Lucia Mori

Associato
L-OR/01 ( Storia del Vicino Oriente antico )
Scienze dell'Antichità
Vetrerie Sciarra, III piano studio 306
Telefono 06/49697087
Visualizza programmi a.a. 2021-2022  a.a. 2020-2021
Ricevimento

A seguito delle restrizioni dovute all'emergenza Covid si prega di contattare il docente tramite e-mail per prendere appuntamento per il ricevimento, anche tramite piattaforma zoom.
 

Nessun avviso presente.

Italiano

Lucia Mori
Professore associato in Storia del Vicino Oriente antico presso il Dipartimento di Scienze dell’antichità, Sapienza Università di Roma, con abilitazione alla I fascia. 
Nel 2003 ha conseguito un dottorato di ricerca in Scienze filologiche del Vicino Oriente antico presso l’Istituto Universitario Orientale di Napoli sulla ricostruzione del paesaggio della media vallata dell’Eufrate dai testi del II millennio a.C.
È stata assegnista post-dottorato presso l’Istituto Italiano di Storia antica nel 2005, con un progetto di ricerca sul lessico ideologico negli annali neo-assiri e borsista nel 2006 presso il Corso intensivo di alta formazione in diritti del mondo cuneiforme, organizzato dal Centro di Studi e Ricerche sui Diritti Antichi (CEDANT) presso l’Università di Pavia. 
Dal 1998 al 2008 ha collaborato come membro della redazione e supervisore scientifico ai volumi dell’opera “Storia della Scienza” dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana Treccani.
È stata professore a contratto di Storia del Vicino Oriente antico presso l’Università di Macerata (2001-2004) e della Tuscia (2005-2010). 
Dal 1999 al 2014 ha collaborato come coordinatore e supervisore scientifico degli scavi e ricerche del periodo garamantico nelle oasi diGhat, Barkat e Fewet (Sahara Libico – regione inserita nei siti patrimonio dell’umanità Unesco dal 1985), nell’ambito della Missione Archeologica nel Sahara Libico di Sapienza.
Dal 1999 collabora come supervisore scientifico agli scavi del periodo accadico nel sito di Tell Leilan (Siria), nell’ambito della “YaleArchaeological Expedition at Tell Leilan, North-eastern Syria”.
Dal 2012 è supervisore scientifico degli scavi e ricerche dei periodi hittita e neo-hittita nel sito archeologico di Arslantepe (Turchia - sito inserito nella tentative list dei siti patrimonio dell’umanità UNESCO dal 2014).
Dal 2012 è vice-direttore associato della rivista di classe A Origini (Sapienza) e revisore scientifico per riviste nazionali e internazionali.
Tra le principali linee di ricerca indagate vi sono la ricostruzione del paesaggio antico nel Vicino Oriente, con particolare attenzione, negli ultimi anni, allo sfruttamento delle risorse idriche; società e alimentazione nel Vicino Oriente antico, in particolare la ricerca sulla ricostruzione delle aree di manipolazione del cibo e le loro valenze socio-economiche; lo sviluppo del pastoralismo e l’interazione tra pastori e sedentari nel Vicino Oriente antico. Una linea di ricerca parallela riguarda la genesi e lo sviluppo delle prime formazioni statali nel Sahara Libico.


Inglese

Lucia Mori

 

Associate Professor in History of the Ancient Near East at the Department of Classics, Sapienza University of Rome, with qualification for full professorship.

 

In 2003 she obtained a PhD in Philological Sciences of the Ancient Near East at the Oriental University Institute of Naples on the reconstruction of the landscape of the middle Euphrates valley from the texts of the second millennium BC.

 

She was postdoctoral fellow at the Italian Institute of Ancient History in 2005, with a research project on the ideological lexicon in the Neo-Assyrian annals and fellow in 2006 at the intensive course of advanced training in Laws of the cuneiform world, organized by the Center of Studies and Research on Ancient Law (CEDANT) at the University of Pavia.

 

From 1998 to 2008 she collaborated as a member of the editorial staff and scientific supervisor on the volumes of the work "History of Science" of the Institute of the Italian Encyclopedia Treccani.

 

She was adjunct professor of History of the Ancient Near East at the University of Macerata (2001-2004) and of Tuscia (2005-2010).

 

From 1999 to 2014 he collaborated as coordinator and scientific supervisor of the excavations and researches of the Garamantian period in the oases of Ghat, Barkat and Fewet (Libyan Sahara - region included in the Unesco World Heritage sites since 1985), as part of the Archaeological Mission in the Libyan Sahara of Sapienza.

 

Since 1999 she have collaborated as scientific supervisor in the excavations of the Akkadian phase at  Tell Leilan  (Syria), as part of the "Yale Archaeological Expedition at Tell Leilan, North-eastern Syria".

 

Since 2012 she has been scientific supervisor of the excavations and researches of the Hittite and Neo-Hittite periods in the archaeological site of Arslantepe (Turkey-site included in the tentative list of UNESCO World Heritage Sites since 2014).

 

Since 2012 she has been associate editor of the  Origini  journal (Sapienza) and scientific reviewer for national and international journals.

 

Among the main lines of research investigated are the reconstruction of the ancient landscape in the Near East, with particular attention, in recent years, to the exploitation of water resources; society and food in the ancient Near East, in particular the research on the reconstruction of food processing areas and their socio-economic values; the development of pastoralism and the interaction between pastoral tribes and sedentaries in the ancient Near East. A parallel line of research concerns the genesis and development of the early state formations in the Libyan Sahara.


Nessuna pubblicazione disponibile.

Nessuna dispensa disponibile.

Nessun appello di esame disponibile.

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma