Luisa Valente

Associato
M-FIL/08 ( Storia della filosofia medievale )
Filosofia
Dipartimento di Filosofia, II piano, stanza 212
Telefono 0649917219
Visualizza programmi a.a. 2022-2023  a.a. 2021-2022
Ricevimento

Il ricevimento avrà luogo normalmente il giovedì pomeriggio, e potrà essere sia in presenza sia a distanza: in ambedue i casi previo appuntamento, da prendersi tramite posta elettronica.

Corso per la Laurea Magistrale, II semestre 2022-2023, in inglese
Mar 24 Gen 2023 Mer 24 Gen 2024

 

Philosophy in the Letters of Heloise and Abelard

 

The authenticity of the letters of Heloise and Abelard has long been debated. Today there is a broad consensus among scholars that the collection of letters between the two in the manuscripts is based on an original exchange, but that it was reworked in order to use it as a founding document of the monastery of Paraclete, of which Heloise was abbess for a long time. In the autobiographical letter that opens the collection, Abelard's Historia calamitatum mearum, as well as in the subsequent epistles and other Abelardian texts, there emerges a particular conception of philosophy and the philosophical way of life that the two seem to share. In such a vision, philosophical life and monastic life have many elements in common, both historically and sociologically and ideally. During the course, the epistles of Heloise and Abelard will be read with a special focus on this theme. In particular, the question will be asked how the conception of philosophy that Abelard and Heloise seem to share has influenced each of their views of themselves, their relationship and their profession.

 

MODALITA’ DI SVOLGIMENTO

 

Italiano: Didattica frontale e discussione seminariale dei testi e degli argomenti trattati.

 

Inglese: Frontal lessons and seminar discussions of the texts and the issues treated in the course.

 

Frequenza:

 

Italiano: La frequenza è altamente raccomandabile.

 

Inglese: Attending the course is highly recommended.

 

TESTI ADOTTATI E BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO

 

Testi adottati

Introductory section:

- J. Marenbon, Medieval Philosophy. An Historical and Philosophical Introduction, London-New York, Routledge 2007 (solo i capitoli sulla filoaofia medievale latina)

- or, as an alternative to the book by Marenbon: P. Porro - C. Esposito, Filosofia antica e medievale, Bari, Laterza 2008 (dal cap. IX in poi, compresi i ‘percorsi tematici’). Oppure P. Porro, C. Esposito, I mondi della filosofia. Volume 1. Dalle origini alla Scolastica, Bari, Laterza 2016 (dal cap. IX in poi).

- L. Valente, Il secolo delle scuole cittadine, in G. Cambiano, L. Fonnesu, M. Mori edd., Storia della filosofia occidentale / 2 Medioevo e Rinascimento, Bologna, il Mulino 2014, pp. 67-109

 

N.B. If you have already taken an examination in Medieval Philosophy and have therefore already studied the textbook, an alternative reading for the introductory section can be arranged.

 

Monographic section:

- Abelard and Heloise, The Letter Collection by Peter Abelard and Heloise, ed. by D. Luscombe, translated by B. Radice, rev. by D. Luscombe, Oxford, Clarendon Press 2013(la Historia calamitatum mearum e i brani delle restanti epistole che leggeremo in aula)

- J. Jolivet, Doctrines et figures de philosophes chez Abélard, in Petrus Abaelardus (1079-1142). Person, Werk und Wirkung, hrg. v. R. Thomas, Trier, Paulinus Verlag, 1980 (Trierer Theologische Studien, XXXVIII), pp. 103-120, rist. in Id., Aspects de la pensée médiévale: Abélard, Doctrines du langage [Reprise], Paris, Vrin, 1987.

- L. Valente, Exhortatio e recta vivendi ratio. Filosofi antichi e filosofia come forma di vita in Pietro Abelardo, in L’antichità classica nel pensiero medievale, a cura di Alessandro Palazzo (atti del XIX Convegno internazionale di studi della Società Italiana per lo Studio del Pensiero Medievale, Trento 27-29 settembre 2010), FIDEM, Porto 2011, pp. 39-66.

- Happiness, contemplative life, and the tria genera hominumin twelfth-century philosophy: Peter Abelard and John of Salisbury, “Quaestio” 15 (2015) = The Pleasure of KnowledgeIl piacere della conoscenza. Proceedings of the SIEPM Congress Freising 2012, éd. P. Porro et Loris Sturlese, pp.  417-442.

 

N.B. The material for the monographic section will be made available during the course

Lezioni: lunedì e giovedì, ore 14:30-16:30, aula XI

Inizio: lunedì 27 febbraio 2023

Corso Storia della filosofia medievale I semestre: L 12 cfu
Gio 15 Set 2022 Mer 15 Feb 2023

Docente: Luisa Valente

 

Titolo dell’insegnamento: Storia della filosofia medievale I.II

 

Livello: L

 

CFU: 12

 

ORARIO:

 

Lunedì, ore 16:30-19:30, aula XII

Giovedì, ore 12:30-14:30, aula XII

Venerdì, ore 10:30-12:30, aula VIII

 

INIZIO LEZIONI:

 

Giovedì 29 settembre 2022

 

 

OBIETTIVI FORMATIVI

 

Italiano: Fatta salva una serie di obiettivi di fondo (conoscenza e comprensione della disciplina; capacità di applicare conoscenza e comprensione; capacità critica e di giudizio; capacità di comunicare quanto si è appreso; capacità di proseguire lo studio in modo autonomo), il corso si propone di raggiungere più specificamente i seguenti ulteriori obiettivi: acquisizione di alcune nozioni chiave della filosofia della religione attraverso la lettura alcuni classici della disciplina; capacità di lettura critica e contestualizzazione storico-teorica di testi filosofici; capacità di utilizzazione di un lessico filosofico specializzato in forma scritta e orale; capacità argomentativa personale.

 

Inglese: Given for granted some basic and indispensable goals (knowledge and understanding in the field of studies; ability to apply knowledge and understanding; capability of critical analysis; communication skills on that which has been learned; capacity to undertake further studies with some autonomy), the course intends to attain the following specific objectives: knowledge of key notions of philosophy of religion by means of an analysis of some classics of the discipline; improvement of: capacity of critical reading and historical-theoretical framing of philosophical texts; mastery of philosophical terminology in oral and written communication; argumentative skills.

 

 

 

 

PREREQUISITI

 

Italiano: Il corso richiede che si sia già acquisita una preparazione di base a livello di scuola secondaria di secondo grado nelle discipline filosofiche. È richiesta in modo particolare una padronanza del lessico filosofico elementare.

 

 

Inglese:

A basic knowledge of philosophical disciplines (corresponding to the level of the upper secondary school) is required. In particular, it is needed a mastery of the basic philosophical terminology.

 

 

PROGRAMMA DELL’INSEGNAMENTO (minimo 700 caratteri, spazi inclusi)

 

Italiano:

 

Introduzione alla Storia della filosofia medievale. I commenti di Gilberto di Poitiers (m. 1154) agli Opuscoli teologici di Boezio

Il corso si dividerà in due parti. Nella prima parte verrà presentata una sintesi della storia della filosofia medievale da Agostino al XIV secolo, attraverso la lettura e il commento in aula di estratti di testi filosofici e teologici. La seconda parte sarà dedicata al pensiero del grande metafisico e teologo Gilberto di Poitiers, morto nel 1154. L’opera principale di Gilberto è costituita da commenti a quattro dei cinque Opuscoli teologici di Severino Boezio (m. 525). In questi commenti, Gilberto sviluppa una originale e ardita visione della costituzione ontologica del mondo, basata sull’idea che gli enti siano aggregati (“concrezioni”) di un altissimo numero di forme, tutte singolari: per cui nulla esiste di universale. All’ontologia singolarista gilbertina si accompagna una precisa rappresentazione del funzionamento del linguaggio, secondo la quale la proposizione standard rappresenta l’inerenza di una forma, significata dal predicato, in un sostrato, rappresentato dal soggetto. Durante la seconda parte del corso verranno letti e analizzati insieme in aula alcuni passi dei commenti di Gilberto al De trinitate e al De hebdomadibus di Boezio.

 

Inglese:

 

Introduction to the History of Medieval Philosophy. The comments of Gilbert of Poitiers (d. 1154) on the Theological Treatises of Boethius.

The course will be divided into two parts. In the first part, a synthesis of the history of medieval philosophy from Augustine to the 14th century will be presented through the reading and classroom commentary of extracts from philosophical and theological texts. The second part will be devoted to the thought of the great metaphysician and theologian Gilbert of Poitiers, who died in 1154. Gilbert's main work consists of commentaries on four of the five Theological Treatises of Severinus Boethius (d. 525). In these commentaries, Gilbert develops an original and daring vision of the ontological constitution of the world, based on the idea that subsistent entities are aggregates ('concretions') of a very high number of forms, all of them being singular: hence nothing universal exists. Gilbert's singularist ontology is accompanied by a precise representation of the functioning of language, according to which the standard proposition represents the inherence of a form, signified by the predicate, in a substratum, represented by the subject. During the second part of the course, some passages from Gilbert's commentaries on Boethius' De trinitate and De hebdomadibus will be read and analysed together in class.

 

MODALITA’ DI SVOLGIMENTO

 

Italiano: Didattica frontale e discussione seminariale del testo e degli argomenti trattati.

 

 

Inglese: Frontal lessons and seminar discussions of the text and the issues treated in the course.

 

 

Frequenza:

 

Italiano: la frequenza è altamente raccomandabile

 

Inglese: attending the course is highly recommended

 

 

 

MODALITA’ DI VALUTAZIONE

 

Italiano:

La valutazione sarà effettuata sulla base di una prova orale finale e, per gli studenti che lo richiederanno, su una prova scritta in itinere verso la metà del corso riguardante solo la parte generale.

L'esame orale consisterà di due colloqui, svolti nello stesso giorno. Nel primo lo studente sarà interrogato sulla parte generale del programma, nella seconda sulla parte monografica. Il superamento della prima parte dell'esame è necessario per accedere alla seconda. Chi usufruirà della prova scritta in itinere sulla parte generale, all'esame orale sosterrà solo un colloquio sulla parte monografica e il voto preso nella prova scritta in itinere farà media con quello preso nel colloquio orale sulla parte monografica.

Per superare la prova orale lo studente dovrà dimostrare di: 1. conoscere il contenuto del testo trattato; 2. saperlo restituire in modo chiaro, padroneggiando in modo corretto il lessico specialistico utilizzato dai vari autori; 3. saper individuare gli snodi storico-teorici più rilevanti e saperli discutere criticamente; 4. saper elaborare autonomamente un’argomentazione relativa ai contenuti trattati. Il soddisfacimento dei punti 1 e 2 è condizione necessaria al superamento dell’esame. I voti superiori al 27 saranno attribuiti agli studenti la cui prova soddisfa tutti e quattro i punti indicati.

 

Inglese:

The evaluation will be based on a final oral examination and, for those students who desire it, on an ongoing written examination towards the middle of the course covering only the general part.

The oral examination will consist of two interviews, held on the same day. In the first one the student will be asked about the general part of the course, in the second one about the monographic part. Passing the first part of the examination is necessary for access to the second part. Those who take advantage of the written test on the general part of the syllabus, will only be interviewed on the monographic part of the syllabus in the oral examination and the mark taken in the written test will be averaged with that taken in the oral interview on the monographic part.

In order to pass the oral examination the student must demonstrate that he/she 1. know the content of the text dealt with; 2. be able to give a clear account of it, correctly mastering the specialist vocabulary used by the various authors; 3. be able to identify the most relevant historical-theoretical points and be able to discuss them critically; 4. be able to independently develop an argument relating to the content dealt with. The fulfillment of points 1 and 2 is a necessary condition for passing the examination. Grades of over 27 will be awarded to students whose paper satisfies all four points.

 

 

TESTI ADOTTATI E BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO

 

Testi adottati

 

Italiano:

 

Parte generale:

•     P. Porro - C. Esposito, Filosofia antica e medievale, Bari, Laterza 2008 (dal cap. IX in poi, compresi i ‘percorsi tematici’). Oppure P. Porro, C. Esposito, I mondi della filosofia. Volume 1. Dalle origini alla Scolastica, Bari, Laterza 2016 (dal cap. IX in poi).

•     L. Valente,Il secolo delle scuole cittadine, in G. Cambiano, L. Fonnesu, M. Mori edd., Storia della filosofia occidentale / 2 Medioevo e Rinascimento, Bologna, il Mulino 2014, pp. 67-109.

•      Un dossier di testi e altri materiali sulla parte generale del corso messi a disposizione, presentati e discussi durante le lezioni. 

 

Parte monografica:

•      Forme, contesti e interpretazioni. La filosofia di Gilberto di Poitiers († 1154), “Medioevo” 39 (2014), pp. 89-134.

•      Un dossier di testi estratti dai commenti di Gilberto che sarà approntato e messo a disposizione durante il corso.

 

Bibliografia per approfondimento:

•      B. Maioli, Gilberto Porretano. Dalla grammatica speculativa alla metafisica del concreto, Roma, Bulzoni, 1979.

•      L.O. Nielsen, Theology and Philosophy in the Twelfth Century. A Study of Gilbert Porreta’s Thinking and the Theological Expositions of the Doctrine of the Incarnation during the Period 1130-1180, Leiden, Brill, 1982

•      L. Valente, Concreti e dividui. Il lessico filosofico di Gilberto di Poitiers, con una traduzione in italiano e il testo latino dei commenti di Gilberto agli opuscoli di Boezio dedicati alla trinità e dell’anonimo Invisibilia Dei, Roma, ILIESI, 2022.

 

NB 1: Chi lo desideri può studiare, in alternativa al manuale Porro-Esposito: E. Gilson, La filosofia nel medioevo dalle origini patristiche alla fine del XIV secolo, Firenze, La Nuova Italia 1973 ed edizioni successive. Chi ha già studiato in precedenza l’uno o l’altro di questi manuali per un esame di Storia della filosofia medievale li potrà sostituire con una lettura da concordare con la docente.

 

NB 2: Gli studenti che volessero sostenere un esame da solo sei crediti possono limitarsi a seguire la prima parte del corso e porteranno all’esame solo il programma riguardante la ‘parte generale’.

 

 

Inglese:

 

First part:

•     P. Porro - C. Esposito, Filosofia antica e medievale, Bari, Laterza 2008 (dal cap. IX in poi, compresi i ‘percorsi tematici’). Oppure P. Porro, C. Esposito, I mondi della filosofia. Volume 1. Dalle origini alla Scolastica, Bari, Laterza 2016 (dal cap. IX in poi).

•     L. Valente,Il secolo delle scuole cittadine, in G. Cambiano, L. Fonnesu, M. Mori edd., Storia della filosofia occidentale / 2 Medioevo e Rinascimento, Bologna, il Mulino 2014, pp. 67-109.

•      Un dossier di testi e altri materiali sulla parte generale del corso messi a disposizione, presentati e discussi durante le lezioni. 

 

Second part:

•      Forme, contesti e interpretazioni. La filosofia di Gilberto di Poitiers († 1154), “Medioevo” 39 (2014), pp. 89-134.

•      Un dossier di testi estratti dai commenti di Gilberto che sarà approntato e messo a disposizione durante il corso.

 

Bibliography for further study:

•      B. Maioli, Gilberto Porretano. Dalla grammatica speculativa alla metafisica del concreto, Roma, Bulzoni, 1979.

•      L.O. Nielsen, Theology and Philosophy in the Twelfth Century. A Study of Gilbert Porreta’s Thinking and the Theological Expositions of the Doctrine of the Incarnation during the Period 1130-1180, Leiden, Brill, 1982

•      L. Valente, Concreti e dividui. Il lessico filosofico di Gilberto di Poitiers, con una traduzione in italiano e il testo latino dei commenti di Gilberto agli opuscoli di Boezio dedicati alla trinità e dell’anonimo Invisibilia Dei, Roma, ILIESI, in corso di stampa (pubblicazione digitale)

 

NB 1: Those who wish may study, as an alternative to the Porro-Esposito textbook: E. Gilson, La filosofia nel medioevo dalle origini patristiche alla fine del XIV secolo, Firenze, La Nuova Italia 1973 and subsequent editions. Those who have previously studied one or other of these textbooks for a History of Medieval Philosophy examination may substitute them with a reading to be agreed upon with the teacher.

 

NB 2: Students who wish to take a six-credit exam may limit themselves to the first part of the course and will only take the 'general part' of the syllabus for the exam.

 

 

Bibliografia di riferimento

 

Italiano: vedi i testi in programma

 

Inglese: see the text to be studied

Italiano

Luisa Valente è professore associato in Storia della filosofia medievale (con abilitazione scientifica nazionale di Prima fascia) presso il Dipartimento di Filosofia della Sapienza Università di Roma dal novembre 2015. Dopo aver conseguito il dottorato all'Università Paris - Diderot (Paris 7) nel 1999, dallo stesso anno fino al 2015 è stata ricercatrice e ‘professore aggregato’ in Storia della Filosofia medievale presso la Sapienza. Nel gennaio 2016 è stata ‘directeur d’études invité’ a Parigi presso l’Ecole Pratique des Hautes Etudes - 5e section.  Come ricercatrice si occupa principalmente del pensiero del XII secolo in ambito latino. Un primo filone delle sue ricerche riguarda le dottrine linguistiche elaborate dai maestri di teologia, e in particolare: le teorie del ragionamento fallace nell'esegesi biblica e del discorso teologico come discorso improprio e traslato (su cui ha pubblicato il volume ‘Phantasia contrarietatis’. Arti del linguaggio e teologia in Pietro Cantore, Firenze, Olschki 1997) e la teoria dei nomi divini nonché la logica della referenza o ‘suppositio’ in teologia trinitaria (oggetto del libro Logique et théologie. Les écoles parisiennes entre 1150 et 1220, Paris, Vrin 2008). Si è dedicata inoltre allo studio della riflessione sul rapporto tra linguaggio e realtà (ad es. sul senso dei termini trascendentali ‘ente’, ‘uno’, ‘cosa’, ‘qualcosa’) nella tradizione boeziana del XII secolo e in particolare in Gilberto di Poitiers e nella cosidetta ‘scuola porretana’. Ha al suo attivo anche alcune ricerche sulla rappresentazione della figura del filosofo e dei filosofi antichi e sulla filosofia come forma di vita nel XII secolo, con una particolare attenzione al pensiero di Pietro Abelardo e Giovanni di Salisbury; sugli animali nocivi nei commenti latini al libro della Genesi; sulle diverse teorie concernenti il luogo e la spazialità nella letteratura teologica del periodo. In anni recenti ha concentrato la sua attenzione sul pensiero di Gilberto di Poitiers, approntando un commento e una traduzione in italiano dei due commenti di Gilberto al De trinitate e al De predicazione trium personam di Severino Boezio (Roma, ILIESI 2022): due scritti fondamentali relativamente alla metafisica e alla psicologia dell’altro grande pensatore del XII secolo oltre ad Abelardo. In collaborazione col prof. Alfonso Maierù ha organizzato il ‘14th European Symposium of Medieval Logic and Semantics’, Roma 11-15 giugno 2002 (atti pubblicati nel volume Medieval Theories on Assertive and Non-Assertive Language, Firenze, Olschki 2004), mentre in collaborazione con la Dott.ssa Pina Totaro (CNR-ILIESI Roma) ha organizzato le giornate di studio ‘Sphaera’. Forma, immagine e metafora tra medioevo ed età moderna’ Roma 30-31 gennaio 2008 (atti pubblicati con lo stesso titolo, Firenze, Olschki-CNR, 2012 [Lessico Intellettuale Europeo CXVII]). Ha organizzato, insieme con il Prof. Dr. Maarten Hoenen (Freiburg), il Workshop ‘Visible Words for Invisible Things: Nature, Language, and God in the Treatise Invisibilia Dei’ (Roma, 18-19 febbraio 2010); la serie di conferenze di Madame Irène Rosier-Catach (CNRS – Paris, EPHE) dal titolo ‘La filosofia del linguaggio nel medioevo’ (Roma, 2011-2012); insieme alla Dott.ssa Marialucrezia Leone, il workshop ‘Libertà e determinismo nel medioevo’ (2015-2016); i seminari internazionali ‘Logica e semantica nel medioevo’ (Roma 2012-2013), ‘Seminario di logica e semantica medievali’ (Roma 2014-2015), ‘Seminario di logica e semantica antiche e medievali’ (in collaborazione con Francesco Fronterotta, Roma 2017-2018). Nel 2018 ha co-organizzato il convegno ‘Fonti flussi onde. L’acqua come realtà e metafora nel pensiero antico, medievale e moderno’ (Roma, 24-26 ottobre 2018); nel 2019 l’incontro di studio ‘Traduzioni filosofiche in età tardo antica e medievale’, Roma 6-7 febbraio 2019, e il seminario di Storia della filosofia araba (aprile-maggio 2019). Ha partecipato come relatrice a ca 45 tra convegni e giornate di studi nazionali e internazionali e ha tenuto conferenze a Parigi, Friburgo (CH), Freiburg (D), Amsterdam, Zurigo, Nizza, Porto, Ginevra, Padova, Roma, Firenze, Parma, Trento, Pavia, Ferrara, Spoleto. Ha al suo attivo 87 pubblicazioni, di cui tre libri e sei curatele. È membro della Società Italiana per lo studio del Pensiero Medievale (SISPM), della Société Internationale pour l'Étude de la Philosophie Médiévale (SIEPM), della Internationale Gesellschaft für theologische Mediaevistik (IGTM), del Coordinameento intersocietario per la storia del pensiero linguistico e semiotico (CISPELS). Fa parte dei comitati scientifici della rivista "Documenti e studi sulla tradizione filosofica medievale" e della collana "Flumen sapientiae" della casa editrice Aracne. È membro del consiglio direttivo della SISPM. Ha due figli.


Inglese

Luisa Valente obtained her Ph.D. at the University Paris – Diderot (Paris 7) in 1999, and in the same year became Researcher in History of Medieval Philosophy attached to the Department of Philosophy of the ‘Sapienza università di Roma’. During the academic year 2001-2002, and again from 2007 to 2015 as "professore aggregato", has been entrusted with teaching courses in the History of Medieval Philosophy in the Faculty of Philosophy (which became the Department of Philosophy in 2011). In autumn 2015 she was named Associate Professor in History of Medieval Philosophy. In addition to courses for the three-year laureate and for Master's students (6 and 12 CFU), her teaching activities include supervision of theses for three-year laureate students, Masters students, and Ph.D. students. During the year 2016 she has held a series of lessons in Paris at the Ecole Pratique des Hautes Etudes as 'directeur d'études invité'. As a researcher she published or co-edited 9 books and around 80 articles in which she investigates mainly the thought of 12th century, and in particular the linguistic doctrines which were elaborated in this period within the theological field: the theory of fallacies as applied in biblical exegesis and theological language as an intrinsically improper one (translatio: Phantasia contrarietatis, Firenze, 1997 and some articles about Gilbert of Poitiers and his school); the theory of divine names as metaphorical denominations and the logic of reference (suppositio) in Trinitarian theology (Logique et théologie. Les écoles parisiennes entre 1150 et 1220, Paris, 2008). She investigates also the history of metaphysical terminology ('being', 'one', and 'good' - ens, unum, and bonum - in Boethius and in the 12th Century Boethian tradition; the history of the terms essentia, existentia and res), as well as the philosophy of Peter Abelard, of Gilbert of Poitiers, and of the Porretan School. She also studied the figure of the philosopher, the role of ancient philosophers and the notion of philosophical life in 12th century thought; animals in medieval commentaries to the Bible; 12th century theories about the relation between God and place (exp. the different interpretations of the proposition "Deus est ubique" and “Deus est sphaera infinita”). In 2022 she pubishes a commentary with translation of Gilbert of Poitiers' commentaries on Boethius' De trinitate and De praedicatione trium personarum.
In collaboration with Alfonso Maierù she organised the "14th European Symposium of Medieval Logic and Semantics", Rome, June 11-15, 2002, and edited the proceedings of the Symposium. In collaboration with Pina Totaro (ILIESI) she organised the meeting "Sphaera. Forma, immagine e metafora tra medioevo ed età moderna", Rome, January 30-31, 2008, and edited the acts. She also organised, in collaboration with Prof. Dr. Maarten Hoenen (Freiburg), the workshop "Visible Words for Invisible Things: Nature, Language, and God in the Treatise Invisibilia Dei (12th Century) ', Rome, February 18-19, 2010, the series of lectures "La filosofia del linguaggio nel medioevo" (the lectures were held by Madame Irène Rosier-Catach [CNRS – Paris, EPHE] in Rome during the Fall 2011), the seminary "Logica e semantica nel medoevo" (Rome, second semester 2012-2013), the "Seminario di logica e semantica medievali 2014-2015" (Rome, 1st semester 2014-2015), the workshop "Libertà e determinismo nel medioevo" (Rome, 2015, in collaboration with Dr. Marialucrezia Leone), the "Seminario di logica e semantica antiche e medievali" (2017-2018, in collaboration with Francesco Fronterotta); the international conferences “Fonti flussi onde. L’acqua come realtà e metafora nel pensiero antico, medievale e moderno” (Roma, October 24th-26th, 2018; in collaboration with Massimiliano Lenzi, Olga Lizzini, Pina Totaro), and “Traduzioni filosofiche in età tardo antica e medievale” (Roma, February 6th-7th 2019, in collaboration with Irene Kajon). She presented papers at ca 50 international and national symposia and held conferences in Paris, Fribourg (CH), Freiburg (D), Amsterdam, Zuerich, Nice, Porto, Génève, Padova, Roma, Trento, Parma, Spoleto, Florence, Pavia, Ferrara. Member of the Societé internazionale pour l'étude de la philosophie médiévale (SIEPM), Società italiana per lo studio del pensiero medievale (SISPM, being part of the board), Internazionale Gesellschaft für theologische Mediävistik (IGPM), Coordinamento intersocietario per la storia del pensiero linguistico e semiotico (CISPELS). Member of the scientific commettee of the review "Documenti e studi sulla tradizione filosofica medievale" and of the series Flumen sapientiae (Aracne). She has two sons.


Sono presenti 3 pubblicazioni. Visualizza

Sono presenti 36 dispense. Visualizza

Sessione invernale 2022-2023:
venerdì 14 - lunedì 17 gennaio 2022, ore 9:30
venerdì 4 - lunedì 7 febbraio 2022, ore 9:30
venerdì 18 – lunedì 21 febbraio 2022, ore 9:30
 
Sessione estiva:
giovedì 9 - venerdì 10 giugno 2022, ore 9:30
venerdì 1 – lunedì 4 luglio 2022, ore 9:30
venerdì 15 – lunedì 18 luglio 2022, ore 9:30
 
Sessione autunnale:
venerdì 9 – lunedì 12 settembre 2022,ore 9:30
venerdì 23 – lunedì 26 settembre 2022, ore 9:30
 
Appelli straordinari riservati:
venerdì 8 aprile 2022, ore 9:30
venerdì 11 novembre 2022, ore 9:30
 
Sessione invernale 2023-2024 (primi due appelli):
venerdì 20 – lunedì 23 gennaio 2023, ore 9:30
venerdì 10 – lunedì 13 febbraio 2023, ore 9:30

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma