Luca Ruzza

Docente altra Facoltà
L-ART/05 ( Discipline dello spettacolo )
Storia Antropologia Religioni Arte Spettacolo
Visualizza programmi a.a.  2018-2019
Ricevimento

Per ricevimento studenti prego inviare una mail di prenotazione all'indirizzo: luca.ruzza@uniroma1.it
Si riceve per appuntamento tutti i giorni

Nessun avviso presente.

Italiano

Luca Ruzza, è nato a Roma nel 1959, Si laurea in Architettura Teatrale presso la Royal Danish Academy of Fine Artsdi Copenhagen in Danimarca nel 1983  e in Architettura a Roma, Università degli Studi La Sapienza nel 1987.  Borsista dal 1981 al 1983 presso la Royal Danish Academy, spende il suo apprendistato presso l’Odin Teatret a Holstebro in Danimarca dove disegnerà la scenografia di Hoxyrhincus Evangeliet nel 1995. Dal 1988 al 2001 insegna Scenografia presso la Facoltà di Architettura di Roma con il ruolo di Professore a Contratto. Come visiting Professor ha tenuto corsi di Scenografia Virtuale presso Instituteof Aesthetic Disciplines, University of AarhusDenmark nel 2002 e al TAFT, The Academy of Figurative Theatre a Fredrikstad, Norvegia nel 2003 e 2004.Dal 2007, a seguito del concorso pubblicoper ricercatore, al momento ricopre il ruolo di Professore Aggregato presso il Dipartimento di Storia dell’Arte e Spettacolo, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.
E’ autore di diversi testi sul tema dello spazio teatrale tra cui segnaliamo: Niccolò Sabbatini e l’arte di fabbricar le Scene Edizioni Nuova Cultura 2011, Lo sguardo Obliquo, Edizioni Nuova Cultura  (in fase di pubblicazione),  Storie degli Spazi teatrali, edizioni Euroma, Vol 1 e 2.  Suoi saggi sono apparsi su: Graffi sui Muri Edizioni Teatrino dei Fondi / Titivillus, 2009, Performance Design, “The Memory Project”Edizioni Tusculanum Press, Kobenhavn – Danmark 2008,  La Scena Meridiana, Edizioni ETI, Roma 2008 , e Andersen Drom, Odin Teatret Forlag 2006.
 
Come architetto progetta essenzialmente spazi teatrali. Le ultime strutture realizzate sono ilNuovo Teatro di Formia, il Teatro Ruotalibera (CentralePreneste) a Roma,  il Teatro Potlach (ristrutturazione)di Fara Sabina, e il Nuovo Teatro Abeliano a Bari (aperto 3 febbraio 2012). In Puglia ha ultimato la realizzazione dei Cantieri Teatrali Koreja a Lecce, ora un punto di riferimento nel sud Italia per qualità del lavoro e ottimizzazione della produzione teatrale, vincitore del Biglietto d’Oro|ETI e del MAS’10_ Monitoraggio Architettura del Salento ’10 per il progetto del teatro Koreja.
Nel 2005 fonda con Laura Colombo l'Open Lab Company, centro di sperimentazione e produzione di performance e architettura teatrale dove ha curato numerosi progetti istallativi. 3-Eyes nel 1993 all’Experimentarium di Aarhus in Danimarca, Disturbances al Charlottenborg di Copenhagen nel 2003, nello stesso anno Between the Streams alla OXO Tower di Londra. Ha disegnato nel 2004 l’allestimento per i 40 anni dell’Odin Teatret a Holstebro in Danimarca. Dopo la mostra di lavori presentata all’Istituto Italiano di Cultura di Kobenhavn in Danimarca “Projekter mellem arkitektur og teater” (2006) ha partecipato alla Notte Bianca di Roma col progetto a grande scala: Magiche Lucigraphie. Inaugura la Stagione Lirica del Teatro Rendano sempre nel 2006 con l’istallazione Moz'Art Project a scala urbana. Nel 2008 disegna Words Waves per il Festival Stedsan in Norvegia. Codice Ripetitivo e Iconoclastic Beta (2009) progetti istallativi interattivi presentati al Tempio di Adriano a Roma e al Festival di Rovereto.
Tra i numerosi riconoscimenti  il premio ARCE per l’Architettura Contemporanea nel 1988, Premio Stregatto ETI nel 1990 per la Scenografia di “Bella e Bestia” Kismet Opera Teatro e il Premio “Tabi to Aitsu to Ohimesama ”settore dell’arte scenica / Creative Theatre Network (CTN), Japanper lo spettacolo  ‘旅仲間’ nel 2011 al Za Koenji di Tokio.


Inglese

Luca Ruzzahas designed numerous installation projects for the OpenLab Company. 3-Eyes in 1993 at the Aarhus Experimentarium in Denmark, Disturbances at the Charlottenborg in Copenhagen in 2003 and, the same year, Between the Streams at the OXO Tower in London. In 2004 he designed the decor for the 40th anniversary of the Odin Teatret in Holstebro, Denmark. After showing his work at the Italian Cultural Institute in Copenhagen in Denmark “Projekter mellem arkitektur og teater” (2006) he took part in the Notte Bianca di Roma event with an ambitious project: Magiche Lucigraphie. He opened the Opera Season at the Rendano Theatre, also in 2006, with the Moz'Art Project installation on an urban scale. In 2008 he designed Words Waves for the Stedsan Festival in Norway. Codice Ripetitivo and Iconoclastic Beta (2009) were two interactive installation projects presented at the Temple of Hadrian in Rome and at the Rovereto Festival.
He is lecturer in Scenic Design  at the "La Sapienza" University of Rome and directs the Didattica interattiva (interactive teaching) and performing arts  project.  He was written several works on the subject, including: Niccolò Sabbatini e l’arte di fabbricar le Scene by Luca RuzzaEdizioni Nuova Cultura 2011, Storie degli Spazi teatrali, edizioni Euroma, Vol. 1 and 2. His essays have appeared in: Graffi sui Muri Edizioni Teatrino dei Fondi / Titivillus, 2009, Performance Design, “The Memory Project”Edizioni Tusculanum Press, Copenhagen– Denmark 2008, La Scena Meridiana, Edizioni ETI, Rome 2008 , Andersen Drom, Odin Teatret Forlag 2006


Nessuna pubblicazione disponibile.

Nessuna dispensa disponibile.

Nessun appello di esame disponibile.