Antonio Ferrandes

Ricercatore a tempo determinato
L-ANT/07 ( Archeologia classica )
Scienze dell'Antichità
Ex Vetrerie Sciarra, via dei Volsci 122, stanza 13 (piano terra)
Telefono 06-49697023 (int. 37023)
Visualizza programmi a.a. 2021-2022  a.a. 2020-2021
Ricevimento

Per via telematica, su appuntamento concordato tramite mail (antonio.ferrandes@uniroma1.it)

Nessun avviso presente.

Italiano

I principali interessi di ricerca riguardano da una parte la teoria e i metodi della ricerca archeologica, l’archeologia urbana, l’archeologia dell’architettura e del paesaggio di Roma (dall’età repubblicana alla tardo-antichità e oltre), dall’altra la storia economica e sociale del mondo antico, la cultura materiale, l’archeologia della produzione e la storia dei commerci mediterranei. Tra il 2001 ed il 2017 ha preso parte alle ricerche condotte dalla Sapienza e dirette da C. Panella presso le Pendici nord-orientali del Palatino, in qualità di responsabile dell’Area II (2001-2017) e direttore sul campo (2009-2017). Sta attualmente lavorando all’edizione definitiva di questa ricerca - a cui ha già dedicato numerosi rapporti preliminari - sia per quanto riguarda la presentazione generale dei risultati, che per quanto attiene lo studio dei contesti. Tra le altre esperienze di scavo si segnalano inoltre le indagini svolte in occasione della realizzazione della Metro C (Piazza Venezia, Piazza Lodi) e quelle di Veio, Pompei, Ercolano e Pantelleria. Si è occupato in più occasioni della cultura materiale di Roma e della storia dell’approvvigionamento urbano tra l’età repubblicana e l’età imperiale (materiali dal Palatino e dalla valle del Colosseo, dall’Esquilino e dalla zona di S. Giovanni, dal Gianicolo), dedicando particolare attenzione alla media età repubblicana, cui ha destinato diversi interventi e la propria tesi di dottorato (Circolazione ceramica a Roma tra IV e III secolo a.C. Produzione, distribuzione, consumo). In ambito extra-urbano sta attualmente lavorando all’edizione di contesti provenienti sia da indagini stratigrafiche (Gabii, Pompei) che da ricognizioni di superficie (Cossyra). Ha collaborato con numerose università ed enti di ricerca stranieri, tra cui la Eberhard Karls Universität Tübingen/Università della Basilicata (Pantelleria, scavo e ricognizione sull’acropoli punico-romana), Centre Camille Julien (Ercolano, scavo dell’Atelier VI 12), University of Cincinnati (Pompei, Pompeii Archaeological Research Project: Porta Stabia (PARPS), University of Michigan (Gabii Project), Freie Universität Berlin (Pompei, scavo delle Terme stabiane e repubblicane). Ha infine collaborato all’allestimento di alcune recenti mostre (2007 - MNR, Palazzo Massimo alle Terme: I segni del potere; 2010 - Ex vetrerie Sciarra: I grandi Scavi Archeologici della Sapienza: Valle del Colosseo/Palatino nord-orientale; 2011 - Colosseo: Nerone; 2018/19 – I Severi e Roma).


Inglese
Curriculum non presente

Nessuna pubblicazione disponibile.

Nessuna dispensa disponibile.

Gli esami avranno luogo a partire dallo ore 15, presso lo studio del docente (Ex Vetreria Sciarra, Piano Terra, Studio 13); eventuali esami da remoto saranno possibili solo se conformi alle linee guida attualmente in vigore presso l'Ateneo e dovranno essere concordati con il docente.
 
11.1.2022: a partire dalle ore 15;
25.1.2022: a partire dalle ore 15.

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma