Candida Carella

Ricercatore
M-FIL/06 ( Storia della filosofia )
Filosofia
sede di Villa Mirafiori, piano II, stanza 205
Visualizza programmi a.a. 2019-2020  a.a. 2018-2019
Ricevimento

Stanza 205 secondo piano, Villa Mirafiori
telefono fisso: 0649917259
NEL CORSO DELL'ANNO ACCADEMICO 2019-2020 LA DOCENTE RICEVERA' GLI STUDENTI IL GIOVEDI', ORE 12.30-13.30, PREVIO APPUNTAMENTO VIA MAIL.

APPELLO STRAORDINARIO IDONEITA' INFORMATICA
Ven 13 Set 2019 Mar 31 Dic 2019

MERCOLEDI' 18 SETTEMBRE, ORE 10.30, SI TERRA' UN APPELLO STRAORDINARIO DI IDONEITA' INFORMATICA 

RICEVIMENTO 18 SETTEMBRE
Mar 10 Set 2019 lun 30 Set 2019

Il prossimo ricevimento si terrà mercoledì 18 Settembre anziché giovedì 19, sempre ore 12.30-13.30.

AA 2019-2020 - Storia della filosofia moderna III.IV
Mar 09 Lug 2019 Gio 31 Dic 2020

Storia della filosofia moderna III.IV

AA 2019-2020

Semestre II

Programma d’esame

Giordano Bruno tra Parigi e Londra.
Il programma d'esame prevede di ricostruire un passaggio cruciale della biografia intellettuale e della filosofia bruniana, quello del primo soggiorno parigino in cui Bruno produsse testi di mnemotecnica e la sua commedia, il 'Candelaio', l'esperienza oxoniense e il soggiorno londinese che vide la pubblicazione dei dialoghi italiani, fino al rientro a Parigi e alla discussione delle theses al Collegio di Cambrai.  
Il corso si svolgerà su due piani, il primo prevede la lettura analitica di brani scelti dai testi adottati, il secondo la ricostruzione del contesto e della genesi del testo, delle fonti e della fortuna dei testi stessi.
La lettura dei testi prevede l'analisi lessicale del testo, l'individuazione dei registri linguistici adottati all'interno delle diverse esperienze di scrittura e della lingua adottata.
La ricostruzione dei contesti, della genesi dei testi, della loro eventuale diffusione e fortuna, avverrà attraverso la valorizzazione e l'ausilio di tutte le fonti che gli storici delle idee hanno a disposizione per ricostruire la biografia intellettuale di Giordano Bruno.
Sia per l'analisi testuale che per la documentazione storica si utilizzeranno risorse web ormai imprescindibili.

Obiettivi
 Fatta salva l'acquisizione di una serie di obiettivi di fondo (conoscenza e comprensione della disciplina; capacità di applicare conoscenza e comprensione; capacità critiche e di giudizio; capacità di comunicare quanto si è appreso; capacità di proseguire lo studio in modo autonomo), il corso si propone di raggiungere più in dettaglio/più specificamente i seguenti ulteriori obiettivi:
1.La conoscenza approfondita della genesi della filosofia di Bruno dagli scritti parigini di mnemotecnica ai dialoghi italiani, all’adesione al copernicanesimo e alla metafisica infinitista.

2.La conoscenza approfondita dei contesti intellettuali e storici: parigino, oxoniense e londinese dove Bruno elaborò tali testi.

3.La capacità di muoversi nelle fonti e di padroneggiarle al fine di ricostruire autonomamente la ‘peregrinatio europea’

4.La capacità di leggere in maniera critica e autonoma i testi considerati.

Testi adottati
 
G. Bruno, Le ombre delle idee. Il canto di Circe. Il sigillo dei sigilli, trad. it. Nicoletta Tirinnanzi, Milano, BUR, 1997. (Brani scelti)
G. Bruno,  Opere italiane di G. B. Testi critici e nota filologica di Giovanni Aquilecchia, a cura di N. Ordine, Torino,  UTET, 2002, 2 voll. (Brani scelti).
L. Firpo, Processo di Giordano Bruno, a cura di Diego Quaglioni, Roma, Salerno editrice, 1998 (docc. scelti, distribuiti in fotocopia).
G. Bruno, Oeuvres complètes. Documents, I, Le Procès, Paris, Les Belles Lettres 2000 (docc. scelti, distribuiti in fotocopia).
C. Carella,All'ombra del rogo..., in L'altro Seicento: arte a Roma tra eterodossia, libertinismo e scienza. Atti del convegno di studi, Accademia di belle arti di Roma 14-15 maggio 2015, L'Erma, 2016 (distribuito in fotocopia)
C. Carella, Roma, in EBC, 2018 (distribuito in fotocopia)
C. Carella, Henry Fagot. Il nome della spia, "B&C" 2018-2 (distribuito in fotocopia)
C. Esposito - P. Porro, Filosofia, II, Laterza 2009 (fino a Locke incluso).
Programma per non frequentanti
Gli studenti non frequentanti devono necessariamente integrare la preparazione con:
E. Canone, Giordano Bruno. Gli anni napoletani e la peregrinatio europea, Cassino 1992.
S. Ricci, Giordano Bruno nell'Europa del Cinquecento, Roma, Salerno, 2000.

Orario lezioni

Giovedì 13.30-15.30, aula XII

Venerdì 12.30-14.30, aula VIII

Frequentanti 2018-2019 didattica della filosofia
Sab 01 Giu 2019 Mar 31 Dic 2019

Gli studenti frequentanti di Didattica della filosofia - che hanno 6 assenze o più e che non hanno già concordato nella lezione del 31.05.2019 aggiustamenti sul programma con la docente sono pregati di contattarla via mail.

APPELLI EXTRA DI IDONEITA' DI INFORMATICA MAGGIO 2019
Mer 24 Apr 2019 Mar 31 Dic 2019

Si avvisano gli studenti che in data mercoledì 22 maggio e giovedì 30 maggio si terranno due appelli extra di Idoneità informatica, sempre alle 10.30, sempre col tetto di 25 test erogati.

Oltre alle date già stabilite per la sessione estiva non si prevedono appelli extra entro luglio, si pregano gli studenti di prenotarsi solo se davvero intenzionati a sostenere il test. 

Programma per non frequentanti della triennale di Filosofia e SAR
lun 01 Apr 2019 Mar 31 Dic 2019

STORIA DELLA FILOSOFIA MODERNA


Giordano Bruno : una biografia intellettuale

Testi:

L. Firpo, Processo di Giordano Bruno, a cura di Diego Quaglioni, Roma, Salerno editrice, 1998.

Giordano Bruno. Gli anni napoletani e la peregrinatio europea, a cura di E. Canone, Cassino 1992.


Voci enciclopediche tratte da G.B. Parole concetti immagini diretta da M. Ciliberto e dall'Enciclopedia Bruniana e Campanelliana diretta da E. Canone.


Saverio Ricci, G. B. nell'Europa del Cinquecento, Salerno 2000.

(I testi d’esame sono tutti disponibili al centro copie Villa Mirafiori di Villa Mirafiori e di Lettere).

Manuale:

F. Adorno, T. Gregory, V. Verra, Manuale di storia della filosofia, vol. II, Roma-Bari, Laterza 2010. (AUTORI E TEMI FINO A LOCKE COMPRESO).

LE DISPENSE SONO DISPONIBILI AI CENTRO COPIE VILLA MIRAFIORI DI VILLA MIRAFIORI E DI LETTERE.

Programma per non frequentanti delle LM di Filosofia, storia e pedagogia
lun 01 Apr 2019 Mar 31 Dic 2019

TESTI:

CARTESIO, MEDITAZIONI METAFISICHE, BARI-ROMA, LATERZA ,2002 o Bompiani 2001 o altra edizione.

C. CARELLA, ROMA FILOSOFICA NICODEMITA LIBERTINA, LUGANO, AGORA' & CO 2014.

MANUALE

ADORNO - GREGORY - VERRA, MANUALE DI STORIA DELLA FILOSOFIA, 2, ROMA-BARI, LATERZA 1996 (TUTTO IL VOLUME, KANT ESCLUSO)

LA VERIFICA SUL MANUALE E' PROPEDEUTICA ALL'INTERROGAZIONE SULLA PARTE MONOGRAFICA, SI CONSIGLIA PERTANTO UNA PREPARAZIONE ACCURATA E APPROFONDITA DELLA PARTE MANUALISTICA.

Programma per non frequentanti triennale SEF
lun 01 Apr 2019 Mar 31 Dic 2019

STORIA DELLA FILOSOFIA MODERNA

TESTI:

GIOVANNI PICO DELLA MIRANDOLA, DISCORSO SULLA DIGNITA' DELL'UOMO, A CURA DI G. TOGNON, BRESCIA 1987 o A CURA DI F. BAUSI, MILANO 2003 (lettura consigliata  P. ZAMBELLI, L'apprendista stregone: astrologia, cabala e arte lulliana in Pico della Mirandola e seguaci, Venezia, Marsilio, 1995).
 

OPPURE

FRANCESCO BACONE, SAPIENZA DEGLI ANTICHI, A CURA DI M. MARCHETTO, BOMPIANI, 2000 (lettura consigliata M. Fattori, Introduzione a Bacone, Laterza, 2005).
 

OPPURE

CARTESIO, DISCORSO SUL METODO, TORINO, EINAUDI, 2014 o altra edizione in trad. it. (lettura consigliata G. CRAPULLI, Introduzione a Cartesio, LATERZA, 1994).
 

MANUALE:- ADORNO - GREGORY - VERRA, MANUALE DI STORIA DELLA FILOSOFIA, 2, ROMA-BARI, LATERZA 1996 (TUTTO IL VOLUME, KANT ESCLUSO)
LA VERIFICA SUL MANUALE E' PROPEDEUTICA ALL'INTERROGAZIONE SULLA MONOGRAFIA, SI CONSIGLIA PERTANTO UNA PREPARAZIONE ACCURATA E APPROFONDITA DELLA PARTE MANUALISTICA

PROGRAMMA D'ESAME AA 2018-2019
Sab 28 Apr 2018 Ven 27 Dic 2019

PROGRAMMA D'ESAME AA 2018-2019

 

Didattica della filosofia I

Codice insegnamento: 10589645

 

Semestre II      Livello L                      Crediti 6                      Annualità I

 

Comunicare la storia della filosofia: da discente a docente

 

La storia della filosofia è una disciplina cruciale per la formazione curriculare degli studenti liceali e più in generale per la loro educazione al pensiero critico, all’acquisizione di autonomia nel ragionamento, all’elaborazione concettuale, all’argomentazione logica, alla capacità di riconoscere e utilizzare diversi modelli di riferimento. Il corso illustrerà le principali metodologie per l'insegnamento sviluppate negli anni in merito alla didattica filosofica. Il corso fornirà gli strumenti metodologici e critici per insegnare la storia della filosofia e per comunicare le competenze storico-filosofiche acquisite durante il percorso universitario, secondo le linee guida più recenti e doterà i futuri docenti degli strumenti per avviare gli allievi alla riflessione filosofica e formarli rispetto alle competenze specifiche descritte negli Obiettivi.

Obiettivi:

Si elencano alcuni degli obiettivi che il corso si prefigge di raggiungere:

1. fornire gli strumenti critici e metodologici per illustrare le categorie e i grandi contenitori concettuali come razionalismo, empirismo, scetticismo, etc.;

2. fornire gli strumenti per illustrare la distinzione delle singole discipline filosofiche e i loro oggetti: etica, politica, estetica, fisica, metafisica;

3. fornire gli strumenti per illustrare il lessico filosofico specialistico per consentirnela comprensione e l’utilizzo e il passaggio dalla competenza lessicale alla comprensione semantica;

4. fornire gli strumenti per consentire la fruizione, da parte degli allievi, delle fonti della storia della filosofia, dirette e indirette;

5. fornire gli strumenti per illustrare e documentare la ricchezza interdisciplinare della filosofia (connessione tra movimenti filosofici, produzione letteraria e produzione artistica nei secoli);

6. fornire gli strumenti per illustrare e documentare la connessione tra la storia degli eventi, la storiografia in senso stretto e la riflessione filosofica; quello di fornire gli strumenti per illustrare e sottolineare la specificità e la peculiarità della scrittura, dell’argomentazione e della riflessione filosofica (trattati, dialoghi, aforismi, etc.);

7. fornire il metodo per l’utilizzo degli strumenti di lavoro in classe: il manuale, le mappe concettuali, i materiali multimediali di supporto alla lezione, la filmografia filosofica, etc.

Prerequisiti:

Il corso richiede che si sia già acquisita una preparazione di base a livello di scuola secondaria di secondo grado nelle discipline filosofiche. In particolar modo è indispensabile la conoscenza di temi, problemi e autori della filosofia moderna da Cusano a Kant; sui contenuti della filosofia moderna si terranno le esercitazioni in itinere.

Metodi di valutazione:

Esercitazioni in itinere e interventi in aula, volti a simulare una lectio, strutturata secondo la metodologia indicata durante il corso ed esemplificata su uno dei 7 argomenti illustrati tra gli Obiettivi. Si valuteranno la capacita di argomentare e la competenza metodologica; delle lectiones gli esaminandi dovranno consegnare alla docente una redazione scritta. Le prove in itinere, scritte e orali, saranno valutate in trentesimi e faranno media con il voto del colloquio orale conclusivo.

 

Testi di esame:

Studenti frequentanti:

 

1.       Insegnare filosofia. Modelli di pensiero e pratiche didattiche,a cura di L. ILLETTERATI, Torino, Utet, 2007.

2.       F. Piro, Manuale di educazione al pensiero critico. Comprendere e argomentare, Editoriale scientifica, Napoli, 2015.

3.       C. Esposito - P. Porro, Filosofia, II, Laterza 2009 (indispensabile per le esercitazioni in aula).

 

Studenti non frequentanti:

 

1.       Insegnare filosofia. Modelli di pensiero e pratiche didattiche,a cura di L. ILLETTERATI, Torino, Utet, 2007.

2.       F. Piro, Manuale di educazione al pensiero critico. Comprendere e argomentare, Napoli, Editoriale scientifica,  2015.

3.       E. Ruffaldi - M. Trombino, L'officina del pensiero. Insegnare e apprendere filosofia. Manuale laboratorio per le scuole superiori e per le scuole di specializzazione. Filosofia in aula, Milano, LED, 2004.

NB. Gli studenti che non sono laureati e/o iscritti al corso di laurea in Filosofia e che non hanno frequentato il corso devono contattare la docente per e mail e concordare eventuali aggiustamenti al programma d'esame.

 

Orario Lezioni

Giovedì13.30 - 15.30 (Aula XII - Villa Mirafiori - Piano terra (esterno)

Venerdì14.30 - 16.30 (Aula V - Villa Mirafiori - Piano terra)

Inizio lezioni 28 Febbraio 2019

IDONEITA' INFORMATICA - MODALITA' - NUMERO APPELLI
Ven 10 Feb 2017 Mar 31 Dic 2019

IDONEITA' DI INFORMATICA

IL TEST E' RISERVATO ESCLUSIVAMENTE AGLI STUDENTI DEL CORSO DI LAUREA IN FILOSOFIA.

 


ISTRUZIONI PER CONSEGUIRE IL TEST:

L'IDONEITA' DI INFORMATICA  SI CONSEGUE ATTRAVERSO UN TEST A RISPOSTA MULTIPLA

(per conseguire l'idoneità su 20 domande bisogna rispondere correttamente ad almeno 16).

IL VIDEOCORSO PER PREPARARSI AL TEST E' PUBBLICATO NEL SITO DI DIPARTIMENTO: https://web.uniroma1.it/dip_filosofia/didattica/idoneita_e_tirocini/vide...
GLI STUDENTI CHE DEVONO SOSTENERE IL TEST DEVONO PRENOTARSI  IN INFOSTUD E SOSTERRANNO IL TEST NELLA DATA D'ESAME ALLE ORE 10.30 NELLA STANZA 205.

PER CONSENTIRE UN CONFRONTO DIRETTO CON GLI STUDENTI DURANTE L'EROGAZIONE E LA CORREZIONE DEL TEST, IN OGNI DATA DI ESAME VENGONO SOMMINISTRATI  25 TEST SECONDO L'ORDINE DI PRENOTAZIONE IN INFOSTUD. OVVIAMENTE OLTRE AGLI APPELLI  PREVISTI DAL CALENDARIO ACCADEMICO, LA DOCENTE PREDISPONE  ULTERIORI DATE DI ESAME PER CONSENTIRE L'ACCESSO AL TEST A TUTTI GLI STUDENTI. I TEST DI INFORMATICA VENGONO SOMMINISTRATI A TUTTI GLI STUDENTI ANCHE DURANTE GLI APPELLI STRAORDINARI.

GLI STUDENTI DEVONO SEGNALARE ALLA DOCENTE PRIMA DELLA CORREZIONE TUTTE LE DOMANDE PRIVE DI RISPOSTA E TUTTE I CASI IN CUI  SONO INTERVENUTI MODIFICANDO LA PRIMA RISPOSTA DATA.
SI RACCOMANDA DI NON ACCALCARSI NEL CORRIDOIO, DI NON ARRECARE DISTURBO, DI SOSTARE NELL'ATRIO ANTISTANTE LA SEGRETERIA DIDATTICA. LA DOCENTE RITIRERA' I FOGLI DI PRENOTAZIONE E  FARA’ L’APPELLO SECONDO L’ORDINE DI PRENOTAZIONE DEI PRIMI 25 PRENOTATI PRESENTI. 

 

OVVIAMENTE GLI STUDENTI CHE SONO IN POSSESSO DI UN CERTIFICATO ATTESTANTE IL SUPERAMENTO DI UN CORSO DI INFORMATICA O IN POSSESSO DEL PATENTINO ECDL, CONSEGUIBILE ANCHE PRESSO l'ECDL TEST CENTER SAPIENZA (www.uniroma1.it/ecdl) POTRANNO PROCEDERE DIRETTAMENTE ALLA VERBALIZZAZIONE. I CERTIFICATI ECDL DEVONO ESSERE RECENTI, CONSEGUITI DOPO L'IMMATRICOLAZIONE O NELL'ANNO SOLARE PRECEDENTE.

Italiano

Già dottore di ricerca, già assegnista di ricerca, attualmente RU presso il Dipartimento di Filosofia dal marzo 2008.
Ho iniziato le mie ricerche occupandomi della formazione filosofica di Giordano Bruno. Mi sono occupata inoltre della tradizione filosofica degli ordini monastici - in particolare delle ordinationes de studiis domenicane, della tradizione averroistica dell'ordine carmelitano - della ratio studiorum gesuitica e dell'insegnamento delle materie filosofiche alla ' Sapienza' di Roma nel Seicento (monografia 2007), nonché della diffusione di cartesianesimo e atomismo nella Roma Pontificia ("Nouvelles de la République des lettres", 2008-1 e "Bruniana & Campanellia" 2011-2) Attraverso lo studio e la trascrizione di documenti inediti conservati nell'Archivio dell'ex Sant'Uffizio, ho ricostruito l'attività di controllo culturale della Chiesa nei confronti di alcuni intellettuali romani, soprattutto di fine Seicento.
Del 'Processo per ateismo' - intentato contro l'archiatra pontificio Giovanni Maria Lancisi - ho pubblicato l'intera documentazione (Atti di Convegno, 2010), dopo averla presentata in un convegno CNR (2009); l'articolo, che riguarda anche la scuola galileana in 'Sapienza' è disponibile on line tra le dispense dei miei corsi.
Alcune ricerche condotte presso gli archivi palermitani, romani e di Subiaco mi hanno consenti di reperire - ad un secolo di distanza dai documenti presentati da Vincenzo Spampanato - nuovi documenti su Teofilo da Vairano, il maestro di filosofia del giovane Bruno; i risultati di questa ricerca sono confluiti in un saggio pubblicato su "Bruniana & Campanelliana" 2012-1.
Un'ulteriore ricerca condotta su Vincenzo Colle da Sarno, altro maestro citato da Bruno nei 'Costituti Veneti'  ha permesso l'individuazione di un manoscritto di un anonimo studente che annotò le lezioni pubbliche del Sarnese, nella Napoli in cui Bruno studiava prima di entrare in San Domenico Maggiore. Gli esiti dell'avvio di tale ricerca sono stati comunicati in un seminario dal titolo : "Tre maestri di Bruno: Aristotele, Origene, Vincenzo Colle" organizzato da Eugenio Canone e tenutosi a Roma il 25 Ottobre 2013.
I due filoni di ricerca:
1. la Roma filosofica, scientifica e nel contempo inquisitoriale 
e
2. la biografia di Giordano Bruno sono stati portati avanti con costanza nel tempo. Le ricerche romane sono in parte confluite nella mia seconda monografia "Roma filosofica nicodemita libertina" (Agorà 2014)  e si sono poi intersecate con le ricerche bruniane nella comunicazione tenuta nel convegno romano "L’altro Seicento. Libertinismo e Arte a Roma (Roma, 14-15 May 15)".
Tale comunicazione ha avuto come oggetto la circolazione delle tesi bruniane nella Roma dei primi del Seicento e si è concentrata in modo particolare sulla testimonianza del medico e filosofo Giulio Cesare Lagalla, che ebbe da dire sul soggiorno inglese di Bruno e sul giudizio che la regina Elisabetta I avrebbe espresso sul Nolano. Lungi dal considerare la testimonianza di Lagalla come infondata o di scarso peso, nella ricerca, pubblicata nel 2016 ("All'ombra del rogo. Riferimenti bruniani nella Roma dei primi del Seicento", in L'altro Seicento, Atti del Convegno omonimo, Roma 2016 - disponibile on line) ho evidenziato non pochi elementi volti a sottolineare il legame tra Lagalla e Bruno, non ultimo il fatto che il Lagalla, pure maestro di filosofia in 'Sapienza', era medico privato del cardinale di Santa Severina (il grande Inquisitore Giulio Antonio Santori) e che viveva nella sua abitazione ai tempi dell'estradizione e del processo a Bruno.
L'ultima ricerca avviata e conclusa nel corso del 2017 si è rivelata policentrica e ha preso le mosse da un passaggio del "De la causa" bruniano. I risultati mi hanno permesso di identificare quel 'dio di Randazzo' citato dagli studiosi bruniani in merito al riferimento nel De la Causa ad un crocifisso randazzese. Contrariamente a quanto ipotizzato da Vincenzo Spampanato il 'dio di Randazzo' non era il cosiddetto 'crocifisso della pioggia' del Matinati (tra l'altro tardo e di foggia quasi moderna). Una fonte cinquecentesca, Antonio (Giulio) Filoteo degli Omodei, un castiglionese, descrive il 'dio di Randazzo' come un crocifisso ligneo vestito con una lunga tunica, con gli occhi aperti e il viso sofferente (l'iconografia del volto santo), che fin dagli anni venti del Cinquecento era così poco amato dai fedeli randazzesi da esserne dileggiato e alcuni versi latini ammonivano i fedeli dall'astenersi dall'offenderlo. Il 'dio di Randazzo' era famoso nel 'mondo':
 "Sic oculos, sic ille manus, sic ora ferebat. Sic equidem Jesus, credite totus erat. / Quam fecit Genitrix ecce inconsutilis extat . / Vestis longa. Igitur, lingua dolosa, tace." (Il primo verso è una citazione dal III libro dell'Eneide virgiliana).
Così Filoteo lo descriveva in un suo scritto degli anni Cinquanta del Cinquecento,  quando venne rimosso, per essere sostituito da un crocifisso con una foggia più moderna venne rimosso anche dalla memoria collettiva - sebbene se ne trovino cursori accenni in pubblicazioni recenti -. La ricerca siciliana ha dunque permesso di verificare quale fosse quel 'dio di Randazzo' ed è stato possibile divulgare la foto dell'unico frammento sopravvissuto al tempo ("Gazzetta del sud", Messina, 10 maggio 2017, dal titolo "I nuovi retroscena sul dio di Randazzo" di Sergio Di Giacomo). Si tratta di un braccio ligneo vestito da una tunica, l'antico crocifisso conservato in Santa Maria, secondo Filoteo, e dove secondo lo storico della Chiesa (don Salvatore Calogero Virzì) era custodito in età moderna un cosiddetto 'volto santo di Lucca'. I risultati della ricerca, che è proseguita nelle biblioteche e negli archivi palermitane e romane è in corso di stampa nel numero 2017-2 di "Bruniana & Campanelliana", dedicato alla memoria di Germana Ernst..
 


Inglese

Currently she is a researcher in the disciplinary field M-FIL/06 in the Philosophy Department. She began her research working on the monastic and extramonastic formation of GiordanoBruno. She worked on several subjects: the philosophical tradition of monastic orders, in particular the ordinationes de studiis dominicane and the averroistic tradition of the Carmelite Order; the ratio jesuitic studiorum; she studied the teaching of philosophical subjects at Sapienza University in Rome during the 1600‘s; the diffusion of Cartesianism and Atomism in Papal Rome. Her studies continued onto the transcription of unpublished and well conserved documents at the ex Sant‘Uffizio Archive. She also worked on reconstructing the activity of social and cultural control by the Roman Church on the diffusion of Cartesianism, Atomism and Libertinism in the roman culture in the late 1600‘s. At the moment, after discovering new documents and new manuscipts, she has restarted her research on the philosophical formation of Giordano Bruno and the teachers of his youth, such as Teofilo da Vairano and Vincenzo Colle da Sarno.


Sono presenti 2 pubblicazioni. Visualizza

Sono presenti 2 dispense. Visualizza

Appello Straordinario

8 maggio 2019
h. 10.30 test idoneità informatica

9 maggio 2019
h. 12.00 storia della filosofia moderna

Sessione estiva

12 giugno
h. 13.30 storia della filosofia moderna - didattica della filosofia

13 giugno 2019 h. 10.30 test idoneità informatica
h. 13.30 storia della filosofia moderna - didattica della filosofia

27 giugno 2019
h. 10.30 test idoneità informatica
h. 13.30 storia della filosofia moderna - didattica della filosofia

16 luglio 2019 h. 10.30 test idoneità informatica
h. 13.30 storia della filosofia moderna - didattica della filosofia

Sessione Autunnale

12 Settembre 2019
h. 13.30 storia della filosofia moderna-Didattica della filosofia

13 settembre 2019
h. 10.30 test idoneità informatica

3 ottobre 2019
h. 10.30 test idoneità informatica
h. 13.30 storia della filosofia moderna - didattica della filosofia

21 Novembre 2019 h. 10.30 test idoneità informatica
h. 13.30 storia della filosofia moderna - didattica della filosofia

Sessione invernale
30 gennaio 2020
h. 10.30 test idoneità informatica
h. 13.30 storia della filosofia moderna - didattica della filosofia