Valter Curzi

Ordinario
L-ART/02 ( Storia dell'arte moderna )
Storia Antropologia Religioni Arte Spettacolo
STUDIO 9, Dipartimento SARAS, sezione Storia dell'arte Arte
Visualizza programmi a.a. 2018-2019  a.a. 2017-2018
Ricevimento

MARTEDI' ORE 15-17

Iscrizione Prova Scritta 30 Maggio 2019
Mar 14 Mag 2019 Dom 02 Giu 2019

Si avvisano gli studenti del corso di Storia dell'Arte Moderna (12  cfu LT) che la prova scritta si terrà giovedì 30 maggio in aula 1 della Facoltà di Lettere e Filosofia alle ore 11.00.

Gli studenti interessanti sono intanto pregati di iscriversi inviando una mail al seguente indirizzo: antonella.murri@uniroma1.it.

Modifica definitiva del giorno di ricevimento
Gio 28 Feb 2019 Ven 28 Feb 2020

Si avvisa che d'ora in poi, a partire dal 5 marzo, il ricevimento del prof. Curzi si terrà il martedì dalle ore 15 alle 17.

 

 

Comunicazione dei Prossimi Ricevimenti
lun 04 Feb 2019 Mar 04 Feb 2020

Si avvisa che il prof. Curzi terrà il prossimo ricevimento il giorno 11 Febbraio alle ore 10.

La settimana seguente, invece, il ricevimento sarà sospeso e riprenderà regolarmente da giovedì 28 febbraio al consueto orario 15-17.

Spostamento del Ricevimento del 31 Gennaio 2019
Mar 29 Gen 2019 Mer 29 Gen 2020

Si avvisa che giovedì 31 gennaio il prof. Curzi non svolgerà il consueto ricevimento il quale è spostato a Lunedì 4 febbraio alle ore 12.

Risultati Esonero Triennale - Sessione Invernale 2018-2019
lun 28 Gen 2019 Gio 28 Gen 2021

A coloro che non hanno superato la prova scritta è consigliato vivamente di presentarsi al prossimo esonero scritto che si terrà alla fine del mese di Maggio 2019; tuttavia è concesso loro di sostenere l'esame orale da non frequentati all'appello del 21 febbraio 2019.

 

OTTIMO

1863776

1853709

1853826

1094563

1869915

1797598

1850370

1803499

1838761

1858367

1864680

1848201

1700535

1849781

1631348

1837795

1857264

1858122

 

MOLTO BUONO

Sarlo A. 

1856949

1846547

1864174

1861502

1871090

1743962

1862253

 

BUONO

1850294

1817802

1649580

1814901

1863784

1748462

1851522

1787016

 

SUFFICIENTE

490569

1857526

1868162

1863084

1839601

1852280

1864257

 

INSUFFICIENTE

1819002

1813893

1851537 

1834958

1828398

1868453

1816518

1795347

1837913

1846748

1861219

1872043 

1810899

1771037

1804071

1807343

1851999

1848299

1857949

1867218

1863228

1719139

1846604

 

 

 

Storie dell'arte per quasi principianti
Mar 18 Dic 2018 Dom 30 Giu 2019

Il libro V. Curzi, Storie dell'arte per quasi principianti, Milano, Skira 2018 è da oggi disponibile presso le seguenti librerie:

- Libreria "Chioschi Gialli" (Città Universitaria)

- Libreria "La Sapienza" (Viale Ippocrate, 158)

- Libreria "Dias" (Viale Ippocrate, 103-105)

A partire da metà gennaio sarà possibile acquistare il testo presso tutte le librerie "La Feltrinelli".

Programma dei corsi
Mar 13 Nov 2018 Dom 30 Giu 2019

Programmi dei corsi 2018-2019

Storia dell'arte moderna 6 CFU

Per gli studenti dei cdl: Lingue,culture,letterature, traduzione; Scienze della moda e del costume; Arti e scienze dello spettacolo; Storia,antropologia,religioni.

Metodologia della storia dell’arte moderna. Riflessioni su strumenti e percorsi

 

Come si studia la storia dell’arte? Quali sono gli strumenti metodologici dei quali fa uso la disciplina? Il corso intende dare risposte a queste due  domande secondo un percorso che attraversa la storia dell’arte italiana dal Quattrocento  al Settecento, soffermandosi su personalità e contesti particolarmente significativi. Gli studenti oltre alla conoscenza degli argomenti affrontati nel testo d’esame  dovranno dimostrare una conoscenza adeguata degli artisti citati nel volume servendosi dei pawerpoint disponibili nel sito del docente alla voce dispense. Dovranno inoltre conoscere i saggi di seguito elencati.

 

V. Curzi, Storie dell’arte per quasi principianti, Milano, Skira 2018 (uscita prevista novembre 2018)

 

- G. Gentilini, Brunelleschi e Ghiberti, Donatello e Luca della Robbia, Masaccio: le arti a confronto, in Lezioni di Storia dell’Arte. Dall’Umanesimo all’età barocca, vol. II, Milano Skira, s.d., pp. 23-49

- F. Frangi, Caravaggio a Roma e il primo caravaggismo, in Lezioni di Storia dell’Arte. Dall’Umanesimo all’Età barocca,II, Milano, Skira 2003, pp. 449-479
–    E. Riccomini, Il Barocco in Italia, in Lezioni di Storia dell’Arte. Dal trionfo del barocco all’età romantica,III, Milano, Skira 2003, pp. 17- 39
(Gli ultimi tre contributi sono disponibili in pdf  presso la Biblioteca Giulio Carlo Argan  del Dipartimento di Storia dell’Arte)

 

Per i non frequentanti

Gli studenti non frequentanti dovranno approfondire un argomento a scelta del libro di Curzi servendosi della bibliografia citata nel volume  stesso.

 

Sono inoltre obbligatorie le seguenti visite:

Ponte Sant’Angelo, Piazza e Basilica di San Pietro

Galleria Nazionale d’arte antica di Palazzo Barberini (Collezione e Palazzo)

Galleria Borghese

Piazza Navona e Chiesa di S. Agostino

Chiesa di S. Luigi dei Francesi

Piazza del Popolo e Chiesa di S. Maria del Popolo

 

Methodology of the history of modern art. Reflections on instruments and approaches.

 

How to study history of art? What are the methodological tools used by the discipline? The course answers to these questions according to an approach that goes through the history of Italian art from the fifteenth to the eighteenth centuries, focusing on particularly relevant personalities and contexts.

In addition to the knowledge of the topics covered in the exam text, the students will have to demonstrate an adequate knowledge of the artists mentioned in the volume using the PowerPoint presentations available on the teacher's website under the item handouts. They must also know the essays listed below.

 

 

Storia dell'arte moderna I 12CFU

Per gli studenti dei cdl: Studi storico-artistici

Storia dell’arte  in Italia tra Quattrocento e Settecento. Metodologia e percorsi

 

Come si studia la storia dell’arte? Quali sono gli strumenti metodologici dei quali fa uso la disciplina? Il corso intende dare risposte a queste due  domande e al contempo fornire una conoscenza di base della Storia dell’Arte italiana tra Quattrocento  al Settecento, soffermandosi su personalità e contesti particolarmente significativi. Oltre al testo di carattere metodologico,  gli studenti dovranno conoscere in maniera approfondita gli argomenti trattati a lezione servendosi dei pawerpoint (disponibili nel sito del docente alla voce dispense) e di uno dei due manuali citati.

 

V. Curzi, Storie dell’arte per quasi principianti, Milano, Skira 2018

 

1)P. De Vecchi, E. Cerchiari, Arte nel tempo, Bompiani, Milano 2005, vol. 2,  tomi I e II; vol 3, tomo I, pp. 1-99.
2) Carlo Bertelli, Giuliano Briganti, Antonio Giuliano, Storia dell’Arte Italiana, nuova ed. Electa Mondadori, Milano 1992, voll. II e III.

 

Per i non frequentanti

Dovranno  approfondire un argomento a scelta del libro Storie dell’arte per quasi principianti servendosi della bibliografia citata nel libro stesso.

 

E’ inoltre obbligatorio aver effettuato almeno le seguenti visite a Roma:
–    Musei Vaticani (Musei di Antichità, Pinacoteca Vaticana, Cappella Niccolina, Appartamento Borgia, Stanze e Loggia  di Raffaello, Cappella Sistina)
–    Piazza del Campidoglio e Musei Capitolini (Palazzo Nuovo, Palazzo dei Conservatori e Pinacoteca Capitolina)
–    Galleria Borghese (Casino e collezione artistica)
–    Palazzo Barberini e Museo Nazionale d’Arte Antica di Palazzo Barberini
–    Galleria Doria Pamphilj
–    Villa Farnesina
–    Piazza del Popolo e Chiesa di S. Maria del Popolo
–    Chiesa del Gesù
–    Chiesa Nuova e Oratorio dei Filippini
–    Chiesa di S. Ivo alla Sapienza
–    Chiesa di S. Luigi dei Francesi
–    Chiesa di S. Agostino
–    Chiesa di S. Andrea della Valle
–    Piazza Navona e chiesa di S. Agnese in Agone
–    Piazza San Pietro e Basilica Vaticana
–    Piazza del Quirinale e Chiesa di S. Andrea al Quirinale
–    Chiesa di S. Carlo alle Quattro Fontane
–    Chiesa di S. Maria della Vittoria
–    Chiesa di S. Giovanni in Laterano
 

12 CFU

History of art in Italy between the fifteenth and eighteenth centuries. Methodology and approaches

 

How to study history of art? What are the methodological tools used by the discipline? The course answers to these questions according to an approach that goes through the history of Italian art from the fifteenth to the eighteenth centuries, focusing on particularly relevant personalities and contexts.

In addition to the knowledge of the topics covered in the exam text, the students will have to demonstrate an adequate knowledge of the artists mentioned in the volume using the PowerPoint presentations available on the teacher's website under the item handouts. They must also know the essays listed below.

 

-       V. Curzi, Storie dell’arte per quasi principianti, Milano, Skira 2018 (scheduled for publication in November 2018)

 

-       P. De Vecchi, E.Cerchiari, Arte nel tempo, Bompiani, Milano 2005, Vol. 2,  t. I and II; Vol. 3, t. I, pp. 1-99.

 

-       Carlo Bertelli, Giuliano Briganti, Antonio Giuliano, Storia dell’Arte Italiana, nuova ed. Electa Mondadori, Milano 1992, Voll. II and III.

 

For non-attending students

 

Non-attending students will have to deepen an argument at their choice from the book V. Curzi, Storie dell’arte per quasi principiantiusing the bibliography mentioned in the book itself.

 

Are also mandatory  the visits of the following sites in Rome:

–    Musei Vaticani (Musei di Antichità, Pinacoteca Vaticana, Cappella Niccolina, Appartamento Borgia, Stanze e Loggia  di Raffaello, Cappella Sistina)
–    Piazza del Campidoglio e Musei Capitolini (Palazzo Nuovo, Palazzo dei Conservatori e Pinacoteca Capitolina)
–    Galleria Borghese (Casino e collezione artistica)
–    Palazzo Barberini e Museo Nazionale d’Arte Antica di Palazzo Barberini
–    Galleria Doria Pamphilj
–    Villa Farnesina
–    Piazza del Popolo e Chiesa di S. Maria del Popolo
–    Chiesa del Gesù
–    Chiesa Nuova e Oratorio dei Filippini
–    Chiesa di S. Ivo alla Sapienza
–    Chiesa di S. Luigi dei Francesi
–    Chiesa di S. Agostino
–    Chiesa di S. Andrea della Valle
–    Piazza Navona e chiesa di S. Agnese in Agone
–    Piazza San Pietro e Basilica Vaticana
–    Piazza del Quirinale e Chiesa di S. Andrea al Quirinale
–    Chiesa di S. Carlo alle Quattro Fontane
–    Chiesa di S. Maria della Vittoria
–    Chiesa di S. Giovanni in Laterano
 

 

Italiano

Valter Curzi è nato a Ostra Vetere (AN) e si è laureato presso l’Università degli Studi di Urbino nel 1986. Ha completato la sua formazione nell’Università di Roma “La Sapienza”, dove si è specializzato in Storia dell’Arte Medievale e Moderna, e nell’Università di Perugia dove ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca in Storia dell’ Arte Moderna. Dal  2005 al 2017 è stato Professore Associato di Storia dell’Arte Moderna presso la Facoltà di Filosofia, Lettere, Scienze Umanistiche e Studi Orientali dell’Università di Roma “La Sapienza” (www.filesuso.uniroma1.it), dove negli anni precedenti ha tenuto a contratto gli insegnamenti di Catalogazione informatica dei beni storico-artistici e di Legislazione artistica, sia nel Corso di Laurea, sia nella Scuola di Specializzazione di Storia dell’arte Medievale e Moderna. Dal 2017 è Direttore della Scuola di specializzazione in Beni storico Artistici della Sapienza (dassspecializzazione.uniroma1.it/)e dal gennaio 2018 è professore ordinario presso la stessa università. E' socio ordinario dell'Accademia Raffaello  e dal 2017 curatore del progetto scientifico per il riallestimento del Museo Casa natale Raffaello di Urbino. E’ membro del Comitato Scientifico delle Galleria Nazionali d’Arte Antico di Roma Palazzo Barberini-Galleria Corsini.
I suoi studi, così come l’impostazione della didattica universitaria, sono orientati a indagare gli interscambi culturali e i rapporti tra centro e periferia nell’ambito della storia dell’arte, oltre che nel settore della tutela e della conservazione del patrimonio culturale. Secondo tale indirizzo, egli ha contribuito, in particolare, a ampliare le ricerche sulla cultura artistica romana del Settecento, analizzata nei suoi aspetti interdisciplinari e nel suo carattere cosmopolita, così come documentato nella cura delle mostre Roma e l’Antico. Realtà e visione nel ‘700 (Fondazione Roma Museo, 2010, catalogo Skira); Hogarth, Reynols, Turner. Pittura inglese verso la modernità (Fondazione Roma Museo 2014, catalogo Skira).
Del contesto pontificio ha inoltre studiato il tema della salvaguardia del patrimonio monumentale e artistico tra Settecento e Novecento analizzandone i dettati legislativi, le modalità operative, il dibattito culturale (si veda in particolare Bene culturale e pubblica utilità. Politiche di tutela a Roma tra Ancien Régime e Restaurazione, Minerva Edizioni 2004, II ed. 2017); facendo nel contempo emergere l’apporto di figure di rilievo quali Giovanni Battista Cavalcaselle, Adolfo Venturi e Corrado Ricci.
Tra i più recenti interessi quello della comunicazione e della diffusione  della conoscenza della disciplina, così come documentato dalla cura del volume Comunicare il museo oggi. Dalle scelte museologiche al digitale (Skira, 2016) e della mostra Il Museo Universale. Dal sogno di Napoleone a Canova (Scuderie del Quirinale, 2016-2017, catalogo Skira).
 
 
 


Inglese

Valter Curzi graduated at the University of Urbino in 1986. He earned his Master Degree in Modern and Medieval Art at the University of Rome “La Sapienza” in 1996 and the PhD in Modern Art at the University of Perugia in 2003. From 2005 to 2017 he was Associated Professor of Modern Art at the Faculty of Liberal Studies of the University of Rome “La Sapienza”, where he was formerly Lecturer in Catalogazione informatica dei beni storico-artistici and Legislazione artistica, both for undergraduate and graduate classes of Modern and Medieval Art Courses. Since 2017 he is Director of the Scuola di Specializzazione (M.A. degree) in Historic Artistic Heritage of the University of Rome "La Sapienza" (dassspecializzazione.uniroma1.it/) and since January 2018 he is Full Professor at the same University. He is an ordinary member of the Accademia Raffaello and from 2017 he is the curator of the scientific project for the re-establishment of the Casa Natale di Raffaello Museum in Urbino. He is a member of the Scientific Committee of the Galleria Nazionale d’Arte Antica in Rome Palazzo Barberini-Galleria Corsini. He devoted his studies in particular to the dynamics centre/periphery in the artistic production as well as in the protection and conservation of cultural heritage. According to the direction of his research he has contributed to renovate the art history studies on the eighteenth century roman art by analyzing the role played by patrons in the provinces of the Papal State. With regard to the scope of his research he edited the exhibition Domenico Corvi (1998), one of the most important protagonists of the roman artistic world of the second half of the eighteenth century. He has also studied the issues in the conservation of cultural heritage in the Papal State between the nineteenth and the twentieth century, focusing on legislation, interventions and the contemporary cultural debate, stressing the contribution of important institutional figures such as Giovanni Battista Cavalcaselle, Adolfo Venturi and Corrado Ricci (see in particular Bene culturale e pubblica utilità. Politiche di tutela a Roma tra Ancien Régime e Restaurazione, Minerva Edizioni 2004, II ed. 2017);. The exhibition Venezia: la tutela per immagini. Un caso esemplare dagli archivi della Fototeca Nazionale edited by Curzi in 2005 has offered a new methodological approach in the studies on the conservation of national cultural heritage. With his most recent studies he has contributed to broaden the research on the Roman artistic culture of the eighteenth century, analyzed in its interdisciplinary aspects and in its cosmopolitan character, as documented by his direction of the exhibitions Roma e l’Antico. Realtà e visione nel ‘700 (Fondazione Roma Museo, 2010, catalog edited by Skira); Hogarth, Reynolds, Turner. Pittura inglese verso la modernità (Fondazione Roma Museo 2014, catalog edited by Skira). Among the most recent interests is that of communication and dissemination of knowledge of the discipline, as documented by the volume Comunicare il museo oggi. Dalle scelte museologiche al digitale (Skira, 2016) and by the exhibition Il Museo Universale. Dal sogno di Napoleone a Canova (Scuderie del Quirinale, 2016-2017, catalog edited by Skira).


Sono presenti 8 pubblicazioni. Visualizza

Sono presenti 22 dispense. Visualizza

30 Maggio (Prova scritta)
4 Giugno (Prova orale)
11-17 Luglio (Prova orale)
5 Settembre (Prova orale)
17 Settembre (Prova orale)