Manuela Gianandrea

Associato
L-ART/01 ( Storia dell'arte medievale )
Storia Antropologia Religioni Arte Spettacolo
Stanza n. 8, Dipartimento SARAS, sezione Storia dell'arte Arte
Visualizza programmi a.a. 2019-2020  a.a. 2018-2019
Ricevimento
APPELLI PROF.SSA GIANANDREA 2019
Gio 03 Gen 2019 Ven 31 Gen 2020

Sessione invernale: 23 gennaio 2019; 6 febbraio 2019; 18 febbraio 2019.

Sessione straordinaria: 10 aprile 2019 (appello riservato).

Sessione estiva: 12 giugno 2019; 3 luglio 2019; 17 luglio 2019.

Sessione autunnale: 11 settembre 2019; 2 ottobre 2019.

Sessione straordinaria: 13 novembre 2019 (appello riservato). 

Sessione invernale 2020: 29 gennaio 2020. 

Italiano

Manuela Gianandrea è professore di Storia dell’arte medievale presso la Sapienza Università di Roma, dove attualmente è anche coordinatore del Dottorato di ricerca in Storia dell’arte e vicedirettore del Dipartimento di Storia Antropologia Religioni Arte e Spettacolo. Dal 2009 è curatore del Museo Domenicano di Santa Sabina all’Aventino, Roma. Dirige i progetti scientifici "Mapping Sacred Spaces. Form, Functions, and Aesthetics in Medieval Southern Italy" (Max-Planck-Institut für Kunstgeschichte e Sapienza Università di Roma), con Ruggero Longo ed Elisabetta Scirocco, e "La scultura altomedievale romana: studio e catalogazione del Fondo Mazzanti", con il sostegno del CISAM di Spoleto e della GNAM di Roma. Ha curato la mostra "L’Egitto a Roma. Dalla storia al mito" (Roma, Castel Sant’Angelo, 2008) e diversi convegni internazionali (Fondi nel Medioevo 2013; L’apogeo di Ravello nel Mediterraneo 2015; Gaeta medievale e la sua cattedrale 2016; Re-thinking, Re-making, Re-living Christian Origins 2016; Pietro Toesca a Roma e la sua eredità 2017). Dirige le collane di studi "Esordi" (De Luca Editore, Roma) e, con Pio F. Pistilli, la collana di studi "Medioevo Mediterraneo" (Campisano Editore, Roma); è membro del board editoriale delle riviste "Storia dell’arte" e "Fenestella", e del comitato scientifico delle collane "Corpus della Scultura Altomedievale in Italia" (Fondazione CISAM), "Quaderni napoletani di Storia dell’arte medievale" e "Quaderni di Sassovivo. Storia, arte, archeologia". Le sue ricerche vertono su Roma, il Patrimonium Petri e il Meridione nel Medioevo, in particolare sull’interazione tra immagini, opere e spazio sacro nonché sulla rilettura dei fenomeni artistici attraverso l’analisi delle fonti e il riesame della storiografia.


Inglese

Manuela Gianandrea is professor of Medieval Art History at the University of Rome La Sapienza; in addition, manuela is currently coordinator of the Ph.D. in Art History and deputy director of the Department of History, Anthropology, Religions, Art, and Scenical Disciplines, Sapienza. She is also curator of the Dominican Museum of Santa Sabina all’Aventino, Rome. She organized several international conferences (Fondi nel Medioevo 2013; L’apogeo di Ravello nel Mediterraneo 2015; Gaeta medievale e la sua cattedrale 2016; Re-thinking, Re-making, Re-living Christian Origins 2016; Pietro Toesca a Roma e la sua eredità 2017) and the exhibition La lupa e la sfinge. L’Egitto a Roma dalla storia al mito (Rome, Castel Sant’Angelo, 2008). Manuela Gianandrea is the coordinator of the international projects Mapping Sacred Spaces. Form, Functions, and Aesthetics in Medieval Southern Italy, with Ruggero Longo and Elisabetta Scirocco, in collaboration with Bibliotheca Hertziana–Max Planck Institut für Kunstgeschichte, and La scultura altomedievale romana: da ornamento a documento. Studio e catalogazione del Fondo Mazzanti, supported by Centro Italiano di Studi sull’Alto Medioevo and della Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma. She is the editorial chief, with Pio Pistilli, of the series Medioevo Mediterraneo (Campisano Editore, Rome). She is also member of the scientific board of the periodical "Storia dell’Arte" and "Fenestella", and of the series Corpus della Scultura Altomedievale in Italia, Quaderni napoletani di Storia dell’arte medievale, and Quaderni di Sassovivo. Storia, arte, archeologia.
Manuela Gianandrea published studies on medieval Rome and Southern Italy. Her researches are mainly focusing on the reinterpretation of the artistic phenomena through the analysis of textual sources and the reassessment of traditional historiography.


Nessuna pubblicazione disponibile.

Nessuna dispensa disponibile.

Nessun appello di esame disponibile.