Eugenio Testa

Ricercatore
M-DEA/01 ( Discipline demoetnoantropologiche )
Storia Antropologia Religioni Arte Spettacolo
Facoltà di Lettere, primo piano, Studio 4, corridoio ex Studi Orientali
Telefono 06.49913074
Visualizza programmi a.a.  2018-2019
Ricevimento

A partire dal 22 marzo 2019 e fino a tutto il mese di maggio il ricevimento studenti di Eugenio Testa si tiene il venerdì dalle 15 alle 17. Dal giorno 6 giugno 2019 il ricevimento tornerà all'orario consueto: giovedì ore 11-13 e 14-16
Facoltà di Lettere, primo piano, Studio 4, corridoio di Studi Orientali

Eugenio Testa - Ricevimento studenti luglio e settembre 2019
Gio 18 Lug 2019 Sab 28 Set 2019

Il ricevimento studenti di Eugenio Testa termina il 18 luglio e riprende il 12 settembre, sempre con l’orario 11-13 e 14-16

Italiano

Eugenio Testa
Ricercatore
M-DEA/01 Discipline demo-etno-antropologiche
Corso di laurea in Teorie e pratiche dell‘antropologia
 
 
Sono nato nel 1954 a Roma. Nel 1979 mi sono laureato in Filosofia alla ‘Sapienza’ con una tesi in Antropologia culturale di argomento gramsciano, di cui sono stati relatore Alberto Mario Cirese e correlatore Tullio De Mauro. Nel 1994 ho conseguito il dottorato di ricerca in Scienze etnoantropologiche, sempre a Roma, con una ricerca su temi di antropologia simbolica (Askálabos. Il geco nelle tradizioni del Mediterraneo) tutorata da Pietro Clemente. Ho lavorato per l’Università di Roma come tecnico laureato dal 1982, prima presso la Biblioteca di Filosofia, poi, dopo il dottorato, collaborando alle attività didattiche e di ricerca della cattedra di Antropologia culturale I. Dal 1 novembre 2004 sono ricercatore confermato per il settore scientifico disciplinare M-DEA/01 (Discipline demo-etno-antropologiche), incardinato nei corsi di laurea in Teorie e pratiche dell’antropologia (triennale) e Discipline etnoantropologiche (magistrale).
Mi sono occupato di storia del pensiero antropologico, di museografia etnografica, di antropologia delle ciberculture, di aspetti metodologici della didattica dell’antropologia, di rapporti tra antropologia e narrativa.

Tra le pubblicazioni segnalo la cura dei volumi seguenti:
A.M. Cirese, Dislivelli di cultura e altri discorsi inattuali. Postfazione di Pietro Clemente e Eugenio Testa. Roma, Meltemi, 1997
In-segnamenti di Alberto Mario Cirese. A cura di Pietro Clemente e Eugenio Testa. Roma, CISU, 2002
A.M. Cirese, Tra cosmo e campanile. Ragioni etiche e identità locali. A cura di Pietro Clemente, Gianfranco Molteni, Eugenio Testa. Siena, Protagon, 2003
E. Guatelli, Il Taro e altre storie. Cura ed edizione dei testi di Eugenio Testa, con la collaborazione di Pietro Clemente. Reggio Emilia, Diabasis, 2005
Gramsci ritrovato. A cura di Antonio Deias, Giovanni Mimmo Boninelli, Eugenio Testa. Fascicolo monografico di Lares, maggio-agosto 2008, 74., n. 2

Segnalo gli articoli:
“Il caleidoscopio della memoria e la tastiera della verità”. Ossimori,  n. 4, 1994: 103-106 (in collaborazione con Maria Federico)
“La présence des études de folklore, d’ethnologie et d’anthropologie culturelle dans l’enseignement universitaire italien”. In: Le folklore: ses rapports à l’ethnologie européenne et à l’histoire dans l’enseignement supérieur en Europe. VIIIeme Atelier P.A.C.T. Eu­rethno. 19-23 septembre 1994. Budapest. Textes réunis par Kincso Verebélyi. Budapest, Separatum ex Acta Ethnographica Hungarica 40. (3-4), 1996: 403-408 (in collaborazione con Maria Federico)
“The European ethnology of Alberto Mario Cirese”. Europaea, 2. (1996), n. 1: 143-162 (in collaborazione con Pietro Clemente)
“Palinsesti urbani. Luoghi e non luoghi delle scritture pubbliche clan­destine”. Annali della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Siena, 20. (1999): 271-298 (in collaborazione con Pietro Clemente)
“Perché gli antropologi scrivono romanzi?”. Il Gallo Silvestre, n. 13, 2000: 164-179 (in collaborazione con Alberto Sobrero)
“La vita ci è cara. Note sulla narrativa di Giulio Angioni”. Archivio di Etnografia, 2. (2000), n. 1: 107-119
"Dodici anni, e il mare". In: Pietro Clemente, Triglie di scoglio. Tracce del Sessantotto cagliaritano. Cagliari, CUEC, 2002: 131-138
"Antropologia dei patrimoni culturali: sitografia ragionata". Antropologia museale, n. 1, maggio 2002: 60-65; e n. 2, ottobre 2002 61-66
"Animalscape". Antropologia museale, 3. (2004), n. 7: 45-47
“L’inglese, il computer, la rete: didattica e auto-formazione” In: C.M. Rita (a cura di), Le parole dell’antropologia in inglese. Roma, Aracne, 2005: 163-172
“«Armungia». Stage e paese: messa in scena, apprendistato e didattica dell‘antropologia”. Lares, 72. (2006), n. 1: 61-84 [stampa: maggio 2007]
“Occhiacci di vetro”. In Il cannocchiale sulle retrovie. Pietro Clemente: il mestiere dell’antropologo. A cura di Alberto Sobrero. Roma, CISU, 2012: 245-46
“D’amore e di calcio: comizi per Pasolini”. Primapersona, 15. (2013), n. 27: 73-83
“Centouno e più di mille. Storia e storiografia dell’antropologia italiana”. L’Uomo. Società Tradizione Sviluppo, 2013, n. 1-2: 239-251
"Itinerari delle ricerche in Lucania". In E. de Martino, Sud e magia. A cura di F. Dei e A. Fanelli. Roma, Donzelli, 2015: 291-303
Lares, dedicato a Lamberto Loria. Presentazione, Roma, 23 novembre 2015 [recensione:]”. Archivio Antropologico Mediterraneo, 18. (2015), n. 17 (2): 170-173 [on line: http://www.archivioantropologicomediterraneo.it/riviste/estratti_17-2/estratti_17-2_12.pdf ]
 

E infine la partecipazione ai progetti:
METL. Musei etnografici della Toscana e del Lazio. Direzione della ricerca: Pietro Clemente. Coordinamento: Riccardo Putti per la To­scana; Maria Federico ed Eugenio Testa per il Lazio. Realizzazione presso: Università di Siena, Centro Televisivo d’Ateneo, 1997 (lavoro realizzato nell‘ambito del Progetto Strategico Beni Culturali del CNR) [compact disc: Siena, Università degli Studi - Centro Televisivo d’Ateneo, 1997; sito Internet http://www.cta.unisi.it]
Conversazioni con Alberto M. Cirese. Filmato di Riccardo Putti e Eugenio Testa. Roma-Siena 2001, 38‘ (lavoro realizzato nell‘ambito del Progetto Finalizzato Beni Culturali del CNR)
 


Inglese

Eugenio Testa
Ricercatore
M-DEA/01 Discipline demo-etno-antropologiche
Corso di laurea in Teorie e pratiche dell‘antropologia 
 

Sono nato nel 1954 a Roma. Nel 1979 mi sono laureato in Filosofia alla ‘Sapienza’ con una tesi in Antropologia culturale di argomento gramsciano, di cui sono stati relatore Alberto Mario Cirese e correlatore Tullio De Mauro. Nel 1994 ho conseguito il dottorato di ricerca in Scienze etnoantropologiche, sempre a Roma, con una ricerca su temi di antropologia simbolica (Askálabos. Il geco nelle tradizioni del Mediterraneo) tutorata da Pietro Clemente. Ho lavorato per l’Università di Roma come tecnico laureato dal 1982, prima presso la Biblioteca di Filosofia, poi, dopo il dottorato, collaborando alle attività didattiche e di ricerca della cattedra di Antropologia culturale I. Dal 1 novembre 2004 sono ricercatore confermato per il settore scientifico disciplinare M-DEA/01 (Discipline demo-etno-antropologiche), incardinato nei corsi di laurea in Teorie e pratiche dell’antropologia (triennale) e Discipline etnoantropologiche (magistrale).
Mi sono occupato di storia del pensiero antropologico, di museografia etnografica, di antropologia delle ciberculture, di aspetti metodologici della didattica dell’antropologia, di rapporti tra antropologia e narrativa.

Tra le pubblicazioni segnalo la cura dei volumi seguenti:
A.M. Cirese, Dislivelli di cultura e altri discorsi inattuali. Postfazione di Pietro Clemente e Eugenio Testa. Roma, Meltemi, 1997
In-segnamenti di Alberto Mario Cirese. A cura di Pietro Clemente e Eugenio Testa. Roma, CISU, 2002
A.M. Cirese, Tra cosmo e campanile. Ragioni etiche e identità locali. A cura di Pietro Clemente, Gianfranco Molteni, Eugenio Testa. Siena, Protagon, 2003
E. Guatelli, Il Taro e altre storie. Cura ed edizione dei testi di Eugenio Testa, con la collaborazione di Pietro Clemente. Reggio Emilia, Diabasis, 2005
Gramsci ritrovato. A cura di Antonio Deias, Giovanni Mimmo Boninelli, Eugenio Testa. Fascicolo monografico di Lares, maggio-agosto 2008, 74., n. 2

Segnalo gli articoli:
“Il caleidoscopio della memoria e la tastiera della verità”. Ossimori,  n. 4, 1994: 103-106 (in collaborazione con Maria Federico)
“La présence des études de folklore, d’ethnologie et d’anthropologie culturelle dans l’enseignement universitaire italien”. In: Le folklore: ses rapports à l’ethnologie européenne et à l’histoire dans l’enseignement supérieur en Europe. VIIIeme Atelier P.A.C.T. Eu­rethno. 19-23 septembre 1994. Budapest. Textes réunis par Kincso Verebélyi. Budapest, Separatum ex Acta Ethnographica Hungarica 40. (3-4), 1996: 403-408 (in collaborazione con Maria Federico)
“The European ethnology of Alberto Mario Cirese”. Europaea, 2. (1996), n. 1: 143-162 (in collaborazione con Pietro Clemente)
“Palinsesti urbani. Luoghi e non luoghi delle scritture pubbliche clan­destine”. Annali della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Siena, 20. (1999): 271-298 (in collaborazione con Pietro Clemente)
“Perché gli antropologi scrivono romanzi?”. Il Gallo Silvestre, n. 13, 2000: 164-179 (in collaborazione con Alberto Sobrero)
“La vita ci è cara. Note sulla narrativa di Giulio Angioni”. Archivio di Etnografia, 2. (2000), n. 1: 107-119
"Dodici anni, e il mare". In: Pietro Clemente, Triglie di scoglio. Tracce del Sessantotto cagliaritano. Cagliari, CUEC, 2002: 131-138
"Antropologia dei patrimoni culturali: sitografia ragionata". Antropologia museale, n. 1, maggio 2002: 60-65; e n. 2, ottobre 2002 61-66
"Animalscape". Antropologia museale, 3. (2004), n. 7: 45-47
“L’inglese, il computer, la rete: didattica e auto-formazione” In: C.M. Rita (a cura di), Le parole dell’antropologia in inglese. Roma, Aracne, 2005: 163-172
“«Armungia». Stage e paese: messa in scena, apprendistato e didattica dell‘antropologia”. Lares, 72. (2006), n. 1: 61-84 [stampa: maggio 2007]
“Occhiacci di vetro”. In Il cannocchiale sulle retrovie. Pietro Clemente: il mestiere dell’antropologo. A cura di Alberto Sobrero. Roma, CISU, 2012: 245-46
“D’amore e di calcio: comizi per Pasolini”. Primapersona, 15. (2013), n. 27: 73-83
“Centouno e più di mille. Storia e storiografia dell’antropologia italiana”. L’Uomo. Società Tradizione Sviluppo, 2013, n. 1-2: 239-251
“Itinerari delle ricerche in Lucania”. In E. de Martino, Sud e magia. A cura di F. Dei e A. Fanelli. Roma, Donzelli, 2015: 291-303
Lares, dedicato a Lamberto Loria. Presentazione, Roma, 23 novembre 2015 [recensione:]”. Archivio Antropologico Mediterraneo, 18. (2015), n. 17 (2): 170-173 [on line: http://www.archivioantropologicomediterraneo.it/riviste/estratti_17-2/estratti_17-2_12.pdf ]

E infine la partecipazione ai progetti:
METL. Musei etnografici della Toscana e del Lazio. Direzione della ricerca: Pietro Clemente. Coordinamento: Riccardo Putti per la To­scana; Maria Federico ed Eugenio Testa per il Lazio. Realizzazione presso: Università di Siena, Centro Televisivo d’Ateneo, 1997 (lavoro realizzato nell‘ambito del Progetto Strategico Beni Culturali del CNR) [compact disc: Siena, Università degli Studi - Centro Televisivo d’Ateneo, 1997; sito Internet http://www.cta.unisi.it]
Conversazioni con Alberto M. Cirese. Filmato di Riccardo Putti e Eugenio Testa. Roma-Siena 2001, 38‘ (lavoro realizzato nell‘ambito del Progetto Finalizzato Beni Culturali del CNR)

 
 
 


Nessuna pubblicazione disponibile.

Nessuna dispensa disponibile.

Nessun appello di esame disponibile.