Ciro Lomuzio

Associato
L-OR/16 ( Archeologia e storia dell'arte dell'India e dell'Asia centrale )
Istituto italiano di Studi Orientali
Studio 19, III piano Sede Marco Polo (Scalo S. Lorenzo).
Visualizza programmi a.a. 2021-2022  a.a. 2020-2021
Ricevimento

(Classroom, codice xipzvrt)
Il ricevimento si tiene in modalità telematica (Google Meet); per concordare un appuntamento inviare un'email al docente (ciro.lomuzio@uniroma1.it.).
Per avvisi e ogni altra informazione, si prega di consultare anche la bacheca dipartimentale: https://sites.google.com/a/uniroma1.it/cirolomuzio/insegnamenti

Nessun avviso presente.

Italiano

Professore associato di Archeologia e storia dell’arte dell’India e dell’Asia Centrale (L-OR/16) presso l'Istituto Italiano di Studi Orientali di Sapienza Università di Roma. Laureato all’Istituto Universitario Orientale di Napoli (1984)  in Archeologia e storia dell’arte dell’Asia Centrale. Dottore di ricerca in Storia dell’arte dell’Asia orientale (indirizzo: Asia Centrale) presso l’Università degli studi di Genova (1994) (titolo della tesi: “L’iconografia di Siva in Asia Centrale”). Ha fruito di un assegno di ricerca presso il Dipartimento di Studi orientali dell’Università di Roma - Sapienza (2000-2002) sul tema “Iconografia religiosa della Sogdiana”. Dal 2002 al 2009 è stato docente a contratto di Storia dell’arte dell’India e dell’Asia Centrale presso la Facoltà degli Studi Orientali dell’Università di Roma – Sapienza, e presso la Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali dell’Università degli Studi di Bologna, sede di Ravenna (2005-06, 2007-08). Ha preso parte alle attività della Missione archeologica italiana in Nepal (1986) dell’IsIAO - Istituto Italiano per l’Africa e l’Oriente (allora IsMEO - Istituto per il Medio ed Estremo Oriente). Membro della Missione archeologica italiana in Uzbekistan dalla sua costituzione (1995), ne è  direttore dalla fine del 2009. 
Insegna Archeologia e Storia dell'arte dell'India presso la Scuola di Specializzazione in Beni archeologi, Sapienza Università di Roma.
È coordinatore del corso di Dottorato di ricerca in Civiltà, culture e società dell’Asia e dell’Africa (Istituto Italiano di Studi Orientali); fa parte del corpo docente del medesimo dottorato di ricerca, nel curriculum Subcontinente indiano e Asia centrale.
È membro del comitato scientifico della Rivista degli Studi Orientali e della Rivista di Studi Sudasiatici.
È membro della Société Européenne pour l'Etude des Civilisations de l'Himalaya et de l'Asie Centrale (SEECHAC). 
 
Principali pubblicazioni:
(in stampa), “The Legacy of Gandhara in Central Asian Painting”, in In the Shadow of the Golden Age: Art and Identity from Gandhara to the Modern Age (Proceedings of the International Conference held in Bonn, 13th-14th October 2011);
(in stampa), New Evidence on Sogdian Painting from Uch Kulakh (Bukhara Oasis - Uzbekistan), inProceedings of the 20th Conference of the European Association for South Asian Archaeology and Art, 4 - 9 July 2010, Vienna 
"Remarks on the Paintings from the Buddhist Monastery of Fayaz Tepe (Southern Uzbekistan)", in C. A. Bromberg (ed.), Zoroastrianism and Mary Boyce with Other Studies (Bulletin of the Asia Institute, n.s., 22, 2008), Bloomfield Hills 2012, pp. 189-206
"Notes on Gandharan Painting", in T. Lorenzetti, F. Scialpi (eds.), Glimpses of Indian History and Art. Reflections on the Past, Perspectives for the Future. Proceedings of the International Congress Rome 18-19 April 2011, Rome 2012, pp. 321-337
"La pittura buddhista in Asia Centrale: l'Oasi di Termez", in L. Giuliano (ed.), Ajanta e oltre. La pittura murale in India e Asia Centrale. La ricerca italiana. Nuovi studi e prospettive (Atti del convegno, Roma Museo Nazionale d'Arte orientale 'G. Tucci', 25-26 settembre 2009), Roma 2012, pp. 171-188
“Gandharan Toilet-Trays: Some Reflections on Chronology”, in Ancient Civilizations from Scythia to Siberia, 2011, 17, pp. 327-336;
"Archaeological Traces of Early Turks in Transoxiana", in Coins, Art and Chronology II. The First Millennium C.E. in the Indo-Iranian Borderlands, edited by M. Alram, D. Klimburg-Salter, M. Inaba, M. Pfisterer, Vienna 2010, 429-442;
“An Archaeological Outline of the Bukhara oasis”, in Journal Of Inner Asian Art and Archaeology, 2009, 4, 43-68;
"Culti brahmanici a Khotan: note sulle pitture del tempio D13 a Dandan Oiliq". in Rivista degli Studi Orientali, n.s., LXXIX, 1-4 (2006), 185-201;
India (Dizionari delle civiltà), Milano 2008 (coautore Marco Ferrandi);
"On a Buddhist Subject in the Paintings of Kara Tepe (Old Termez)". Central´naja Azija. Istochniki, istorija, kul´tura, Moskva 2005, pp. 477-496;
"Una scena di caccia dalla necropoli di Kopeny (Minusinsk)", in M.V. Fontana, B. Genito (edd.), Studi in onore di Umberto Scerrato per il suo settantacinquesimo compleanno, Napoli 2003, II, pp. 519-538; 
"The Umāmaheśvara in Central Asian Art", in Rivista degli Studi Orientali, n.s., 2002, LXXVI, 1-4, pp. 49-86.
"The Dioscuri at Dilberjin (Northern Afghanistan): Reviewing their Chronology and Significance", in Studia Iranica, 1999, 28, 1, 41-71;
"OHÞO: a Sovereign God", in Silk Road Art & Archaeology, 1995-96, IV, pp.35-48. 
 
 


Inglese

Biography
Associate professor in Indian and Central Asian Archaeology and Art History (L-OR/16) in the Istituto Italiano di Studi Orientali, Sapienza Università di Roma (since 2009). Degree (1984) in Central Asian Archaeology and Art History in the Istituto Universitario Orientale, Napoli. PhD (1994) in Eastern Asian Art History (Central Asian curriculum) at the Università degli studi di Genova. Research fellowship (2000-2002) in the Department of Oriental Studies, on the theme “Religious iconography in Sogdiana”. From 2002 to 2009 adjunct professor in Indian and Central Asian Art in the former Facoltà di Studi Orientali, Sapienza Università di Roma; he also held courses in the Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali dell’Università degli Studi di Bologna, sede di Ravenna (2005-06, 2007-08). He took part to the activities of the Italian Archaeological Mission to Nepal (1986) of the IsIAO - Istituto Italiano per l’Africa e l’Oriente (then IsMEO - Istituto per il Medio ed Estremo Oriente). Since 1995 member of the Uzbek-Italian Archaeological Mission to Uzbekistan, of which he became director in the late 2009.
He teaches Indian Archaeology and Art History in the Scuola di Specializzazione in Beni archeologici, Sapienza Università di Roma.
He is Coordinator of the PhD course (dottorato di ricerca) in Asia and Africa’s civilisations, cultures and societies (Istituto Italiano di Studi Orientali), and is in the teaching staff of the same PhD (Curriculum Indian Subcontinent and Central Asia).
He is member of the editorial board of the Rivista degli Studi Orientali.
He is member of the European Society for Studies of Central Asia and Himalayan Regions (SEECHAC).
 
Main publications:
 
(in stampa), “The Legacy of Gandhara in Central Asian Painting”, in In the Shadow of the Golden Age: Art and Identity from Gandhara to the Modern Age (Proceedings of the International Conference held in Bonn, 13th-14th October 2011);
(in stampa), New Evidence on Sogdian Painting from Uch Kulakh (Bukhara Oasis - Uzbekistan), inProceedings of the 20th Conference of the European Association for South Asian Archaeology and Art, 4 - 9 July 2010, Vienna 
"Remarks on the Paintings from the Buddhist Monastery of Fayaz Tepe (Southern Uzbekistan)", in C. A. Bromberg (ed.), Zoroastrianism and Mary Boyce with Other Studies (Bulletin of the Asia Institute, n.s., 22, 2008), Bloomfield Hills 2012, pp. 189-206
"Notes on Gandharan Painting", in T. Lorenzetti, F. Scialpi (eds.), Glimpses of Indian History and Art. Reflections on the Past, Perspectives for the Future. Proceedings of the International Congress Rome 18-19 April 2011, Rome 2012, pp. 321-337
"La pittura buddhista in Asia Centrale: l'Oasi di Termez", in L. Giuliano (ed.), Ajanta e oltre. La pittura murale in India e Asia Centrale. La ricerca italiana. Nuovi studi e prospettive (Atti del convegno, Roma Museo Nazionale d'Arte orientale 'G. Tucci', 25-26 settembre 2009), Roma 2012, pp. 171-188
“Gandharan Toilet-Trays: Some Reflections on Chronology”, in Ancient Civilizations from Scythia to Siberia, 2011, 17, pp. 327-336;
"Archaeological Traces of Early Turks in Transoxiana", in Coins, Art and Chronology II. The First Millennium C.E. in the Indo-Iranian Borderlands, edited by M. Alram, D. Klimburg-Salter, M. Inaba, M. Pfisterer, Vienna 2010, 429-442;
“An Archaeological Outline of the Bukhara oasis”, in Journal Of Inner Asian Art and Archaeology, 2009, 4, 43-68;
"Culti brahmanici a Khotan: note sulle pitture del tempio D13 a Dandan Oiliq". in Rivista degli Studi Orientali, n.s., LXXIX, 1-4 (2006), 185-201;
India (Dizionari delle civiltà), Milano 2008 (coautore Marco Ferrandi);
"On a Buddhist Subject in the Paintings of Kara Tepe (Old Termez)". Central´naja Azija. Istochniki, istorija, kul´tura, Moskva 2005, pp. 477-496;
"Una scena di caccia dalla necropoli di Kopeny (Minusinsk)", in M.V. Fontana, B. Genito (edd.), Studi in onore di Umberto Scerrato per il suo settantacinquesimo compleanno, Napoli 2003, II, pp. 519-538; 
"The Umāmaheśvara in Central Asian Art", in Rivista degli Studi Orientali, n.s., 2002, LXXVI, 1-4, pp. 49-86.
"The Dioscuri at Dilberjin (Northern Afghanistan): Reviewing their Chronology and Significance", in Studia Iranica, 1999, 28, 1, 41-71;
 "OHÞO: a Sovereign God", in Silk Road Art & Archaeology, 1995-96, IV, pp.35-48. 


Nessuna pubblicazione disponibile.

Nessuna dispensa disponibile.

Appelli sessione estiva 2021
14 giugno
1 luglio
22 luglio

L'appello si terrà in modalità mista - in presenza in Laboratorio 2 (Laboratorio didattico - Aula 2, Marco Polo) e da remoto, tramite Zoom. L'ora di inizio (alle 9 o alle 10) sarà precisata il giorno prima dell'appello. Gli esaminandi sono pregati di collegarsi cinque minuti prima dell'inizio della seduta.

 

Nel caso in cui l'identificazione tramite le segreterie non sia stata effettuata entro la data dell'esame, gli studenti sono pregati di inviarmi una scansione (o foto leggibile) del documento di identità tramite email con il seguente oggetto "documento di identità" entro le ore 8.30 del giorno dell'appello.

 

Ricordo, infine, che chi dovesse avere ripensamenti e decidesse di non presentarsi all'appello, è vivamente pregato di cancellare la prenotazione in tempo utile o, se necessario (cioè a prenotazioni chiuse), avvertire il docente con un'email.
 
Appelli sessione autunnale 2021
9 settembre
22 settembre
 
Appello sessione straordinaria autunnale (novembre 2021)
11 novembre

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma