dall'Ucei (Unione delle Comunità ebraiche italiane), presso la Biblioteca del Senato della Repubblica a Roma, con una relazione dal titolo "Le responsabilità dei giuristi: magistrati e avvocati".
Presentazione del volume Razza e inGiustizia. Gli avvocati e i magistrati al tempo delle leggi antiebraiche organizzato dal Senato della Repubblica, dal Csm, dal Cnf e dall’Ucei presso il Senato della Repubblica (Roma, 14 settembre 2018).
- Partecipazione al convegno su "1938-2018. La vergogna delle leggi razziali", organizzato dal Consiglio dell'Ordine degli avvocati di Torino e dalla Fondazione dell’avvocatura torinese Fulvio Croce (Torino, 20 settembre 2018).
- Paper su “Origins and action of the Labour Magistracy during the fascist regime (Origini e azione della Magistratura del lavoro durante il regime fascista) alla Conference 2018: “Totalitarian Social Private Law? – The “Axis Berlin-Rome” (Villa Vigoni, 29-30 ottobre 2018).
- Intervento alla tavola rotonda “I giuristi italiani e le leggi antiebraiche del 1938. Una riflessione comune ad ottant’anni dalla promulgazione”, organizzata dal Cnf, dal Consiglio dell’Ordine degli avvocati e di Venezia e dalla Fondazione Feliciano Benvenuti (Venezia, 27 novembre 2018).
- Relazione al convegno “La giustizia in Italia. Il lungo viaggio nella democrazia”, tenutosi presso la Corte di Cassazione e organizzato dall’Associazione nazionale magistrati e dal Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Roma, in occasione della presentazione del volume di Edmondo Bruti Liberati Magistratura e società nell’Italia repubblicana (Roma, 11 dicembre 2018).
- Intervento alla presentazione del libro Piero Calamandrei e il nuovo Codice di procedura civile (1940), organizzata dal Cnf (Roma, 12 dicembre 2018);
- Intervento al seminario di studi a inviti su “Storia e costumi della Magistratura: fra attuazione della Costituzione e rapporti con la politica”, organizzato dal Dipartimento di diritto pubblico italiano e sovranazionale dell’Università degli studi di Milano, in occasione della presentazione del volume di E. Bruti Liberati, Magistratura e società nell’Italia repubblicana, Roma-Bari, Laterza, 2018, (Milano, 27 marzo 2019);
- Intervento al convegno “Lodovico Mortara (1855-1937). Avvocato, accademico, magistrato, politico” organizzato dalla Corte di cassazione sul tema “Tra avvocatura e politica (Roma, 13 maggio 2019);
- Partecipazione al Workshop 2019 Università di Macerata- Università di Brasilia su “Innovazione e transizione nel diritto: esperienze e configurazioni teoriche”, con un paper dal titolo “Tra innovazioni costituzionali e antiche vischiosità. La magistratura nella transizione italiana (1943-1966)” (Macerata 17-18 giugno 2019); e con un altro paper su “Judicial speeches and the long Italian transition” (Brasilia 4-5 novembre 2019).
- Intervento al convegno organizzato dalla Società per gli studi di storia delle istituzioni e dall’Università Tuscia di Viterbo su “Il lessico delle istituzioni. Evoluzione del linguaggio delle istituzioni pubbliche, della politica e dell’amministrazione nella storia dell’Italia unita”, con un intervento su “Il linguaggio della magistratura” (Viterbo 27-28 settembre 2019).
- Presentazione del numero del «Journal of Modern Italian Studies» dedicato a “The Italian Question: Systemic Crisis, Global Crisis and New Protagonists (1992-2018) (vol. 26, n. 3, 2019), curato da Umberto Gentiloni Silveri (Roma, Biblioteca di storia moderna e contemporanea, 5 dicembre 2019).
Il 23 dicembre 2013 ha conseguito l’abilitazione alla I fascia per il S.S.D. SPS/03, sett. conc. 14/B1. Il 9 agosto 2018 ha conseguito nuovamente l’abilitazione alla I fascia per il S.S.D. SPS/03, sett. conc. 14/B1.
Principali pubblicazioni:
1)     I  senatori-militari nel periodo crispino, in «Società e Storia», 1999, 86, pp. 819-845
2)     I burocrati nel Senato regio, in L’istituzione parlamentare nel XIX secolo. Una prospettiva comparata, Atti del Convegno di Trento 22-24 ottobre 1998, Annali dell’Istituto storico italo-germanico in Trento, «Contributi/Beiträge» n.10, Bologna, Il Mulino, 2000, pp. 361-389.
3)                 La storia degli avvocati: primi bilanci e prospettive di ricerca, in «Le Carte e la Storia», 2004, 2, pp. 57-70.
4)     Gli Avvocati, in «Nuova informazione bibliografica», 2005, 1, pp. 111-126.
5)     La «maschia avvocatura». Istituzioni e professione forense in epoca fascista (1922-1943), (Collana di Storia dell’avvocatura), Bologna, Il Mulino, 2006.
6)     Ferrari Pallavicino Felice;  Lupi Dario;  Malinverno Renato; Zoli Corrado, Caravale Erasmo, in Il Consiglio di Stato nella storia d’Italia. Biografie dal 1861 al 1948, a cura di G. Melis, 2 voll., Milano, Giuffrè, 2006, t. II, ad voces. 
7)     Dirigenze, responsabilità e modelli organizzativi, in Note e commenti sul sistema amministrativo italiano in contesto internazionale 2006, 3 voll., Quaderni Formez, 2006, 51, t. III, pp. 131-159.
8)     Note sul sistema delle circoscrizioni giudiziarie, in Territorialità e delocalizzazione nel governo locale, a cura di M. Cammelli, Bologna, Il Mulino, 2007, pp. 183-200.
9)     Gli studi sulle biografie dei giuristi: note su fonti e ricerca, in La scienza del diritto amministrativo nella seconda metà del XX secolo, a cura di L. Torchia, E. Chiti, R. Perez, A. Sandulli, Napoli, Editoriale Scientifica, 2008, pp. 17-29.
10) Magistrati e ordinamento giudiziario negli anni della dittatura, in Lo Stato negli anni Trenta. Istituzioni e regimi fascisti in Europa, a cura di G. Melis, Bologna, Il Mulino, 2008, pp. 183-200.
11) Mario Nigro, un profilo biografico, in «Rivista trimestrale di diritto pubblico», n. 3, 2010, pp. 629-639.
12) Disciplina e garanzie: alle origini dell’attuale Csm, in «Studi storici», n. 4, 2010, pp. 819-842.
13) La Magistratura, in L’Unificazione nazionale, a cura di G. Sabbatucci e V. Vidotto, Roma, Istituto dell’Enciclopedia fondata da Giovanni Treccani, 2011, pp. 313-324.
14) Politica e magistratura nella biografia di Carlo Lozzi, magistrato postunitario, in «Le Carte e la Storia», n. 2, 2011, pp. 26-44.
15) L’Avvocatura negli anni ’20 e ’30 del 900, in Primo Rapporto sull’avvocatura italiana. Passato, presente e futuro dell’Avvocatura. Atti del convegno organizzato dall’Unione Nazionale delle Camere Civili e dal Centro Studi dell’Avvocatura Civile Italiana in collaborazione con il Consiglio Nazionale Forense e la Cassa Nazionale Forense, Roma 20-21 maggio 2011, I Quaderni del Centro studi dell’avvocatura civile italiana, Parma, s.e., 2011, pp. 23-29.
16) Storia della magistratura italiana, Bologna, Il Mulino, 2013.
17) Il mondo degli avvocati e le leggi antiebraiche, in Le leggi antiebraiche nell'ordinamento italiano. Razza Diritto Esperienze,  a cura di Giuseppe Speciale, Quaderni di Historia et Ius, Bologna, Patron, 2013, pp. 177-192.
18) Le istituzioni dell’avvocatura italiana tra le due guerre, in Cultura e tecnica forense tra dimensione siciliana e vocazione europea, a cura di F. Migliorino, G. Pace Gravina, pp. 65-83, Bologna, Il Mulino, 2013.
19) Azzariti, Gaetano; Brasiello, Teucro; Galizia Vincenzo; Giaquinto, Adolfo; Merlino, Francesco Saverio; Mirabelli, Giuseppe sr.; Nigro, Mario; Piga, Franco; Roehrssen di Cammarata, Guglielmo;  Santoro, Giovanni; Tartufari, Assuero, in Dizionario dei giuristi italiani (secc. XII-XX), a cura di Italo Birocchi, Ennio Cortese, Antonello Mattone, Marco Nicola Miletti, Bologna, Il Mulino, 2 voll., 2013, ad voces.
20) Sulla storia della magistratura italiana, in «Nuova informazione bibliografica», n. 1, 2014, pp. 91-105.
21) Selbstverwaltung als gemeineuropäisches Konzept (con Guido Melis), in Armin von Bogdandy, Sabino Cassese, Peter M. Huber (Hrsg.), Ius Publicum Europaeum, Band V: Verwaltungsrecht in Europa: Grundzüge, II, Heidelberg, C. F. Müller, 2014, §88, pp. 925-964.
22)  Le istituzioni politiche del totalitarismo: Italia, Germania, Unione Sovietica, in Storia delle istituzioni politiche, a cura di Marco Meriggi e Leonida Tedoldi, p. 195-218, Roma, Carocci, 2014.
23) Inaugurazioni giudiziarie: tre discorsi ufficiali (ma non troppo), in «Le Carte e la Storia», n. 2, 2014, p. 104-116.
24)  Recensione a Saverio Gentile, La legalità del male. L'offensiva mussoliniana contro gli ebrei nella prospettiva storico-giuridica (1938-1945), in «Quaderni fiorentini per la storia del pensiero giuridico moderno», vol. 44, tomo II, 2015, p. 1111-1118.
25) La magistratura e la politica della giustizia durante il fascismo attraverso le strutture del ministero della Giustizia, in Il diritto del duce. Giustizia e repressione nell'Italia fascista, a cura di Luigi Lacchè, pp. 79-95, Roma, Donzelli, 2015.
26)  Pilotti, Massimo. In Dizionario biografico degli Italiani, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, vol.83, 2015.

27) La storia dell’associazionismo giudiziario: alcune notazioni, in QUESTIONE GIUSTIZIA, 4, 2015.

 

28) Rava, Luigi, Dizionario biografico degli Italiani, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, vol.86, 2016.

 

29) La rete delle circoscrizioni giudiziarie, in Orizzonti di cittadinanza. Per una storia delle circoscrizioni amministrative nell'Italia unita, a cura di Francesco Bonini, Luigi Blanco, Simona Mori, Floriana Galluccio, Soveria Mannelli, Rubbettino, 2016, pp. 71-86.

 

30) La magistratura nella storia costituzionale repubblicana. Continuità e rottura nella magistratura come problema storico-istituzionale, in «Nomos. Le attualità del diritto», n. 1, 2017 [http://www.nomos-leattualitaneldiritto.it/].

 

31) Con Guido Melis, Vittorio Scialoja (1926-1933, 1933), in Umanisti e presidenti. l'Accademia Nazionale dei Lincei (1900-1933), a cura di R. Simili, pp. 97-113, Roma-Bari, Laterza, 2017.

 

32) La breve esperienza come commissario per l’epurazione. pp.73-85. In Una spina dorsale. Domenico Riccardo Peretti Griva: magistrato, antifascista, fotografo - ISBN:978-88-98670-24-6 vol. 48, 2017.

 

33) Magistratura e fascismo: l’ordinamento giudiziario del 1941, in Il tempo e le istituzioni. Scritti in onore di Maria Sofia Corciulo, a cura di Guido D’Agostino, Mario Di Napoli, Sandro Guerrieri, Francesco Soddu, Napoli, Edizioni scientifiche, 2017, pp. 431-442.

 

34) Verso l’indipendenza della magistratura (1944-1948), in Rivista trimestrale di diritto pubblico, n. 1, 2018, pp. 395-431.

 

35) I presidenti e la magistratura, in I Presidenti della Repubblica. Il Capo dello Stato e il Quirinale nella storia della democrazia italiana, a cura di Sabino Cassese, Giuseppe Galasso, Alberto Melloni, 2 voll., Bologna, Il Mulino, pp. 1129-1174.

 

36) Una «Giustizia con l’abito nuovo»? La Magistratura e la Costituzione del 1948, in «Giornale di storia costituzionale», II, n. 36, 2018, pp. 169-187.

 

37) La magistratura e la Prima guerra mondiale. Prassi e discorsi giudiziari, in La Guerra e lo Stato 1914-1918, a cura di Giovanna Procacci, Nicola Labanca, Federico Goddi, Milano, Unicopli, Biblioteca di storia contemporanea, 2018, pp. 195-216.

 

38) Consiglio superiore della magistratura, Consiglio nazionale forense, Razza e inGiustizia. Gli avvocati e i magistrati al tempo delle leggi antiebraiche, a cura di Antonella Meniconi, Marcello Pezzetti, Roma, Poligrafico e Zecca dello Stato, 2018.Trad. inglese Race and inJustice. The lawyers and magistrates at the time of the Racist laws (Rome, 2019).

 

39) L’espulsione degli avvocati ebrei dalla professione forense, in Razza e inGiustizia. Gli avvocati e i magistrati al tempo delle leggi antiebraiche, a cura di Antonella Meniconi, Marcello Pezzetti, Roma, Poligrafico e Zecca dello Stato, 2018, pp. 99-111. 

 

40) Note sulle responsabilità di magistrati e avvocati nell’applicazione delle leggi antiebraiche, in Giorno della Memoria 2018. La vera legalità. A ottant'anni dall’emanazione dei provvedimenti per la tutela della razza, a cura di Giorgio Giovannetti, Supplemento al vol. 83, nn. 2-3 (maggio-agosto 2017) de «La Rassegna mensile di Israel», rivista dell'Unione delle Comunità ebraiche italiane, Firenze, Giuntina, 2018, pp. 135-147.

 

41) (in collaborazione con Guido Melis), Il professore e il ministro. Calamandrei, Grandi e il nuovo Codice, in Piero Calamandrei e il nuovo Codice di procedura civile (1940), a cura di Guido Alpa, Silvia Calamandrei, Francesco Marullo di Condojanni, Bologna, Il Mulino, Storia dell’avvocatura italiana, 2018, pp. 125-176.

 

42) L'azione di Lodovico Mortara tra avvocatura e politica, ovvero del riformismo giudiziario di Mortara, in «Rivista di diritto processuale», LXXIV, nn. 4-5, 2019, pp. 1214-1225.

 

43) L'élite irpina. Centocinquanta biografie 1861-2016, a cura di Guido Melis e Antonella Meniconi, Napoli-Avellino, Editoriale scientifica, Centro Guido Dorso, 2019.
 


Inglese

 1991 Degree in Law cum laude at the University of Rome La Sapienza; 1998 awarded PhD. in «Constitutional and administrative history of the contemporary age (XIX  and XX century)» at the University of Camerino;  1999-2001: Post-doctoral fellowship University of Siena; 2003-2007  Research Grant at Roma Sapienza University, Scuola speciale per archivisti e bibliotecari.
Current position

Professor of History of political institutions (SPS/03), from 2008, in the Faculty of Arts and Humanities (Lettere e filosofia), at Sapienza University of Rome.

From 2008-2009 to 2012-2013 she teached Storia dell'amministrazione pubbica e Storia delle istituzioni politiche; from 2013-2014 she teaches Storia delle istituzioni giudiziarie and Storia e fonti delle istituzioni parlamentari in the Laurea magistrale Archivistica e Biblioteconomia; from 2017-2018 teaches Storia delle istituzioni politiche at the Laurea magistrale Scienze storiche. Medioevo, età moderna, età contemporanea.

 

Research:

Main research themes:

History of advocacy and judiciary, as well as biographical profiles of jurists

The institutional, juridical and political Transition from Fascism to Democracy in Italy

History of the Senato del Regno and the Italian Parliament;

The relationship between the Racist Laws of 1938 and law

History of government and public administration;

The concept of autonomy as a European concept.

 

She has participated and participates in various project of research both national and international, including the most recent: “Ius Publicum Europaeum” promoted dal Max-Planck-Institut für ausländisches öffentliches Recht und Völkerrecht (Heidelberg) (since 2010); “The shadow of power. The offices of direct collaboration in the history of European administrations", promoted by Irpa (Institute for Research on Public Administration), the Central State Archives (ACS), the Central Institute for Archives (ICAR), the Department of Public Administration and the Society for the Studies of the History of Institutions (since 2014); “The failed purge: the Italian judiciary between Fascism and the Republic (1940-1948)”, promoted by the Historical Institute of Resistance of Torino (since 2017); “Innovation and transition in law”, promoted by the University of Macerata and the University of Brasilia (since 2018).

 

Publications:

She has published, among many other things, the volumes: The "maschia avvocatura". Institutions and legal profession in the fascist era (1922-1943) (2006) and History of the Italian Judiciary (2013), both published by il Mulino; Race and inJustice. Lawyers and judges in the ears of the anti-Jewish laws (2018-19), edited together with Marcello Pezzetti, promoted by the Superior Council of the Judiciary (CSM), the National Council of Lawyers (CNF) and the Union of Jewish Communities (UCEI),
 

 


E' presente 1 pubblicazione. Visualizza

Nessuna dispensa disponibile.

Nessun appello di esame disponibile.

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma