Franco Dintino

Ordinario
L-FIL-LET/11 ( Letteratura italiana contemporanea )
Studi europei, americani e inter-culturali
Lettere (Città universitaria), quarto piano (ex III), stanza 24
Telefono 06-4991.3160
Visualizza programmi a.a. 2021-2022  a.a. 2020-2021
Ricevimento

Il ricevimento si tiene, in presenza o in forma telematica a seconda delle esigenze, in giorni variabili e su prenotazione a causa della grande quantità di impegni accademici annunciati con pochissimo preavviso. E' necessario mandarmi una email.
 

Date degli appelli 2021-2022
Sab 20 Nov 2021 Ven 30 Set 2022

- dal 17 al 22 gennaio: 1° appello sessione invernale (iscrizioni dal 22 dicembre al 2 gennaio)

- dal 31 gennaio al 5 febbraio: 2° appello sessione invernale (iscrizioni dal 7 gennaio al 16 gennaio)

- dal 14 al 19 febbraio: 3° appello sessione invernale (iscrizioni dal 20 gennaio al 30 gennaio)

 

- dal 13 giugno al 17 giugno: 1° appello sessione estiva (iscrizioni dal 20 maggio al 29 maggio)

- dall’11 luglio al 16 luglio: 2° appello sessione estiva (iscrizioni dal 16 giugno al 26 giugno)

 

- dall’8 al 9 settembre: 1° appello sessione settembre (iscrizioni dal 13 agosto al 20 agosto)

- dal 20 al 24 settembre: 2° appello sessione settembre (iscrizioni dal 25 agosto al 5 settembre)

Italiano

Nato a Roma, ha conseguito la laurea alla Sapienza e il dottorato di ricerca a Roma Tre. Ha insegnato nelle università di Amsterdam (NL) e di Birmingham (UK), poi all’Università di Perugia, infine alla Sapienza (dal 2006).

Nel 2007/2008 è stato “fellow” dell’Italian Academy for Advanced Studies (Columbia University, New York), nel 2009 Visiting Professor all’Università di Sana’a (Yemen).
I suoi interessi prevalenti sono: i generi autobiografici (L’autobiografia moderna, seconda edizione rivista e ampliata Roma, Bulzoni, 1999), la cultura europea tra Settecento e Ottocento, e soprattutto Giacomo Leopardi, del quale ha curato l‘edizione critica degli Scritti e frammenti autobiografici (Roma, Salerno editrice, 1995), le traduzioni dai Poeti greci e latini (ivi, 1999) e l’edizione critica dei Volgarizzamenti in prosa (Venezia, Marsilio, 2012). Sull’opera e il pensiero di Leopardi ha anche pubblicato molti saggi, tra i quali il volume L’immagine della voce. Leopardi, Platone e il libro morale (Venezia, Marsilio, 2009).
Ha scritto e pubblicato anche su Pirandello (L’antro della bestia. Le novelle per un anno di L. Pirandello, Caltanissetta, Sciascia, 1992), sulla letteratura nella stampa ottocentesca italiana (I periodici letterari dell’Ottocento. Indice ragionato (collaboratori e testate), Milano, Franco Angeli, 1990; Stampa e letteratura. Spazi e generi nei quotidiani italiani dell’Ottocento, Milano, Franco Angeli, 1996, entrambi con A. Briganti e C. Cattarulla), sulla ricezione della letteratura italiana novecentesca all‘estero (Il Novecento italiano oltrefrontiera, in Il Novecento. Scenari di fine secolo, a cura di N. Borsellino e L. Felici, Milano, Garzanti, 2001, vol. 1, pp. 919-995). Ha scritto saggi su questioni teoriche e di letteratura comparata su Defoe, Richardson, Rousseau, Goethe, Alfieri, Sade, Wordsworth, Coleridge, Novalis, Kleist, F. Schlegel, Stendhal, Foscolo e Alfred de Musset, del quale ha curato La confessione di un figlio del secolo (Fazi, Roma 2003).
È membro del Comitato scientifico del “Centro Nazionale di Studi Leopardiani”, direttore, dal 1998, del «Leopardi Centre» (University of Birmingham: http://www.birmingham.ac.uk/research/activity/leopardi), direttore del «Laboratorio Leopardi» (presso la Scuola Superiore di Studi Avanzati di Sapienza [https://web.uniroma1.it/lableopardi/]), condirettore della collana di “testi e studi leopardiani” presso Marsilio, membro del comitato scientifico della “Rivista internazionale di studi leopardiani”.

Ha diretto - insieme con Michael Caesar - un progetto di ricerca finanziato dall’“Arts & Humanities Research Council” (2008-2010) e ha curato - sempre con Michael Caesar - l’edizione integrale in inglese dello Zibaldone di Leopardi (New York, Farrar Straus & Giroux; Londra, Penguin, 2013, 2015 [II ed. rivista]).
Concorda con Montaigne che “Les premieres et universelles raisons sont de difficile perscrutation”, e che “Rien de noble ne se faict sans hazard”.


Inglese

Franco D’Intino was born in Rome, and got his degree at Sapienza, his PhD at Roma Tre.

He has taught at the universities of Amsterdam (NL), Birmingham (UK), and Perugia. Since 2006 he teaches Modern Italian Literature at Sapienza. He has been fellow of the Italian Academy for Advanced Studies in America (Columbia University, New York) in 2007/2008, and Visiting Professor at Sana’a University (Yemen) in 2009.

His main research interests are: the autobiographical genres (L’autobiografia moderna, second revised and augmented edition Rome, Bulzoni, 1999), European culture and literature in the Eighteenth and Nineteenth centuries, in particular Giacomo Leopardi. He has edited Leopardi’s autobiographical writings (Scritti e frammenti autobiografici, critical edition, Rome, Salerno editrice, 1995), his translations in verse from Greek and Latin (Poeti greci e latini, Rome, Salerno editrice, 1999) and his prose translations from Greek (Volgarizzamenti in prosa, critical edition, Venice, Marsilio, 2012); he has also published a great number of essays on Leopardi’s thought and works (most recently the volume L’immagine della voce. Leopardi, Platone e il libro morale, Venice, Marsilio, 2009).
He has also written on Pirandello (L’antro della bestia. Le novelle per un anno di L. Pirandello, Caltanissetta, Sciascia, 1992), on literature and journalism in the Nineteenth century (I periodici letterari dell’Ottocento. Indice ragionato (collaboratori e testate), Milan, Franco Angeli, 1990; Stampa e letteratura. Spazi e generi nei quotidiani italiani dell’Ottocento, Milan, Franco Angeli, 1996, both with A. Briganti and C. Cattarulla); on the reception of Twentieth-century Italian literature abroad (‘Il Novecento italiano oltrefrontiera’, in Il Novecento. Scenari di fine secolo, ed. by N. Borsellino and L. Felici, Milan, Garzanti, 2001, vol. 1, pp. 919-995), and on theoretical issues in a comparative perspective on Defoe, Richardson, Rousseau, Goethe, Alfieri, Sade, Wordsworth, Coleridge, Novalis, F. Schlegel, Stendhal, Foscolo, and Alfred de Musset (his edition of Musset’s novel was published with the title La confessione di un figlio del secolo by Fazi, Rome 2003).
He is a member of the Scientific Committee of the “Centro Nazionale di Studi Leopardiani”; since 1998; Director of the «Leopardi Centre» (University of Birmingham,http://www.birmingham.ac.uk/research/activity/leopardi); Director of the «Leopardi Centre» (School for Advanced Studies Sapienza [https://web.uniroma1.it/lableopardi/]); co-Director of the series “testi e studi leopardiani” by Marsilio Editori; member of the Scientific Committee of the journal “Rivista internazionale di studi leopardiani”.

He has been awarded by the “Arts & Humanities Research Council” a grant for a research project on Leopardi’s Zibaldone co-directed with Michael Caesar (2008-2010). He has also edited, with Michael Caesar, the complete annotated edition of Leopardi’s Zibaldone in English (New York, Farrar Straus & Giroux; London, Penguin, 2013, II revised ed. 2015).
He agrees with Montaigne that “Les premieres et universelles raisons sont de difficile perscrutation”, and that “Rien de noble ne se faict sans hazard”.

 


Nessuna pubblicazione disponibile.

Nessuna dispensa disponibile.

Nessun appello di esame disponibile.

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma