Guido Dipalma

Associato
L-ART/05 ( Discipline dello spettacolo )
Storia Antropologia Religioni Arte Spettacolo
Vetrerie Sciarra stanza 307
Visualizza programmi a.a. 2021-2022  a.a. 2020-2021
Ricevimento

Ricevo tutti i martedì dalle ore 11 per Skype guidodipalma
Si prega di inviare un'email per prendere appuntamento.

ISTITUZIONI DI REGIA - CORSO MAGISTRALE
Mar 28 Set 2021 Ven 31 Dic 2021

ISTITUZIONI DI REGIA - CORSO MAGISTRALE

Alla fine dell' avviso troverete data d'inizio e lezioni settimanali
questo è il link per partecipare alle lezioni a distanza.
 
https://uniroma1.zoom.us/j/84521071723
ID riunione: 845 2107 1723
 
Inoltre sarebbe utile iscriversi a classroom che sarà utilizzato come luogo di scambio di materiali e informazioni. Questo il link d'invito:
 
https://classroom.google.com/c/Mzk4MTY4MDUyMjY1?cjc=emadadk
 
E ancora far parte del gruppo telegram dedicato al corso per scambiare velocemente informazioni e comunicazioni:
 
https://t.me/joinchat/VcEwfFwl69MzNTg0
 
PROGRAMMA
 
Peter Brook suonare a orecchio
 
Peter Brook insieme a Beckett, il Living Theatre, Jerzy Grotowsky, Eugenio Barba e Bob Wilson hanno rivoluzionato la scena della scena seconda metà del Novecento. 
Nell’opera di Brook teatro e cinema riverberano l’uno nell’altro contribuendo a tracciare un percorso verso il cuore dell’esperienza umana. Raccontano un'unica storia articolata tra composizione ed esperienza, artigianato e libertà, rozzezza e sacralità che, come la famosa metafora shakespeariana, regge uno specchio alla natura. Tuttavia le tappe di questo percorso non si limitano a un mero compito mimetico né si esauriscono nella ricerca della bella forma. Se lavoriamo nel cinema e nel teatro “[…] sappiamo - scrive Brook - che dobbiamo tendere, con tutte le forze, verso ciò che l’intera opera shakespeariana mostra: uno specchio attentamente lavato e lucidato che, strato dopo strato, rivela ciò che si nasconde nell’oscurità fino a quando, per un istante, la luce vi penetra e lo specchio svanisce; non c’è più chi vede e chi è visto e siamo toccati nel fondo di noi stessi; allora la natura umana, con nostro vivo stupore, si rivela e noi e lo specchio siamo diventati una cosa sola".
Il corso prende in esame, attraverso l’analisi di alcuni spettacoli e di alcuni film, le tappe di questo progressivo spostamento degli interessi di Brook dalla composizione figurativa dello spettacolo, verso la creazione di uno spazio in cui la relazione tra spettacolo, l’attore e il pubblico diventa l’elemento strutturante del suo lavoro.  
Programma inglese
 
Valutazione
- Prova orale
 
Bibliografia per l’esame
Peter Brook, Lo spazio vuoto, Roma, Bulzoni.
Peter Brook, La qualità del perdono, Roma, Audino.
Peter Brook, La porta aperta, Torino, Einaudi.
Peter Brook, Il punto in movimento, Roma, Audino.
Peter Brook, Il segreto è il dettaglio, Roma, Audino.
 
Guido Di Palma, Peter Brook e la scena: dallo spazio della composizione allo spazio di relazione, in “Culture Teatrali” a cura di Elena Tamburini, vol. 15, 2006 (http://www.lettere.uniroma1.it/view-m-didattici_all/367)
 
I non frequentanti devono aggiungere:
Franco Perrelli, i maestri della ricerca teatrale, Bari, Laterza.
 
Orario Lezioni
Mercoledì 17.00 - 20.00 (RM103 Aula XI - PIANO TERRA)
Giovedì 17.00 - 20.00 (RM103 Aula XI - PIANO TERRA)
Inizio lezioni: Mercoledì 29 Settembre 2021
STORIA DEL TEATRO E DELLO SPETTACOLO A-L 2021-22
Mer 15 Set 2021 Gio 30 Dic 2021

Chi intendere seguire il corso di storia del teatro e dello spettacolo è invitato a iscriversi su classroom.

questo è il link d'invito: 

https://classroom.google.com/c/MzkwODYzMjE0OTY2?cjc=2yh6snf

questo il link per seguire a distanza (il link è ricorrente):

https://uniroma1.zoom.us/j/89930099433

è anche auspicabile che coloro che sono interessati si iscrivino al gruppo telegram che ho creato per scambiare rapidamente files e informazioni ecc. questo è il link d'invito:

https://t.me/joinchat/Nu_iSAlvK000YjJk

Ci vediamo a lezione al netto di evenuali quarantene.

Italiano

Si è laureato al DAMS dell’Università di Bologna con una tesi in storiografia dello spettacolo con Fabrizio Cruciani e Claudio Meldolesi. Ha conseguito un dottorato di ricerca in etnoantropologia  “mito rito e spettacolo” con Luigi L. Lombardi Satriani. E' stato programmista regista presso la Sede Regionale Siciliana della RAi e dal 1983 al 1987 responsabile della sezione audiovisivi del Centro Teatro Ateneo.
Ha lavorato presso il Laboratorio Teatrale Universitario dell' Università di Palermo  e ha collaborato con il giornale "L'Ora di Palermo alla pagina culturale e come critico musicale. Ha insegnato storia dello spettacolo in varie Accademia di Belle Arti italiane tra cui Brera e Urbino. Ha lavorato a lungo presso la cattedra di Metodologia della Critica dello Spettacolo all‘Università di Roma La Sapienza. E‘ stato professore a contratto all‘Università di Tor Vergata e ha insegnato antropologia del teatro presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell‘Università di Roma “La Sapienza” nell‘ambito del corso di laurea in Teorie e pratiche dell‘ antropologia.
Per dieci anni ha tenuto l’insegnamento di storia della regia all‘Accademia Nazionale d‘Arte Drammatica Silvio d‘Amico;  dal 2006 al 2012 ha fatto parte del Consiglio Accademico partecipando attivamente al rinnovamento dell’ Accademia. E’ uno degli estensori del nuovo statuto e ha contribuito in modo determinare a elaborare le declaratorie e gli ordinamenti didattici delle scuole di regia, recitazione e, in particolare, della scuola del teatro di figura. È stato direttore del diploma specialistico in Pedagogia Teatrale. Fa parte del Consiglio Direttivo del Centro Teatro Ateneo dell’ Università di Roma “Sapienza”.
Collabora con varie riviste scientifiche ed ha partecipato a diversi convegni internazionali. Tra i suoi interessi i legami della cultura orale con il teatro e con i sistemi di trasmissione dei saperi performativi, coltivati anche in seno al gruppo internazionale di ricerca “Spectacle vivante e sciences humaines” della Maison de Sciences de l’Homme di Parigi. Attualmente studia le pratiche attoriali nel teatro popolare, nel teatro di figura e nel teatro di regia. Si occupa, inoltre, dell’uso delle tecnologie audiovisive e dei new media nei sistemi museali, nella didattica e nella ricerca sul teatro e lo spettacolo.
Tra le ultime pubblicazioni:
Dario Fo und die italienische Theatertradition, in “Akteure und ihre Praktiken im Diskurs. Aufsätze”, Universitätsverlag2012;
Pensare lo spettacolo, Michele Galdieri tra Eduardo e Totò, Bulzoni, 2012;
I cartelloni dell'opera dei pupi di area palermitana, Lulu, 2011;
Corps Du Théâtre / Il Corpo Del Teatro. organicité, contemporanéité, interculturalité / organicità, contemporaneità, interculturalità, in collaborazione con U. Birbauner e M. Hüttler, Verlag Lehner Hollitzer Wissenschaftsverlag, 2010;
Antonio Clemente, in società de Curtis e in arte Totò, Biblioteca Teatrale, 2010;
Peter Brook e la scena: dallo spazio della composizione allo spazio di relazione(1945-1962), Culture teatrali, 2006;
Un testimone dell‘ apocalisse, tradizione e invenzione nella fabulazione di Ascanio Celestini, in “L‘invenzione della memoria, il teatro di Ascanio Celestini”, Il Principe Costante, 2005;
Tra i documentari  realizzati recentemente: due dvd su Mimmo Cuticchio, La spada di Celano e  Gran duello di Orlando e Rinaldo per amore della bella Angelica con un ricco apparato critico (2011) e il breve documentario Bruno Leone, teatro di strada, due frammenti (2011).


Inglese

He holds a MA from the Bologna University DAMS (Department of Arts, Music and Drama) - where he defended a thesis in History of Theatre (Tutors: Fabrizio Cruciani and Claudio Meldolesi) - and a PhD in Etnoanthropology (“Mith, Rite and Performance”, tutor: Luigi L. Lombardi Satriani). He worked as a director for RAI and, from 1983 to 1987, was the head of the audiovisual department at Centro Teatro Ateneo.
He worked for the University Theatre Laboratory of the University of Palermo and collaborated as a musical critic with the newspaper “L’Ora” of Palermo, also writing in the cultural page. He taught History of Theatre in many Italian academies of Fine Arts (also in Brera and Urbino). For a long time, he collaborated to the teaching of Methodology of Theatre Critics at the Sapienza University of Rome. He also taught at the University of Tor Vergata and within the degree course of Anthropology Theories and Practices of the Faculty of Letters and Philosophy of the Sapienza University of Rome.
 
For ten years he taught History of Directing at the Silvio D’Amico National Academic of Dramatic Art, where, from 2006 to 2012, he was also part the Academic Council, actively participating to the Academy renewal, writing the new statute and setting up the new organization for the schools of directing, of acting and of puppetry theatre. At the Academy, he was also the director of the Theatre Pedagogy diploma. He is part of the Directive Council of the Centro Teatro Ateneo of the Sapienza University of Rome.
He collaborates with different academic journals and participated to various international symposia. Among his interests there is the study of the relationships between the intangible culture, the theatre and the systems for the transmission of performance knowledge, that he cultivated also within the international research group “Spectacle vivante e sciences humaines” of the Maison de Sciences de l’Homme (Paris). He is currently studying the acting practices in folk theatre, puppetry theatre and Theatre of Directing. He also studies the usage of audiovisual technologies and new media in museums, theatre research and for didactic purposes.
 
Publications include:
Dario Fo und die italienische Theatertradition, in “Akteure und ihre Praktiken im Diskurs. Aufsätze”, Universitätsverlag2012;
Pensare lo spettacolo, Michele Galdieri tra Eduardo e Totò, Bulzoni, 2012;
I cartelloni dell'opera dei pupi di area palermitana, Lulu, 2011;
Corps Du Théâtre / Il Corpo Del Teatro. organicité, contemporanéité, interculturalité / organicità, contemporaneità, interculturalità, in collaboration with U. Birbauner e M. Hüttler, Verlag Lehner Hollitzer Wissenschaftsverlag, 2010;
Antonio Clemente, in società de Curtis e in arte Totò, Biblioteca Teatrale, 2010;
Peter Brook e la scena: dallo spazio della composizione allo spazio di relazione(1945-1962), Culture teatrali, 2006;
Un testimone dell‘ apocalisse, tradizione e invenzione nella fabulazione di Ascanio Celestini, in “L‘invenzione della memoria, il teatro di Ascanio Celestini”, Il Principe Costante, 2005;
Some of the last works he produced are: two dvds on Mimmo Cuticchio that also present a rich critical analysis (La spada di Celano andGran duello di Orlando e Rinaldo per amore della bella Angelica, 2011) and the brief documentaryBruno Leone, teatro di strada, due frammenti (2011).


E' presente 1 pubblicazione. Visualizza

Sono presenti 2 dispense. Visualizza

ATTENZIONE LE DATE POSSONO SUBIRE DELLE VARIAZIONI FA FEDE LA DATA PUBBLICATA SU INFOSTUD.
STORIA DEL TEATRO
28/01/21 - Ore 15
13/02/21 - Ore 09
22/02/21 - Ore 15
STORIA DELLA REGIA E ISTITUZIONI DI REGIA
29/01/21 - Ore 10
09/02/21- Ore 10
23/02/21 - Ore 10

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma