Luca Marchetti

Associato
M-FIL/04 ( Estetica )
Filosofia
stanza 203, II piano, Dipartimento di Filosofia (Villa Mirafiori - Via Carlo Fea, 2)
Telefono 06/49917207
Visualizza programmi a.a. 2019-2020  a.a. 2018-2019
Ricevimento

 
 
 
 
ESAMI ONLINE  -  SESSIONE ESTIVA
Gli esami della sessione estiva si svolgono esclusivamente online attraverso la piattaforma google Meet
Le modalità dell'esame sono indicate all'interno della piattaforma google Classroom. Si accede con il codice: 5dhciei
Gli appelli della sessione estiva sono aggiornati come segue:
16  giugno  2020
30  giugno  2020
21  luglio  2020
 
 
 
 
LEZIONI ONLINE  -  LAUREA TRIENNALE
Le lezioni online del corso Triennale di Estetica si svolgono attraverso la piattaforma google Classrom
All’interno della classe sono riportate tutte le indicazioni sullo svolgimento delle lezioni e degli esami
Per entrare e iscriversi alla classe Estetica L inserire il codice:

  • vdvxzbh      Estetica L - corso di laurea Triennale:  Estetica analitica

 
 
 
 
LEZIONI ONLINE  -  LAUREA MAGISTRALE
Le lezioni online del corso Magistrale di Estetica si svolgeranno attraverso le piattaforme google Classrom e google Meet
Per entrare e iscriversi alla classe Estetica LM inserire il codice:
All’interno della classe sono riportate tutte le indicazioni sullo svolgimento delle lezioni e degli esami

  • wab3m26      Estetica LM - corso di laurea Magistrale:  Emozioni, espressioni, reazioni estetiche

 
 
 
 
DOTTORATO DI RICERCA
Il modulo seminariale di Estetica è rinviato a luglio
 
 
 
 
TESI DI LAUREA
Per la tesi di Laurea Triennale e Magistrale si invitano gli studenti a leggere le indicazioni riportate in PDF nella sezione Dispense
 
 
 
 
QUESTIONARIO OPIS
Per la compilazione del questionario OPIS si invitano gli studenti a leggere le indicazioni riportate in PDF nella sezione Dispense
 
 
 
 
APPELLI STRAORDINARI
L'autocertificazione richiesta per gli appelli straordinari va consegnata o inviata al docente una settimana prima del giorno dell'appello. Il modulo si trova nella sezione Dispense 
 
 
 

ESTETICA a.a. 2019-20 - Laurea Triennale - I semestre
Mer 28 Ago 2019 Ven 31 Ott 2025

Estetica analitica

Il corso si propone di affrontare il problema della definizione dell’arte attraverso l’analisi di uno dei classici della filosofia: Ludwig Wittgenstein. A partire dalla nozione wittgensteiniana di “somiglianze di famiglia” verranno analizzate alcune prospettive anti-essenzialiste, con particolare riferimento alle nozioni di “concetto aperto” di Morris Weitz e di “cluster concept” di Berys Gaut. Analoga attenzione verrà dedicata alla distinzione tra teorie “funzionali” e “procedurali”, così come tra teorie “istituzionali” e teorie “storico-ricorsive”. Attraverso il problema della definizione dell’arte il corso si propone di delineare alcune questioni centrali dell’estetica analitica contemporanea, che permettano di restituire lo sfondo teorico e la complessità del dibattito in corso.

 

PROGRAMMA D'ESAME

Per sostenere l'esame si dovranno portare tutti i seguenti testi d'esame:

1)  L. Wittgenstein, Ricerche filosofiche, Einaudi (soltanto i paragrafi: da 1 a 242; e da 518 a 532).

2)  M. Weitz, Il ruolo della teoria in estetica, in Kobau, Matteucci, Velotti (a cura di), Estetica e filosofia analitica, il Mulino, 2007, pp. 13-27.

3)  M. Weitz, Arte come concetto aperto, in S. Chiodo (a cura di), Che cosa è arte, Utet, 2007, pp. 44-53.

4)  M.C. Beardsley, Le definizioni delle arti, in Kobau, Matteucci, Velotti (a cura di), Estetica e filosofia analitica, il Mulino, 2007, pp. 29-53.

5)  G. Dickie, La nuova teoria istituzionale dell'arte, in S. Chiodo (a cura di), Che cosa è arte, Utet, 2007, pp. 85-97.

6)  J. Levinson, Una definizione storica dell'arte, in S. Chiodo (a cura di), Che cosa è arte, Utet, 2007, pp. 54-74.

 

PROGRAMMA D'ESAME NON FREQUENTANTI

Gli studenti che non hanno frequentato o che hanno frequentato “parzialmente” il corso sono invitati a leggere anche la seguente bibliografia integrativa:

a)  L. Perissinotto, Wittgenstein. Una guida, Feltrinelli, Milano, 2008.

b) L. Marchetti, Oltre l’immagine. Rappresentazione e filosofia in Wittgenstein e Rorty, Mimesis, Milano, 2009.

 

 

ESTETICA a.a. 2019-20 - Laurea Triennale - II semestre
Mar 27 Ago 2019 Ven 31 Ott 2025

Estetica analitica

Il corso si propone di affrontare il problema dell’ontologia dell’opera dell’arte, attraverso la riflessione di uno dei protagonisti dell’estetica analitica: Arthur Coleman Danto. La sua filosofia dell’arte verrà analizzata con particolare riferimento ad alcune nozioni chiave, quali: “indiscernibili”, “aboutness”, “embodiment”, “identificazione artistica”, “interpretazione costitutiva” e “mondo dell’arte”. In questo quadro teorico l’analisi della teoria di Danto permetterà di ripensare il rapporto tra arte e realtà all’interno della produzione artistica contemporanea. Il problema ontologico dell’opera d’arte verrà affrontato anche mettendo a confronto due ulteriori teorie: da un lato, la teoria dualista di Nicholas Wolterstorff, che distingue ontologicamente l’opera d’arte dalle sue “manifestazioni” o “esecuzioni”; dall’altro lato, quella di Joseph Margolis, che promuove un “realismo culturale” nel quale esistono soltanto le “manifestazioni” dell’opera. Attraverso il problema dello statuto ontologico dell’opera d’arte il corso si propone di delineare alcune questioni centrali dell’estetica analitica contemporanea, che permettano di restituire lo sfondo teorico e la complessità del dibattito in corso.

 

PROGRAMMA D'ESAME

Per sostenere l'esame si dovranno portare tutti i seguenti testi d'esame:

1)  A.C. Danto, La trasfigurazione del banale, Laterza, 2008 (testo intero).

2)  A.C. Danto, La destituzione filosofica dell'arte, Aesthetica, 2008 (soltanto pp. 61-97).

3)  A.C. Danto, Dopo la fine dell'arte. L'arte contemporanea e il confine della storia, Bruno Mondadori, 2008 (soltanto pp. 202-230).

4)  N. Wolterstorff, Verso un'ontologia delle opere d'arte, in Kobau, Matteucci, Velotti (a cura di), Estetica e filosofia analitica, il Mulino, 2007, pp. 111-139.

5)  J. Margolis, La peculiarità ontologica delle opere d'arte, in Kobau, Matteucci, Velotti (a cura di), Estetica e filosofia analitica, il Mulino, 2007, pp. 141-150.

6)  J. Margolis, Ma allora, che cos'è un'opera d'arte? Lezioni di filosofia dell'arte, Mimesis, 2011 (soltanto pp. 97-135).

 

PROGRAMMA D'ESAME NON FREQUENTANTI

Gli studenti che non hanno frequentato o che hanno frequentato “parzialmente” il corso sono invitati a leggere anche la seguente bibliografia integrativa:

a)  L. Marchetti, Oggetti semi-opachi. Sulla filosofia dell’arte di Arthur C. Danto, AlboVersorio, Milano, 2009.

 

 

ESTETICA a.a. 2019-20 - Laurea Magistrale - II semestre
lun 26 Ago 2019 Ven 31 Ott 2025

Emozioni, espressioni, reazioni estetiche

Il corso si propone di affrontare il nesso tra “emozioni” e “reazioni estetiche” nella filosofia di Ludwig Wittgenstein, con particolare attenzione alle nozioni di “reazioni primitive”, “grammatica” e “interno”. Sullo sfondo del più generale rapporto tra mente e corpo, il corso proverà a ripensare la natura espressiva delle emozioni e delle reazioni estetiche. A tale scopo verranno analizzate alcune recenti interpretazioni di Wittgenstein per comprendere: (1) il funzionamento cognitivo delle emozioni e il rapporto tra emozioni e linguaggio; (2) il nesso tra emozioni, reazioni estetiche e giudizio estetico, con particolare riferimento alle Lezioni sull’estetica di Wittgenstein. Attraverso il problema delle reazioni estetiche il corso si propone di delineare alcune questioni centrali dell’estetica analitica contemporanea, che permettano di restituire lo sfondo teorico e la complessità del dibattito contemporaneo.

 

PROGRAMMA D'ESAME

Per sostenere l'esame si dovranno portare tutti i seguenti testi d'esame:

1)  L. Wittgenstein, Ricerche filosofiche, Einaudi (parte I, paragrafi: 1-315; parte II, capitoli: I, XII, XIV).

2)  L. Wittgenstein, Osservazioni sulla filosofia della psicologia, Adelphi (parte II, paragrafi: 63-92; 148-174).

3)  L. Wittgenstein, Lezioni sull’estetica, in L. Wittgenstein, Lezioni e conversazioni, Adelphi, pp. 45-107.

4)  Testi discussi in classe di: L. Hertzberg, P. Hutchinson, M. McEachrane J. Schulte

 

PROGRAMMA D'ESAME NON FREQUENTANTI

Gli studenti che non hanno frequentato o che hanno frequentato “parzialmente” il corso sono invitati a leggere anche la seguente bibliografia integrativa:

a)  L. Perissinotto, Introduzione a Wittgenstein, il Mulino, Bologna, 2018.

 

 

ESTETICA a.a. 2018-19
lun 24 Set 2018 Gio 31 Ott 2024

Schematismo estetico e immagini digitali

Il corso intende affrontare la questione dell’immagine attraverso il rapporto tra la nozione di “regola” di Ludwig Wittgenstein e quella kantiana di “immagine-schema” analizzata da Emilio Garroni. Particolare attenzione verrà dedicata ai concetti di “seguire una regola”, di “somiglianze di famiglia” e di “aggregato”. A partire da questo quadro teorico e attraverso la lettura di W.J.T Mitchell e B. Stiegler, il corso affronterà alcuni problemi relativi al dibattito estetico contemporaneo sulle “immagini digitali”. In particolare, verrà affrontato il problema dell’analogia/iconicità e quello del realismo/indessicalità delle immagini digitali.

 

PROGRAMMA D’ESAME

Per sostenere l’esame si dovranno portare tutti i seguenti testi:

1)  L. Wittgenstein, Ricerche filosofiche, Einaudi (soltanto i paragrafi: da 1 a 242; e da 518 a 532)

2)  E. Garroni, Immagine Linguaggio Figura. Osservazioni e ipotesi, Laterza (testo intero)

3)  W.J.T. Mitchell, Realismo e immagine digitale, in W.J.T. Mitchell, Pictorial turn, Raffaello Cortina (pagine: 197-215)

4)  B. Stiegler, L’immagine discreta, in J. Derrida, B. Stiegler, Ecografie della televisione, Raffaello Cortina (pagine: 163-184)

 

PROGRAMMA D'ESAME NON FREQUENTANTI

Gli studenti che non hanno frequentato o che hanno frequentato “parzialmente” il corso sono invitati a leggere anche la seguente bibliografia integrativa:

a)  L. Marchetti, Oltre l’immagine. Rappresentazione e filosofia in Wittgenstein e Rorty, Mimesis, Milano, 2009.

b)  L. Perissinotto, Wittgenstein. Una guida, Feltrinelli, Milano, 2008.

 

 

ESTETICA a.a. 2017-18
lun 23 Apr 2018 Mar 31 Ott 2023

PROGRAMMA D'ESAME

Per sostenere l’esame si dovranno portare tutti i seguenti testi:

1)  H. Belting, La fine della storia dell’arte o la libertà dell’arte, Einaudi, Torino, 1990.

2)  H. Belting, Antropologia delle immagini, Carocci, Roma, 2013; soltanto: cap. 1-2-3 (pp. 9-108).

3)  A.C. Danto, La destituzione filosofica dell’arte, Aesthetica, Palermo, 2008; soltanto: cap. 2 e 5 (pp. 61-79 e 109-136)

4)  A.C. Danto, Dopo la fine dell’arte. L’arte contemporanea e il confine della storia, Bruno Mondadori, Milano, 2008; soltanto: cap. 1-2-3-4-5-6-11 (pp. 1-118 e 202-230)

5)  J. Margolis, Ma allora, che cos’è un’opera d’arte? Lezioni di filosofia dell’arte, Mimesis, Milano, 2011; soltanto: cap. 1 (pp. 37-65)

 

PROGRAMMA D'ESAME NON FREQUENTANTI

Gli studenti che non hanno frequentato o che hanno frequentato “parzialmente” il corso sono invitati a leggere anche la seguente bibliografia integrativa:

a)  L. Marchetti, Oggetti semi-opachi. Sulla filosofia dell’arte di Arthur C. Danto, AlboVersorio, Milano, 2009.

b)  L. Marchetti, Il futuro dell'arte. Hans Belting e Peter Osborne, Mimesis, Milano, 2018 (in stampa)

 

 

FILOSOFIA DEL LINGUAGGIO - Arti e scienze dello spettacolo a.a. 2016-17
Mer 03 Mag 2017 lun 31 Ott 2022

PROGRAMMA D'ESAME

Per sostenere l’esame si dovranno portare tutti i seguenti testi:

1)  L. Wittgenstein, Ricerche filosofiche, Einaudi (soltanto: paragrafi 1-242, paragrafi 518-532, e il cap. XI).

2)  S. Cavell, La riscoperta dell’ordinario, Carocci (soltanto: capp. 1, 2, 4, 7).

3)  E. Garroni, Immagine Linguaggio Figura, Laterza.

 

PROGRAMMA D'ESAME NON FREQUENTANTI

Gli studenti che non hanno frequentato o che hanno frequentato “parzialmente” il corso sono invitati a leggere anche la seguente bibliografia integrativa:

a)  L. Marchetti, Il corpo dell’immagine. Percezione e rappresentazione in Wittgenstein e Wollheim, Mimesis, Milano, 2012.

 

--- --- ---

Gli studenti del corso di laurea in Arti e scienze dello spettacolo che intendono sostenere sia l'esame di Estetica a.a. 2016-17 sia l'esame di Filosofia del lnguaggio a.a. 2016-17 dovranno concordare con il docente una integrazione al programma d'esame.

 

 

ESTETICA a.a. 2016-17
Ven 30 Set 2016 lun 31 Ott 2022

PROGRAMMA D'ESAME

Per sostenere l’esame si dovranno portare tutti i seguenti testi:

1)  L. Wittgenstein, Ricerche filosofiche, Einaudi (soltanto: paragrafi 1-242, paragrafi 518-532, e il cap. XI).

2)  S. Cavell, La riscoperta dell’ordinario, Carocci (soltanto: capp. 1, 2, 4, 7).

3)  E. Garroni, Immagine Linguaggio Figura, Laterza.

 

PROGRAMMA D'ESAME NON FREQUENTANTI

Gli studenti che non hanno frequentato o che hanno frequentato “parzialmente” il corso sono invitati a leggere anche la seguente bibliografia integrativa:

a)  L. Marchetti, Il corpo dell’immagine. Percezione e rappresentazione in Wittgenstein e Wollheim, Mimesis, Milano, 2012.

 

--- --- ---

Gli studenti del corso di laurea in Arti e scienze dello spettacolo che intendono sostenere sia l'esame di Estetica a.a. 2016-17 sia l'esame di Filosofia del lnguaggio a.a. 2016-17 dovranno concordare  con il docente una integrazione al programma d'esame.

 

 

ESTETICA - a.a. 2015-16
Mer 30 Set 2015 Dom 31 Ott 2021

PROGRAMMA D'ESAME

Per sostenere l’esame si dovranno portare tutti i seguenti testi:

1)  L. Wittgenstein, Ricerche filosofiche, Einaudi (soltanto i §§ 1-242; 518-532).

2)  L. Wittgenstein, Della certezza, Einaudi (soltanto i §§ 1-21; 94-115; 204-205; 559).

3)  L. Wittgenstein, Lezioni sull’estetica, in L. Wittgenstein, Lezioni e conversazioni, Adelphi, pp. 49-107.

4)  L. Wittgenstein, Note sul Ramo d’oro di Frazer, Adelphi (tutto).

5)  S. Cavell, La riscoperta dell’ordinario, Carocci (soltanto: pp. 25-79; pp. 227-253).

6)  G. Di Giacomo, Arte e modernità. Una guida filosofica, Carocci.

 

PROGRAMMA D'ESAME NON FREQUENTANTI

Gli studenti che non hanno frequentato o che hanno frequentato “parzialmente” il corso sono invitati a leggere anche la seguente bibliografia integrativa:

a)  L. Marchetti, Oltre l’immagine. Rappresentazione e filosofia in Wittgenstein e Rorty, Mimesis, 2009.

b)  L. Perissinotto, Wittgenstein. Una guida, Feltrinelli, 2008.

c)  D. Sparti, Postfazione. Fra scetticismo e riconoscimento, in S. Cavell, La riscoperta dell’ordinario, Carocci, 2001, pp. 412-423.

 

 

ESTETICA - a.a. 2014-15
Mar 30 Set 2014 Sab 31 Ott 2020

PROGRAMMA D'ESAME

Per sostenere l’esame si dovranno portare tutti i seguenti testi:

1) L. Wittgenstein, Ricerche filosofiche, Einaudi (soltanto: parte I, paragrafi 518-532; e parte II, cap XI, pp. 255-298).

2) R. Wollheim, Vedere-come, vedere-in e rappresentazione pittorica, in R. Wollheim, L’arte e I suoi oggetti, Marinotti, 2013, pp. 131-146.

3) A.C. Danto, Interpretazione e identificazione, in A.C. Danto, La trasfigurazione del banale, Laterza, 2008, pp. 139-164.

4) J. Margolis, “Vedere-in”, “finzione”, “trasfigurazione”. La percezione della rappresentazione pittorica, in G. Matteucci (a cura di), Elementi di estetica analitica, «Discipline filosofiche», XV, 2, Quodlibet, 2005, pp. 43-58.

5) J. Margolis, La peculiarità ontologica delle opere d’arte, in P. Kobau, G. Matteucci, S. Velotti (a cura di), Estetica e filosofia analitica, il Mulino, Bologna, 2007, pp. 141-150.

6) A.C. Danto, La fine dell’arte, in A.C. Danto, La destituzione filosofica dell’arte, Aesthetica, Palermo, 2008, pp. 109-136.

7) A.C. Danto, A trent’anni dalla fine dell’arte, in A.C. Danto, Dopo la fine dell’arte. L’arte contemporanea e il confine della storia, Bruno Mondadori, 2008, pp. 19-38.

8) J. Margolis, La storia dell’arte dopo la fine della storia dell’arte, in J. Margolis, Ma allora, che cos’è un’opera d’arte? Lezioni di filosofia dell’arte, Mimesis, 2011, pp. 97-135.

 

PROGRAMMA D'ESAME NON FREQUENTANTI

Gli studenti che non hanno frequentato o che hanno frequentato “parzialmente” il corso sono invitati a leggere anche la seguente bibliografia integrativa:

a)  L. Marchetti, Il corpo dell’immagine. Percezione e rappresentazione in Wittgenstein e Wollheim, Mimesis, Milano, 2012

 

 

Italiano

Dottorato di ricerca in Filosofia e Assegnista di ricerca in Estetica, attualmente è Professore Associato di Estetica (M-FIL/04) presso il Dipartimento di Filosofia dell’Università di Roma Sapienza. Presso lo stesso Dipartimento è vice-coordinatore del Dottorato di ricerca in Filosofia. Membro del Consiglio Direttivo della Società Italiana di Estetica (SIE); membro del Comitato scientifico del Museo Laboratorio d’Arte Contemporanea (MLAC, Università di Roma Sapienza); membro del Comitato scientifico della rivista Studi di estetica, nonché membro del Comitato scientifico delle collane editoriali Filosofie (Mimesis), Eterotopie (Mimesis), Figure dell’estetica (AlboVersorio). Si occupa del rapporto tra estetica, epistemologia e arte, con particolare attenzione all’estetica angloamericana. Tra le sue pubblicazioni: Arte ed estetica in Nelson Goodman (2006); Oltre l’immagine. Rappresentazione e filosofia in Wittgenstein e Rorty (2009); Oggetti semi-opachi. Sulla filosofia dell’arte di Arthur C. Danto (2009); L’oggetto nella pratica artistica (2010); Il corpo dell’immagine. Percezione e rappresentazione in Wittgenstein e Wollheim (2012); Aura (2013); Tra il sensibile e le arti. Trent’anni di estetica (2014); Contemporaneo: Arti visive, musica, architettura (2016); L’estetica e le arti (2016); Il futuro dell’arte. Hans Belting e Peter Osborne (2018).
 
 


Inglese

delle autorità competenti delle autorità competenti PhD in Philosophy and Research Fellow (Postdoctoral) in Aesthetics, currently he is Associate Professor of Aesthetics (M-FIL/04) at the Department of Philosophy, Sapienza University of Rome. At the same Department he is deputy coordinator for the PhD in Philosophy.
Member of the Board of Directors of the Società Italiana di Estetica (SIE); member of Scientific Committee of the Museo Laboratorio d’Arte Contemporanea (MLAC, Sapienza University of Rome); member of the Editorial Board of the journal Studi di Estetica, and member of the Scientific editorial board of Filosofie (Mimesis), Eterotopie (Mimesis), Figure dell’estetica (AlboVersorio).
He deals with the relationship between aesthetics, epistemology and art, with particular attention to Anglo-American Aesthetics. Among his publications: Arte ed estetica in Nelson Goodman (2006); Oltre l’immagine. Rappresentazione e filosofia in Wittgenstein e Rorty (2009); Oggetti semi-opachi. Sulla filosofia dell’arte di Arthur C. Danto (2009); L’oggetto nella pratica artistica (2010); Il corpo dell’immagine. Percezione e rappresentazione in Wittgenstein e Wollheim (2012); Aura (2013); Tra il sensibile e le arti. Trent’anni di estetica (2014); Contemporaneo: Arti visive, musica, architettura (2016); L’estetica e le arti (2016); Il futuro dell’arte. Hans Belting e Peter Osborne (2018).
 
 


E' presente 1 pubblicazione. Visualizza

Sono presenti 3 dispense. Visualizza

 
21  gennaio  2020
  4  febbraio  2020
18  febbraio  2020
 
 
16  giugno  2020
30  giugno  2020
21  luglio  2020
 
 
  8  settembre  2020
22  settembre  2020
 
12  gennaio  2021
26  gennaio  2021
  9  febbraio  2021
 
 
* Gli esami della sessione estiva si svolgono esclusivamente online
Le indicazioni sullo svolgimento dell'esame online sono riportate all'interno della piattaforma google Classroom. Si accede con il codice: 5dhciei
 
** Gli esami "in presenza" iniziano alle ore 12.00 presso il Dipartimento di Filosofia (via Carlo Fea, 2) al 2° piano, stanza 203
 
*** Gli studenti che non hanno frequentato o che hanno frequentato parzialmente il corso sono invitati a leggere anche la bibliografia integrativa indicata per ciascun corso nella sezione Avvisi
 
 
 
APPELLI STRAORDINARI
 
Gli appelli straordinari sono riservati solo ed esclusivamente agli studenti fuori corso, ripetenti, lavoratori, portatori di disabilità, alle studentesse madri e agli studenti padri con figlio/i di età inferiore a tre anni, nonché alle studentesse in stato di gravidanza.
"Ripetente" indica che lo studente si è iscritto per la seconda volta allo "stesso anno di corso".
Per sostenere l'esame lo studente deve attestare che rientra in una delle condizioni previste attraverso un’autocertificazione firmata da consegnare al docente una settimana prima del giorno dell'esame. Il modulo dell'autocertificazione è scaricabile nella sezione Dispense
 
 
15 novembre 2019
appello valido anche per i laureandi della IV sessione di laurea 2018-19
 
5 maggio  2020
appello valido anche per i laureandi della II sessione di laurea 2019-20
 
10 novembre  2020
appello valido anche per i laureandi della IV sessione di laurea 2019-20
 
 
 
 

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma