Marcello Muste

Associato
M-FIL/01 ( Filosofia teoretica )
Filosofia
Dipartimento di Filosofia - Stanza 207
Visualizza programmi a.a. 2022-2023  a.a. 2021-2022
Ricevimento

Il ricevimento prosegue per appuntamento e con incontri in videoconferenza sulla piattaforma Meet.

Appello straordinario di esami del 10 novembre 2022
Dom 06 Nov 2022 lun 06 Nov 2023

L’appello straordinario di esami si svolgerà giovedì 10 novembre 2022.  

La commissione seguirà l’ordine di prenotazione su Infostud. 

Gli studenti devono presentarsi presso l’aula seminari al primo piano di Villa Mirafiori nel seguente ordine:

 

ore 9: nn. 1-18

ore 10: nn. 19 e seguenti

 

Gli studenti che hanno optato per l’esame da remoto riceveranno il link nella posta elettronica istituzionale alle ore 12.

 

Cambio orario e aula
Mar 04 Ott 2022 Mer 04 Ott 2023

Come è stato preannunciato, dalla prossima settimana la lezione di martedì si svolgerà dalle 9,30 alle 11,30 in aula 6 (non dunque in aula 3 dalle 10,30 alle 12,30).

Classroom
Dom 25 Set 2022 lun 25 Set 2023

Per il corso di laurea triennale del primo semestre su "Il Capitale di Marx. Una introduzione" ho creato una pagina su Classroom nella quale potremo condividere materiale didattico e scambiare osservazioni nel periodo delle lezioni. Potete iscrivervi fin da ora utilizzando il seguente codice:

bnv3zo7

 

 

Corso L 12 CFU primo semestre 2022-2023
lun 05 Set 2022 Mar 05 Set 2023

Queste sono le indicazioni essenziali relative al corso di Filosofia teoretica II.I, 12 cfu, per la laurea triennale. Il corso inizierà lunedì 3 ottobre 2022 e proseguirà con i seguenti orari:

lunedì - Aula 6 - 16,30-19,30

martedì - Aula 6 - 9,30-11,30

venerdì - Aula 6 - 13,30-15,30

 

Il Capitale di Marx. Una introduzione

Il primo libro del Capitale è il solo volume dell’opera pubblicato in vita dallo stesso Marx. Il secondo e terzo libro furono curati dall’amico Engels e pubblicati dopo la morte dell’autore. La prima edizione, apparsa nel 1867 per l’editore Otto Meissner di Hamburg, recava come sottotitolo: Il processo di produzione del capitale. Dopo i primi studi di economia politica, condotti nel periodo di Parigi e inizialmente esposti nei Manoscritti economico-filosofici del 1844, Marx aveva elaborato nell’esilio di Londra la sua nuova teoria economica, scrivendo nel 1857-1858 il manoscritto conosciuto come Grundrisse e pubblicando nel 1859 Per la critica della economia politica. È nel primo libro del Capitale, tuttavia, che si trovano esposti i concetti fondamentali del pensiero di Marx.

Il corso si propone di offrire allo studente una introduzione allo studio di questa opera, con particolare attenzione al lessico e alla struttura teoretica dei concetti. 

Nelle lezioni saranno considerati principalmente questi argomenti: 1) Considerazioni introduttive. Edizioni e periodizzazione degli studi economici di Marx. 2) La merce. 3) Lo scambio, il denaro, la circolazione. 4) Il capitale. 5) Il processo di valorizzazione e il plusvalore assoluto. 6) Capitale costante e capitale variabile. 7) La giornata lavorativa.

 

Testi:

S. Petrucciani, Marx in dieci parole, Carocci, Roma 2020

K. Marx, Il Capitale, traduzione di Delio Cantimori, Volume 1, Editori Riuniti (ove possibile, o altra edizione integrale in commercio), pp. 67-350. In particolare i primi otto capitoli, cioè le seguenti parti dell’opera: 

1) Prima sezione. Merce e denaro

2) Seconda sezione. La trasformazione del denaro in capitale

3) Terza sezione. La produzione del plusvalore assoluto

Appello di esami del 5 settembre 2022
Mar 30 Ago 2022 Sab 09 Dic 2023

L'appello di esami si svolgerà lunedì 5 settembre 2022.  

La commissione seguirà l’ordine di prenotazione su Infostud. 

Gli studenti devono presentarsi presso l’aula 5 di Villa Mirafiori alle ore 9.

Gli studenti che hanno optato per l’esame da remoto riceveranno il link nella posta elettronica istituzionale alle ore 11.

 

 

 

 

Italiano

Cenni biografici.
Marcello Mustè è nato a Roma, dove ha condotto gli studi universitari, laureandosi in Filosofia alla Sapienza nel 1984 con una tesi su Marx. Dal 1984 al 1987 è stato borsista dell'Istituto Italiano per gli Studi Storici di Napoli, dove ha poi svolto per molti anni attività didattica e di ricerca, collaborando con Gennaro Sasso. Dal 1985 al 1987, è stato redattore della “nuova serie” della “Rivista trimestrale”. Nel 1991 ha conseguito il titolo di dottore di ricerca alla Sapienza. Dal 1997 al 2005 ha lavorato alla "Fondazione Giovanni Gentile per gli Studi Filosofici" dell'Università "La Sapienza" in qualità di “Segretario e Curatore dell'archivio e della biblioteca di Gentile”. E' stato professore a contratto di Storia della filosofia dal 2001 al 2007, assegnista di ricerca di Filosofia morale (2005-2006), ricercatore di Filosofia teoretica dal 2007 e dal 2015. Dal 2015 è professore associato di Filosofia teoretica. Nel 2017 ha conseguito l'abilitazione di prima fascia nel settore di Filosofia teoretica. Dal 2012 al 2016 ha insegnato Ermeneutica filosofica, in qualità di Visiting Professor, alla Pontificia Università Antonianum.
 
Attività scientifica e accademica.
È membro del Consiglio scientifico della Fondazione Gramsci.
Con decreto del Ministro per i Beni e le Attività culturali del 7 ottobre 2019 è stato nominato membro della Commissione scientifica per l'Edizione Nazionale degli scritti di Antonio Gramsci, edita dall'Istituto della Enciclopedia Italiana.
Dal 2020 fa parte del Comitato scientifico del "Giornale critico della filosofia italiana".
Nel 2016 è stato nominato dal Ministro dei beni culturali Segretario del Comitato nazionale per il bicentenario della nascita di Bertrando Spaventa. Insieme a Marco Diamanti e Maria Rascaglia ha curato la prima edizione integrale dell'Epistolario di Spaventa.
Ha collaborato con l'Enciclopedia Italiana, in particolare ai volumi: Il contributo italiano alla storia del pensiero. Filosofia (ottava appendice), Enciclopedia machiavelliana e Croce e Gentile. La cultura italiana e l'Europa.
Fa parte, dal 2007, del Collegio dei docenti del Dottorato di ricerca in Filosofia.
È membro della Giunta di Dipartimento.
Ha diretto la rivista "Novecento" dal 1991 al 1999.
Fa parte del Comitato scientifico di alcune riviste: "Giornale critico della filosofia italiana", "Annali della Fondazione Gramsci", “La Cultura”, “Filosofia italiana”, “Lo Sguardo”, “Azimuth”, “Filosofia.it”.
Scrive su diverse riviste scientifiche, tra le quali, con maggiore continuità: "Giornale critico della filosofia italiana", "La Cultura", "Studi storici", "Filosofia italiana".
I suoi scritti sono stati tradotti in inglese, francese, spagnolo, turco.
 
Aree di interesse.
1) Filosofia italiana. Ha scritto saggi e monografie sulla storia dell'idealismo italiano, sul marxismo italiano, sulla cultura cattolica del Novecento e sulla filosofia italiana dell'Ottocento. Di particolare importanza sono le monografie dedicate a Vincenzo Gioberti, Benedetto Croce, Adolfo Omodeo, Franco Rodano e Felice Balbo. I due libri La filosofia dell'idealismo italiano e Marxismo e filosofia della praxis offrono una ricostruzione complessiva dei percorsi filosofici dell'idealismo e del marxismo in Italia. Le ricerche dedicate al pensiero di Antonio Gramsci occupano un posto di rilievo nel suo percorso scientifico. 
2) Teoria e storia della storiografia. Oltre le ricerche sulla storiografia italiana dell'Ottocento e del Novecento, ha studiato la storiografia francese delle “Annales”, dedicando una monografia all’opera di Marc Bloch. Nell'ambito della filosofia e della teoria della storia, ha pubblicato i due libri su La storia (Carocci, 2005) e Tra filosofia e storiografia (Aracne, 2011), quindi il saggio su Storia, metodo, verità (apparso originariamente in "La Cultura" e ristampato nel 2014, per un volume internazionale, dall’editore Unicopli), fino alle più recenti indagini sulla microstoria.
3) Filosofia tedesca da Hegel a Nietzsche. A partire dagli studi su Marx, a cui ha dedicato la tesi di laurea e alcuni scritti successivi (dalle indagini sui Kreuznacher Hefte alle più recenti ricerche sulla circolazione delle opere di Marx in Italia), ha approfondito lo sviluppo della filosofia tedesca tra Hegel e Nietzsche. A due temi hegeliani – la filosofia della storia e il concetto di “vita” – ha dedicato gli studi (i primi due capitoli) che si leggono nel volume Tra filosofia e storiografia. A Nietzsche ha dedicato una serie di corsi universitari e di relative dispense. 
 
Metodi e indirizzi di ricerca.
Ha condotto l’indagine teoretica in stretta relazione con gli studi di storia della filosofia, in generale nell’ambito della storia delle idee, adottando un metodo storico-critico che spesso privilegia l’uso di fonti archivistiche e di documentazione inedita, con una particolare attenzione alla filologia e alla storia dei testi. Cerca pertanto di coniugare una rigorosa analisi strutturale delle opere filosofiche con la ricerca storica, con particolare riguardo ai processi di lungo periodo della filosofia italiana e alla filosofia europea del secolo decimonono.


Inglese

Marcello Mustè was born in Rome, where he led his university studies. From 1984 to 1987 he was at the “Istituto Italiano per gli Studi Storici” in Naples, where he spent many years in research activities. From 1985 to 1987, he was editor of the "new series" of the "Rivista trimestrale". In 1991 he obtained the Ph.D. degree at Sapienza. From 1997 to 2005 he worked at the "Fondazione Giovanni Gentile per gli Studi Filosofici" as "Secretary and Editor of Gentile’s Archive and Library". He was professor of History of Philosophy from 2001 to 2007, fellow of Moral Philosophy (2005-2006), researcher of Theoretical Philosophy since 2007 and he is currently associate professor of Theoretical Philosophy. From 2012 to 2016 he was professor of Philosophical Hermeneutics, as Visiting Professor, at the Pontifical University Antonianum. He is a member of the Scientific Council of the “Gramsci Onlus Foundation”. He collaborated with the Enciclopedia Italiana, in particular with the books: "Il contributo italiano alla storia del pensiero. Filosofia" (eighth appendix), "Enciclopedia Machiavelliana" and "Croce e Gentile. La cultura italiana e l’Europa". Since 2007 he has been a member of the Faculty Board of the PhD program in Philosophy. He is a member of the Didactic Commission for the degree course and the Department Board. He directed the review "Novecento" from 1991 to 1999. He is part of the Scientific Committee of some rewies: "Annali della Fondazione Gramsci ", "La Cultura", "Filosofia Italiana", "Lo Sguardo", "Azimuth", "Filosofia.it". He writes in several scientific reviews, among which: "Giornale critico della filosofia italiana ", "La Cultura", "Studi storici". In 2016 he was nominated as Secretary of the National Committee for the bicentenary of the birth of Bertrando Spaventa. In the context of this activity he is curating the complete edition of Spaventa's Correspondance and the project for the National Edition of his works. He conducts the theoretical investigation in relationship with the studies of the history of philosophy and history of historiography, in general in the history of ideas, adopting a historical-critical method, with a large use of archival sources and unpublished documentation . His recent studies are addressed to the philosophy of Italian Marxism and in particular to the work of Antonio Gramsci, to whom he has dedicated specific research, also in relation to the publication of the National Edition of the works, promoted by the Fondazione Gramsci Onlus and in press for the Enciclopedia Italiana. The book "Marxism and philosophy of praxis: from Labriola to Gramsci" (Viella 2018) proposes a reconstruction of the whole development of Italian Marxism between the end of the nineteenth century and the middle of the nineteenth century. He has written essays and books on the history of Italian idealism - Bertrando Spaventa, Benedetto Croce, Giovanni Gentile, Adolfo Omodeo, Carlo Antoni, Luigi Scaravelli, Enrico De Negri, Guido Calogero, Ernesto De Martino, Eugenio Garin -, on Italian Marxism - from Antonio Labriola to Antonio Gramsci -, on the Catholic culture in the twentieth century - Franco Rodano, Felice Balbo, Giuseppe De Luca, Augusto Del Noce - and on the nineteenth-century Italian philosophy - Vincenzo Gioberti, Antonio Rosmini, Giuseppe Ferrari, Giacomo Leopardi , Francesco De Sanctis. Besides the research on Italian historiography of the nineteenth and twentieth centuries, he studied the French historiography of the "Annales", dedicating a book to the work of Marc Bloch. In the field of philosophy and theory of history, he wrote two books on “La storia” (Carocci, 2005) and “Tra filosofia e storiografia” (Aracne, 2011), and the essay on "History, Method, Truth" (originally appeared in "La Cultura" and reprinted in 2014, for an international book Unicopli), until the most recent studies on the micro-history and historiography of Carlo Ginzburg. Starting from his studies on Marx, he has deepened the development of the German philosophy between Hegel and Nietzsche.


E' presente 1 pubblicazione. Visualizza

E' presente 1 dispensa. Visualizza

15 novembre 2021
17 gennaio 2022
31 gennaio 2022
21 febbraio 2022
11 aprile 2022 (straordinario)
13 giugno 2022
27 giugno 2022
18 luglio 2022
5 settembre 2022
19 settembre 2022
7 novembre 2022 (straordinario)

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma