Diana Quarantotto

Ricercatore
M-FIL/07 ( Storia della filosofia antica )
Filosofia
dipartimento di filosofia, piano III, stanza 314
Visualizza programmi a.a. 2019-2020  a.a. 2018-2019
Ricevimento

Il prossimo ricevimento si svolgerà il 18 settembre, ore 12:00-13:00, stanza 314 (terzo piano).

STORIA DELLA FILOSOFIA ANTICA (L, 6 CFU), SEMESTRE I (2019/2020)
Gio 30 Mag 2019 Ven 31 Dic 2021

ANIMA, VITA E COGNIZIONE SECONDO ARISTOTELE

Nel mondo naturale c’è una distinzione fondamentale: alcune sostanze naturali sono vive, altre sono inanimate. Ciò che distingue le prime dalle seconde, secondo Aristotele, è il possesso della psuche. La parola ‘psuche’ viene di solito tradotta con ‘anima’. Ma ‘anima’ è una traduzione fuorviante, perché suona bizzarro sostenere che un gambero, una seppia o pianta di basilico hanno un’anima, mentre è perfettamente sensato, secondo Aristotele, dire che hanno una psuche. Che cos’è allora la psuche? E che cosa accomuna la psuche di un essere umano a quella di un gambero, di una seppia e di una pianta di basilico? La teoria aristotelica della psuche fornisce una risposta a queste domande. È il tentativo di elaborare una spiegazione unitaria di tutti i processi vitali: dalla nutrizione, alla riproduzione, alla percezione e al pensiero. In altre parole, è il tentativo di spiegare i processi cognitivi – compresa l’attività noetica del primo motore immobile – come forme superiori della vita biologica. Si tratta di una teoria centrale nel programma scientifico-filosofico di Aristotele (il quale intende i viventi come le sostanze per eccellenza). È elaborata mediante alcuni dei principi più rilevanti e innovativi della sua filosofia: la distinzione tra materia e forma, tra mezzo e fine, tra potenza e atto; la dottrina delle categorie. La teoria aristotelica dell’anima ha suscitato interesse e stimolato forti reazioni (sia positive sia negative) sin dall’antichità. Per esempio, le filosofie cartesiana e post-cartesiana – in quanto basate sulla distinzione tra mente e corpo, tra conoscenza/coscienza e processi biologici – l’hanno rifiutata. Ma altre correnti di pensiero e altri pensatori, anche in tempi recenti, ne hanno riconosciuto il profondo interesse teorico. Darwin stesso, nei Taccuini, fa affermazioni che Aristotele avrebbe probabilmente sottoscritto: “Colui che comprende il babbuino contribuirà alla metafisica [=la filosofia in generale, compreso il problema della conoscenza] più di Locke”.

 

Testi adottati

R. Chiaradonna, P. Pecere, Filosofia. La ricerca della conoscenza, Mondadori 2018.

M. Vegetti, F. Ademollo, Incontro con Aristotele. Quindici lezioni, Einaudi 2016.

Aristotele, L’anima, traduzione, introduzione e commento a cura di G. Movia, Bompiani 2001.

D. Zucca, L’anima del vivente. Vita, cognizione e azione nella psicologia aristotelica, Morcelliana, Brescia 2015, (Introduzione e capp. I-V).

Dispense e slides: saranno fornite progressivamente durante il corso

 

Molti materiali del corso saranno disponibili in una cartella dropbox. Per accedere alla cartella è necessario contattare il docente.

 

Le lezioni si svolgeranno in aula XII, mercoledì 14:30-17:30. Inizieranno mercoledì 2 ottobre.

 

 

HISTORY OF ANCIENT PHILOSOPHY, 12 CFU, LM, 2019/2020, SEMESTER II
Gio 30 Mag 2019 Gio 30 Dic 2021

Ancient theories of mind (from Homer to Aristotle)

We still do not know, in a scientific sense, what mind and consciousness are. There seem to be no facts to decide, once and for all, whether the mind is a spiritual substance or an epiphenomenon of the brain or part of the body. However, we can continue to discover aspects of human nature also by recognising how Greek authors, prior to modern science, represented what they called ‘soul’ (psyche) and what they called ‘intelligence’ (nous). This can enlarge and enrich our experience. This can provide us with new stimuli and unexpected points of view. This could even bring us to reconsider our basic presuppositions on this topic. 

The course will tackle some of the major aspects of ancient psychology from Homer to Aristotle: how the different psychic functions are distributed among the different parts of a human being and whether they are integrated under a more unified concept or kept apart as independent functions for which independent parts of a human being are responsible; how the bearers of the psychic and cognitive functions are related to the world, i.e. how the soul and the mind are integrated in the cosmos during the life and eventually after it. The treatment of these topics will be done by reading, analysing and comparing several Greek texts (ranging from Homer to Aristotle). 

Testi adottati

N. Warburton, Philosophy: the Basics, Routledge, London-New York 1992 (ch. 6: Mind).

A.A. Long, Greek Models of Mind and the Self, Harvard University Press; Cambridge (Mass)-London 2015 (ch. 1).

B. Snell, The Discovery of the Mind. The Greek Origins of European Thought, Harvard University Press, Cambridge (Mass), 1953 (ed. or. 1948), (ch. 1: Homer’s View of Man, pp. 1-22).

G. Betegh, Eschatology and Cosmology: Models and Problems, in M. M. Sassi (ed.), The Construction of the Philosophical Discourse in the Presocratic Period, Pisa, 2006, 29-50.

G. Betegh, On the Physical Aspect of Heraclitus’ Psychology, Phronesis (52) 2007, 3-32.

G. Betegh, Cosmic and Human Cognition in the Timaeus, in: J.E. Sisko (ed.), Philosophy of Mind in Antiquity. The History of the Philosophy of Mind, volume I, Routledge 2018.

M. Burnyeat, The Truth of Tripartition, Proceedings of the Aristotelian Society, Volume 106, Issue 1, 1 June 2006, Pages 1–23.

Ch. Shields, Aristotle. De Anima, translated with introduction and commentary, Clarendon, Oxford 2016 (General introduction, pp. xi-xliv).

Further materials (ancient Greek texts, translations, articles) will be provided during the course. Most of the teaching materials, together with the syllabus, will be available in a dropbox folder.

Testo integrativo per non-frequentanti

A.A. Long, Greek Models of Mind and the Self, Harvard University Press; Cambridge (Mass)-London 2015 (chs. 2-4).

 

Lessons: Tuesday 09.30-12:30 (room XI) and Wednesday 09:30-12:30 (room X). 

 

 

Ancient Theories of Mind (from Homer to Aristotle)
Gio 11 Ott 2018 Ven 20 Dic 2019

 

ANCIENT PHILOSOPHY  2018-19 M-Fil/07 - 6 CFU - LM - year: 1 - Semester: 1

 

We still do not know, in a scientific sense, what mind and consciousness are. There seem to be no facts to decide, once and for all, whether the mind is a spiritual substance or an epiphenomenon of the brain or part of the body. However, we can continue to discover aspects of human nature also by recognising how Greek authors, prior to modern science, represented what they called ‘soul’ (psyche) and what they called ‘intelligence’ (nous). This can enlarge and enrich our experience. This can provide us with new stimuli and unexpected points of view. This could even bring us to reconsider our basic presuppositions on this topic. 

The course will tackle some of the major aspects of ancient psychology from Homer to Aristotle: how the different psychic functions are distributed among the different parts of a human being and whether they are integrated under a more unified concept or kept apart as independent functions for which independent parts of a human being are responsible; how the bearers of the psychic and cognitive functions are related to the world, i.e. how the soul and the mind are integrated in the cosmos during the life and eventually after it. The treatment of these topics will be done by reading, analysing and comparing several Greek texts (ranging from Homer to Aristotle).  

 

Texts

A.A. Long, Greek Models of Mind and the Self, Harvard University Press; Cambridge (Mass)-London 2015.

N. Warbuton, Philosophy: the Basics, Routledge, London-New York 1992 (ch. 6: Mind).

B. Snell, The discovery of the mind. The Greek origins of European thought, Harvard University Press, Cambridge (Mass), 1953 (ed. or. 1948), (ch. 1: Homer’s view of man, pp. 1-22).

G. Betegh, On the physical aspect of Heraclitus’ psychology, Phronesis (52) 2007, 3-32.

G. Betegh, Eschatology and Cosmology: Models and Problems, in M. M. Sassi (ed.), The Construction of the Philosophical Discourse in the Presocratic Period, Pisa, 2006, 29-50.

Ch. Shileds, Aristotle. De Anima, tranlsated with introduction and commentary, Clarendon, Oxford 2016 (General introduction, pp. xi-xliv).

Further materials (ancient Greek texts, translations, articles) will be provided during the course. The teaching materials and the syllabus are available in the dropbox folder of the course (to get the link, please write to: dianaquarantotto@gmail.com).

Lessons

Thursday: 10:30-13:30 (room xi)

 

Lessons start on Thursday 4th October

 

 

Il Menone di Platone (2018-2019, L, 6 cfu, II semestre)
Mer 10 Ott 2018 Sab 10 Ott 2020

 

Il Menone è molte cose. È un dialogo ricchissimo che, in sole trenta pagine, affronta questioni politiche e matematiche, contiene discussioni di problemi sociali e di modelli educativi, formulazioni di ipotesi ontologiche ed epistemologiche. È stato considerato il manifesto dell’Accademia platonica. Ma soprattutto è una ‘palestra filosofica’. È la storia di un tentativo di ‘conversione’ alla virtù socratica, cioè a quel modo di vita e di ricerca che, secondo Socrate, è il migliore che un essere umano possa perseguire. Ed è anche un tentativo di far sperimentare questo modo di vita e di ricerca a tutti coloro che lo leggono, che lo hanno letto e che lo leggeranno.

Il corso sarà dedicato alla lettura e all’analisi del Menone. Inoltre, sarà introdotto da alcune lezioni di teoria e tecnica dell’argomentazione (finalizzate a fornire gli elementi base della discussione filosofica, con particolare riferimento alle tecniche e alle teorie greche antiche).

Durante il corso si svolgeranno alcuni incontri di approfondimento con esperti dei temi trattati.

 

PROGRAMMA D’ESAME

1) P. Porro, C. Esposito, Le avventure della ragione. Autori e testi della filosofia. Dalle origini alla scolastica, Laterza 2012 (fino a p. 294, cioè fino al cap. 11 compreso).

2) Platone, Menone, a cura di F. Ferrari, BUR 2016.

3) M. Vegetti, Quindici lezioni su Platone, Einaudi 2003.

4) E. Ippoliti, C. Cellucci, Logica, Egea 2016 (pp. 9-101)

5) Dispense e slides: saranno fornite e aggiornate progressivamente durante il corso, e rese disponibili in una cartella dropbox (per avere il link, contattare il docente per email).

 

Chi ha già sostenuto un esame di storia della filosofia antica includente un manuale, e non desidera studiarlo di nuovo, può sostituire il manuale con uno dei seguenti testi: R. Chiaradonna, Platonismo, Il Mulino 2017; M. Bonazzi, I Sofisti, Carocci 2010. I non frequentanti dovranno studiare in aggiunta uno dei seguenti testi: R. Chiaradonna, Platonismo, Il Mulino 2017; M. Bonazzi, I Sofisti, Carocci 2010.

 

L'esame si compone di esoneri scritti che si svolgeranno durante il corso e di un colloquio orale finale. Anche i non frequentanti devono sostenere gli esoneri. Se non riescono a sostenerli nelle date ufficiali, dovranno concordare una data con il docente.

 

Le lezioni si svolgeranno in aula XII, mercoledì 10:30-13:30, e cominceranno mercoledì 6 marzo 2019.

 

Italiano

La mia area di competenza è la filosofia antica. Le principali aree di interesse sono la storia e la filosofia della scienza, la filosofia del linguaggio, la teoria della comunicazione e l‘etica. Fino ad ora le mie ricerche hanno riguardato soprattutto Aristotele: la scienza della natura, l‘epistemologia, la teoria del linguaggio, la teoria causale e i rapporti tra metafisica e biologia. Ho svolto gli studi universitari all‘Università di Roma La Sapienza, all‘Università di Palermo, alla Ruprecht-Karls-Universität Heidelberg e all‘Università di Pisa. Mi sono laureata all‘Università di Roma La Sapienza con una tesi sul De anima di Aristotele (1999) e ho conseguito il titolo di dottore di ricerca in filosofia all‘Università di Pisa con una tesi sulla teleologia naturale di Aristotele (2004). Nel 2004 e nel 2005 sono stata borsista rispettivamente dell‘Accademia nazionale dei Lincei-British Academy e del CNR. Dal 2005 al 2008 sono stata titolare di un assegno di ricerca presso l‘Università di Pisa. Dal 2008 sono professore aggregato presso la facoltà di filosofia dell‘Università di Roma La Sapienza. Attualmente sto lavorando a: 1) una traduzione italiana commentata della Metafisica di Aristotele (Einaudi), con B. Centrone, R. Chiaradonna, P. Fait, A. Linguiti; 2) una traduzione italiana commenata dei primi due libri della Fisica di Aristotele; 3) un progetto AST sulla divulgazione scientifica; 4) un progetto PRIN sulla biologia di Aristotele; 5) uno studio sull‘unità, i limiti e l‘articolazione interna della scienza naturale di Aristotele, in collaborazione con J. G. Lennox (University of Pittsburgh), A. Falcon (Concordia University), et al.; 6) un‘interpretazione epistemologica della cosmologia aristotelica; 7) una ricerca sulle ragioni della tesi aristotelica in base alla quale la conoscenza e la comprensione sono attraenti, piacevoli, utili per gli esseri umani e necessarie per il loro pieno sviluppo. "Tutti gli esseri umani per natura desiderano conoscere" (Aristotele, Metafisica I 1, 980a 21).


Inglese

My main field of research is ancient philosophy. Other areas of interest inluce history and philosophy of science, philosophy of language, theory of communication and ethics. So far I have carried out enquiries mostly into Aristotle‘s philosophy: science of nature, epistemology, theory of language, theory of causation, and the relations between biology and metaphysics. I studied at the University of Rome La Sapienza, the University of Palermo, the Ruprecht-Karls-Universität Heidelberg and the University of Pisa. I gradueted at the University of Rome La Sapienza with a dissertation on Aristotle‘s De anima (1999). I achieved the doctorate in philosophy at the University of Pisa with a dissertation on Aristotle‘s natural teleology (2004). In 2004 and 2005 I received two post-doctoral fellowships respectively from the Accademia nazionale dei Lincei-British Academy and from the CNR. From 2005 to 2008 I was research fellow at the University of Pisa. Form 2008 I am professor at the faculty of philosophy of the University of Rome La Sapienza. I am currently tackling with the following tasks: 1) an italian translation of and commentary on Aristotle‘s Metaphysics (Einaudi), with B. Centrone, R. Chiaradonna, P. Fait, A. Linguiti; 2) an italian translation of and commentary on Aristotle‘s Physics I-II; 3) a AST project on the popularization of scientific theories; 4) a PRIN project on Aristotle‘s biology; 5) a study into Aristotle‘s view on the unity, boundaries and internal divisions of natural science, with J. G. Lennox (University of Pittsburgh), A. Falcon (Concordia University) et al.; 6) an epistemological interpretation of Aristotle‘s cosmology; 7) an investigation into Aristotle‘s reasons for claiming that knowledge and understanding are attractive, pleasant and useful for human beings and necessary for their full develpment. "All human beings by nature desire to know" (Aristotle, Metaphysics I 1, 980a 21).
 


Nessuna pubblicazione disponibile.

Nessuna dispensa disponibile.

prossimi appelli: 11 settembre (10:00, stanza 314, terzo piano), 25 settembre 2019